Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food   www.esta-usa-visto.it/              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Cultura Fotografica » Scheda Articolo

In memoria di Gabriele Basilico
Autore: Redazione - Pubblicato il 18/02/13 - Categoria Cultura Fotografica
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 3118 volte

Share |

In memoria di Gabriele Basilico ripubblichiamo un'intervista che gli fece Mariateresa Cerretelli in occasione della sua mostra su Instambul nel 2010, dove l'autore delinea bene il suo approccio al progetto.


Gabriele Basilico guarda sempre alle città come corpo fisico in perenne movimento e metafora degli aspetti sociali del nostro tempo?

GABRIELE BASILICO: E’ un mio metodo costante e continuo che si evolve di volta in volta in rapporto allo spazio e al tempo. Appartiene ad un atteggiamento più generale in cui mi domando come si fa oggi a raccontare con la macchina fotografica una città , specialmente quando una città acquista una dimensione come quella di
Istanbul. La mia fotografia è una specie di sonda che si muove in luoghi che mi interessano e che sono quasi sempre quelli della trasformazione urbana, cioè dove la città cresce, cambia volto e prende forma. Cerco di vedere anche l’aspetto antico, quello che sparisce , quello che sopravvive e quello che avanza. Questo lavoro su
Istanbul non poteva che essere fatto per una strategia di piccoli campioni, presi in punti diversi della città che non fossero i grandi monumenti o le classiche immagini  della città che vengono veicolate. Intendevo trovare parti
per me più evocative e personali. Ho ricordato un viaggio in macchina nel 1970 quando non ero ancora fotografo dove con Giovanna (Calvenzi) abbiamo attraversato tutta la Turchia e l’Iran e la tappa più importante è stata Istanbul. Nel 1970 a Istanbul, per andare da Ovest a Est c’erano i traghetti, non c’erano ponti, un po’ come lo Stretto di Messina. Adesso ci sono due ponti enormi, come a San Francisco, con un traffico intensissimo. E tutto l’Est si estende per chilometri su una sorta di terreno collinare.
Quindi abbiamo questa città estesa , periferie, luoghi dell’estremo e di nuova urbanizzazione e tutta quella zona di case vecchie della Istanbul ottocentesca, fatta anche di case di legno lungo il Bosforo.

Cosa è rimasto della tradizione e quali aspettative del futuro si riflettono nella città attraverso le tue immagini?

GABRIELE BASILICO: Per rispondere bene a questa domanda, bisognerebbe avere un osservatorio scientifico. Questa città ha raggiunto, secondo le guide, 15 milioni e oltre di abitanti ma che arrivano forse a 20 probabilmente. E’ una megalopoli che cresce ogni giorno e i cantieri producono a getto continuo volumetrie nuove. Diventerà come è diventata Il Cairo o come Mosca. Tra l’altro conta su una popolazione giovane e quindi avrà un grande sviluppo. Mi dà la sensazione di una città un po’ caotica, sopratutto nel centro, ma sta mettendo tanta energia. Il futuro è suo. Cosa rimane? Secondo me rimarrà poco. L’atteggiamento conservativo non è molto considerato. Mi è sembrato che qualche palazzo fosse in restauro, però su iniziative private. Una megalopoli molto vitale comunque che contiene tutto. Ha il mare, il Corno d’Oro e ancora, in mezzo al suono della città, soffocato dal rumore della metropoli, si sente forte e insistente la voce del muezzin.

Com’è il cuore di Istanbul, visto con il tuo cuore di fotografo?

GABRIELE BASILICO: Adesso si deve andare a cercare. Quando si arriva in aereo, la prima impressione è forte. Poi si scende, si va per piccole location diverse per arrivare nel cuore delle moschee, risalire il Corno d’Oro e andare a vedere dove era Pierre Loti. Le mie emozioni di 40 anni fa non si possono paragonare a quelle dei visitatori di oggi. Ricordo che quando arrivavi con il ferry e mettevi giù i piedi nell’Est, si diceva con un’aria sentimentale e di complicità: “Ma siamo all’Est del mondo, di là è l’Europa , di qua è l’Asia e la terra è uguale, divisa da un solco di mare” Però ti sembrava che di qui ci fosse più polvere in giro e che i muezzin avessero l’altoparlante più forte. Oggi tutto questo non c’è più .Un po’ perché mi sono immerso nella città che si sta proiettando verso il futuro e poi perché mi sono reso conto che questi due ponti che connettono tonnellate di acciaio e di auto al giorno sono due tapis roulant che congiungono la stessa città.

Mariateresa Cerretelli

Share |
New-Post Photography
MIA Photo fair è lieta di annunciare New-Post Photography?, una nuova iniziativa volta a...
Photolux 2019
torna Photolux Festival, la biennale che getta uno sguardo limpido sul panorama fotografico int...
Inaugurazione mostra Over.State di Ilias Georgiadis
Inaugurazione Over.State di Ilias Georgiadis a cura di Michele Corleone Giovedì 14 novembre ore 19 ...
Wildlife Photographer of the Year 54
In scena a Milano il Wildlife Photographer of the Year, la mostra di fotografie naturalistiche pi&ug...
Nell interno - Pio Tarantini
Red Lab Gallery/Miele di via Solari 46 a Milano inaugura la nuova stagione espositiva in uno spazio ...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
11 Dicembre 2019         a Roma   (Roma)
Una masterclass di 15 giorni dedicata alla Fotografia Documentaristica..[continua]
27 Dicembre 2019         a CAMBOGIA   (Lecco)
workshop fotografico dedicato alla fotografia di reportage I partecipanti lavoreranno a ideazione, s..[continua]

  Popular Tags  
Parigi formazione fotoritocco campagna libro selezione colore movimento mariateresa cerretelli volti premio luce national geographic salento riflessi immigrazione
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13845 Utenti Registrati + 15766 Iscritti alla Newsletter
6835 News Inserite - 1828 Articoli Inseriti
2815 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate