Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

Sacred Landscape di Douglas Beasley
Autore: Officine fotografiche - Pubblicato il 28/10/12 - Categoria Mostre
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 3433 volte

Share |

Officine Fotografiche apre la stagione espositiva con il fotografo americano Douglas Beasley che, il 9 novembre, presenta Sacred Landscape, un percorso intimo che esprime i valori e la spiritualità dei luoghi sacri degli Indiani nordamericani. L’autore, il 10 e l’11 novembre, condurrà anche un workshop perfetto per chi desidera connettersi con il proprio io  e cogliere l’essenza nella propria visione. 


La visione personale del fotografo americano Douglas Beasley, esplora gli aspetti spirituali della gente e dei luoghi e si occupa di come il sacro è riconosciuto ed espresso nella vita quotidiana. Egli auspica che le sue fotografie agiscano come delle offerte-preghiera e sono da intendersi come punto di partenza sia per il proprio cammino spirituale o visivo che per quello dello spettatore.

Nelle immagini scelte per la mostra “Sacred Landscape” (Paesaggio Sacro), presentata nel 2011 a Genova,  la maggior parte fatte nel Sud Dakota nei territori degli Indiani Lakota - Sioux,  Beasley  opera la  scelta precisa di cercare di trasmettere la sensazione, la spiritualità di un luogo ribaltando le aspettative di ciò che significa “vedere”.  L’immagine deve scaturire, deve crearsi dal rapporto con il soggetto: la ricerca dell’essenza, della spiritualità di quello che si ha davanti all’obiettivo.

Nello specifico: il vento sulle acque del Lago Michigan, Wisconsin o fra gli alberi presso il  sito del massacro di Corn Creek, South Dakota.  Un temporale in arrivo sulle Badlands, South Dakota, rocce e ghiaccio sul Lago Superior, Minnesota. Un sasso a forma di cuore legato intorno ad un tronco con del filo spinato come tributo personale ai caduti di Wounded Knee,  South Dakota. Preghiere e offerte in forma di strisce di stoffa annodate ai rami degli alberi di Bear Butte, South Dakota o il telaio di un Sweat Lodge (capanna sudatoria)  presso Pipestone, Minnesota.

 

Se la fotografia è l’arte di riconoscere ed onorare la vita in un singolo momento, fotografando il paesaggio sacro, Beasley, come scrive Maria Camilla De Palma – Direttrice Castello D’Albertis, Museo delle Culture del Mondo – al quale Beasley ha donato un’istallazione di 11 opere

permettendo di aprire una nuova sezione permanente del museo dedicata al paesaggio sacro nordamericano -   “ha scelto di onorare gli Indiani nordamericani fotografando quanto a loro è più sacro e quanto maggiormente esprime i loro valori e la loro spiritualità: un paesaggio che è sacro perché  vi sono vissuti gli antenati, perché è stato consegnato loro dagli antenati e soprattutto perché rappresenta gli antenati stessi”.  Ma questa mostra non è solo sul passato; questi luoghi sono ancora oggi considerati sacri e  sono  attivamente utilizzati dalle popolazioni indiane d’America  per le loro cerimonie e i loro “viaggi” spirituali. Le fotografie di Beasley sono intese per chi le osserva come un’apertura a trovare una connessione emotiva con questi luoghi sacri. La maggior parte delle fotografie sono state create usando un vecchio banco ottico di legno 4”x5”,  la pellicola Polaroid Tipo 55 bianco e nero, positivo/negativo in grado di fornire sia una stampa positiva che un negativo 9x11,5cm a sviluppo immediato. Dopo lo sviluppo e l'apertura il negativo così trattato viene subito  fissato in Sodio iposolfito al 18% e poi lavato. Per le altre immagini è stata usata una Hasselblad medio formato con pellicola Kodak Tri-X 400 120mm.  I negativi sono stati scansionati a tamburo e le immagini finali sono delle stampe d’archivio a getto d’inchiostro su carta da acquarello.

Inaugurazione venerdì 9 novembre, ore 18.30

La mostra Sacred Lanscape prosegue dal 12 al 30 novembre

Dal lunedì al venerdì ore 10.00 – 19.00


Workshop

Zen & the Art of Photography

a cura di Douglas Beasley

Sede: Officine Fotografiche

Giorni: sabato 10 e domenica 11 novembre 2012

Orari: 10.00 - 18.00

Partecipanti: min. 8 max. 16

http://officinefotografiche.org

Share |
TTA world Pics
Here at https://traveltalesaward.com/tta-world-pics/ are the 40 works that will be exhibited at...
CCF BOOK AWARD Winner
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2022, previsto dal 29 giugno al 3 lugli...
Iscrivi una foto GRATIS a URBAN Photo Awards 2022!
La fotografia è la grande passione che da 13 anni condividiamo con autori da tutto il mondo. Per que...
Corigliano Calabro Fotografia
XIX EDIZIONE CORIGLIANOCALABROFOTOGRAFIA  29/30 giugno 1/3 luglio 19a edizione per il festiv...
Corigliano Calabro Festival
XIX EDIZIONE CORIGLIANOCALABROFOTOGRAFIA  29/30 giugno 1/3 luglio 10 mostre - Livio Sen...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
06 Luglio 2022         a Francia   (Torino)
Essere in Provenza a Luglio,significa essere al centro di una poesia pura ed avere l’occasione perfe..[continua]
13 Agosto 2022         a SUD AFRICA   (Lecco)
VIAGGIO FOTOGRAFICO IN SUD AFRICA ..[continua]

  Popular Tags  
artista genova Wedding vacanze B&W Astratto apple ten collection rassegne Colori Still Life Abruzzo workshop photofestival sala posa rivista
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13957 Utenti Registrati + 34389 Iscritti alla Newsletter
6957 News Inserite - 1868 Articoli Inseriti
2818 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate