Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Fotografia & Dintorni » Scheda Articolo

L'illusione del budino nelle foto d'artista
Autore: marco giammarinaro - Pubblicato il 14/06/13 - Categoria Fotografia & Dintorni
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 2960 volte

Share |

POIRINO Scatti da un’esposizione di delizie culinarie? Macché, i vari tiramisù, bavaresi e budini, immortalati da Marco Giammarinaro per la mostra “Dolcetto o scherzetto”, sono in realtà creazioni di bagnoschiuma, shampoo e accessori di uso quotidiano, con un leggero ritocco di colore al computer. Si potranno vedere al Caffè della Riva di Poirino, in passeggiata Marconi 6, dal 25 febbraio al 25 marzo, dalle 8 alle 20, tutti i giorni tranne la domenica. Ingresso libero. «L’idea era quella di non fotografare le stesse cose “scontate” di sempre, ma creare qualcosa di nuovo», spiega Giammarinaro. Anche se l’idea giusta non è venuta subito. Originario di Pralormo, 26 anni, studente di Biologia a Torino, residente a Moncalieri, ha un suo sito: http://giammarinaromarco.wi x.com/marcogiammarinaro E lì racconta di aver cominciato creando opere attraverso software di grafica, salvo accorgersi «di essere finito su un terreno già abusato». Poi un prezioso regalo di amici cambia tutto: «Con la reflex ho cominciato a divertirmi», confessa. Ecco allora l’idea del “Dolcetto o scherzetto”: Giammarinaro comincia a preparare da sé i propri soggetti, attraverso materiali apparentemente inservibili. In “Geometrie vellutate”, la falsa panna è montata con schiuma da barba e oli, stessi ingredienti di “Sensazioni al gusto di caffé” (concedendo, in questo caso, l’utilizzo di vera macina). “Soffice amarezza”, che per la forma sembra una panna cotta, è invece una base di schiuma e bagnodoccia montata su un cd-rom, fotografata e poi corretta nel colore tramite un software: e qui si riconosce l’antica vocazione grafica «Un mix tra fotografia ed arte, senza che l’una o l’altra prevalga», commenta Giammarinaro. Che ammette:«Sono sostanzialmente un autodidatta». Ma non per questo sono mancati i riconoscimenti: tra questi, l’esposizione di una sua opera, “Codice d’essenza”, alla galleria La Permanente di Milano; la finale all’edizione 2011 di “Assaggi d’immagine” a Savona; e la personale “Palcoscenico - Arte e design”, a Torino, lo scorso giugno. L’obiettivo dichiarato, di fronte a una schiuma da barba che sembra un dolce: «Voglio che la persona che osserva si chieda “cos’è?”, che mi dia una risposta... e che sbagli». Alla fine,Marco Giammarinaro confessa il suo divertimento: «Per lo più sbagliano!».

tratto dall articolo di Marco Giacinto del "Corriere di Chieri"

Share |
vincitore CCF book award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione   previsto ...
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
DREAMLANDS
In partenza la nuova iniziativa di  Isp, che in collaborazione con Photographers.it  propo...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
World Press Photo officine fotografiche multimedia 2009 fotolia ricerca lecce Lightroom base landscape Gianni Berengo Gardin artisti performance fiaf national geographic inaugurazione
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13897 Utenti Registrati + 27222 Iscritti alla Newsletter
6889 News Inserite - 1844 Articoli Inseriti
2813 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate