Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Tutorial » Scheda Articolo

Capture One Pro 7: Archivio sempre sotto controllo con Sessioni e Cataloghi
Autore: Image Consult srl - Pubblicato il 24/01/13 - Categoria Tutorial
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 4073 volte

Share |



Lavorando con Capture One Pro 7 abbiamo a disposizione due metodi per organizzare le immagini e le relative regolazioni:
1. Le Sessioni
2. I Cataloghi
Nelle versioni precedenti di  Capture One, per organizzare le immagini disponevamo soltanto delle Sessioni; con  Capture One Pro 7 abbiamo un'opzione in più: la funzione Cataloghi.

Perché due metodi diversi?

Inizialmente  Capture One era un software di acquisizione di file Raw prodotti in studio e una soluzione per gestire i flussi di lavoro i cui scatti erano realizzati sempre in modalità cablata. L’approccio basato sulle Sessioni è nato proprio per gestire i flussi di lavoro di questo tipo.

Quando creiamo una nuova sessione per un nuovo lavoro,  Capture One crea automaticamente una struttura a cartelle  contenente tutti gli elementi relativi a uno scatto, compresi i file Raw, le regolazioni, le anteprime e una cartella di output per le immagini elaborate. Quando lo scatto sarà completo, la cartella Sessione conterrà tutto e potrà essere facilmente spostata dal computer dello studio a un altro computer per ulteriori modifiche o per un’archiviazione permanente.

I Cataloghi di  Capture One Pro 7 costituiscono un nuovo metodo per organizzare le immagini. I Cataloghi sono nati per soddisfare le esigenze di fotografi professionisti e appassionati che eseguono molti scatti singoli e desiderano compiere agevolmente le loro ricerche tra un gran numero di immagini. I Cataloghi sono anche uno strumento efficace per organizzare le immagini in Progetti e Album tematici, basati su progetti o committenti specifici e altro oppure, per esempio, per illustrare brillantemente un portfolio.

In  Capture One Pro 7 i Cataloghi sono molto flessibili e incorporano una fantastica funzione che permette di visualizzare e modificare i file salvati su file server o hard disk esterni remoti, che altrimenti non sarebbero sempre disponibili.

Questa caratteristica esclusiva consente di viaggiare con un ampio Catalogo sempre a disposizione, visualizzare le immagini ed effettuare regolazioni anche se le immagini sono archiviate in un hard disk a casa o in studio.

Ecco qui di seguito un elenco di vantaggi e limiti nell’uso di diversi metodi di organizzazione delle immagini con  Capture One Pro 7.

1) Creando una nuova Sessione per ogni nuovo lavoro o progetto



Vantaggi:
  • Struttura a cartelle comprendente tutti gli elementi per una facile archiviazione.
  • La struttura a cartelle, comprendente tutti gli elementi, incluse le regolazioni e le anteprime, può essere facilmente spostata su altri computer.
  • Cartella automatica Acquisizione per raccogliere le immagini acquisite in modalità cablata.
  • Creazione automatica di una cartella Output per le immagini elaborate.
  • La cartella Cestino e la cartella Selezionate consentono di contrassegnare le immagini importanti.
  • Nessun rischio di mescolare le immagini di diverse serie di scatti o di diversi clienti.
  • Funzionalità completa di ricerca all’interno delle Sessioni di immagini.
  • Le singole immagini possono essere spostate facilmente da un computer a un altro conservando le regolazioni con il formato .EIP.
Limiti:
  • La ricerca non è possibile tra immagini appartenenti a Sessioni diverse.

2) Usando la Sessione di default e muovendosi all'interno delle cartelle in cui abbiamo collocato i file Raw

Vantaggi:
  • Possiamo collocare le nostre immagini in qualunque serie di file in base alle nostre esigenze.
  • Possiamo in qualunque momento spostare le nostre cartelle immagini in altre collocazioni mantenendo tutte le regolazioni e le anteprime di  Capture One.
  • Non occorre di conoscere tutti i dettagli del funzionamento una Sessione.
Limiti:
  • La funzionalità di ricerca non è completa perché si possono cercare e filtrare soltanto le immagini nella Cartelle Sessione o Cartelle Preferite Sessione.
  •  Capture One genera delle sottocartelle all'interno di tutte le cartelle per racchiudere le regolazioni e le anteprime. Questo può creare difficoltà quando si cerca un’immagine nel file system.
  • Le immagini elaborate vengono sempre aggiunte nella cartella di Output della Sessione.
  • Non si trae un reale vantaggio dalle Sessioni come concetto.
  • Le cartelle Cestino e Output della Sessione possono contenere immagini di diversi clienti.

3) Usando i cataloghi per organizzare le nostre immagini

Completa la lettura, clicca qui

Gli articoli cui si fa riferimento sono una libera traduzione del tutorial Phase One pubblicato su The Image Quality Professor's Blog
Share |
DREAMLANDS
In partenza la nuova iniziativa di  Isp, che in collaborazione con Photographers.it  propo...
vincitore CCF book award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione   previsto ...
TRAVEL TALES AWARD
In un momento storico in cui  i Fotografi hanno dovuto forzatamente chiudere le valigie in cant...
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
personale fotografico analogico nikon Canon studio fotografico roberto mutti FineArt cibo shooting Hahnemuhle multimedia donne solidarietà new york Siena
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13904 Utenti Registrati + 29182 Iscritti alla Newsletter
6890 News Inserite - 1847 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate