Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

Francesco Pignatelli, Translations
Autore: Fotografia Italiana - Pubblicato il 13/03/09 - Categoria Mostre
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 17120 volte

Share |
Francesco Pignatelli ha fatto un nuovo passo nella sua ricerca intorno alle specificità del linguaggio fotografico, un passo come al solito imprevisto e inaspettato, se pensiamo alle opere a cui ci aveva abituato.
Vediamo ora una serie di lavori che a prima vista ci sembrano fotografie astratte, schemi grigi su fondo nero, non lontane dal richiamare certa pittura severamente monocroma. In realtà, ogni schema, ogni rapporto fra forme astratte, nasconde, è il caso di dire, un’immagine: quella che l’artista ha trovato su Internet. Si tratta perciò di tecnologia digitale, la fonte della ricerca è un universo iconico da cui l’artista ha estratto alcuni frammenti e ne ha mostrato, è il caso di dirlo, la struttura segreta.
Ogni pixel, infatti, e perciò ogni parte dell’immagine, viene tradotta dalla macchina digitale in un sistema numerico esadecimale, una struttura di numeri e lettere a cui corrispondono determinati colori. Tutto il visibile viene cosi tradotto in tale sistema, e ogni immagine si trova ad avere una struttura alfanumerica, che è propriamente quella messa in luce da Pignatelli. Si tratta di una scoperta che l’artista stesso ha compiuto elaborando le immagini in vista della stampa, e sulla quale ha fondato la nuova ricerca. Il processo implica che i segni iconici diventino lettere e numeri, elementi di una scrittura misteriosa a cui non di meno corrispondono immagini riconoscibili. Il processo è tecnicamente del tutto comprensibile, ma l’artista ha voluto interpretarlo poeticamente, ed ha per questo accentuato l’intrinseco elemento di mistero. Il risultato è altamente enigmatico: superfici interamente nere solcate da strisce o rettangoli bianchi, composti da lettere e numeri assiepati. Ad ogni opera corrisponde un titolo, e questo chiama in causa verità universali, sentimenti o situazioni che riguardano tutti gli esseri umani: la morte, la vita, la guerra, la pace…
Quali siano state le immagini che Pignatelli ha trovato su Internet, e come le abbia associate a quei titoli non è dato sapere, e in fondo non ci interessa. Tutto si è ormai trasformato in sequenze di numeri e parole: la disposizione grafica di questi organizza le superfici in modi sempre diversi, ciascuno assegnato a quel titolo e a quel contenuto solo come traccia mnemonica.
Proprio questa traccia è chiamata in causa a qualificare la nuova serie di opere di Pignatelli: essa vale come stimolo per lo spettatore, che è invitato a leggere nell’opera ciò che vuole vedere, ad associare, se vuole, quella particolare tessitura di segni al tema assegnato dall’artista, o ad assegnarne un altro. Il testo da misterioso si fa aperto, compiendo cosi il percorso di “traduzione” in cui l’artista si è impegnato (da Internet alla galleria d’arte, e dal particolare dell’immagine alla generalità del significato). Del resto, lo insegna la storia dell’arte contemporanea: solo il colore puro, o nel nostro caso la scelta radicale fra bianchi e neri, solo la pura geometria, intesa come schema da cui discende ogni forma possibile, e il linguaggio declinato come puro elenco di numeri e lettere, solo questo azzeramento generale del linguaggio può veicolare quei contenuti universali che l’artista intende riattualizzare. (Giorgio Verzotti)

La mostra è a cura di Giorgio Verzotti.
Catalogo disponibile in galleria.
Si potrà visitare fino a venerdì 27 marzo 2009.

Orari di accesso per il pubblico: da martedì a sabato, dalle 15.00 alle 19.00.
Chiuso domenica e lunedì.

FOTOGRAFIA ITALIANA arte contemporanea, Corso Venezia 22, 20121 Milano
Per informazioni contattare:

Ufficio Stampa
Sara Zolla
tel. 02 784100
fax 02 77809369
press@fotografiaitaliana.com
www.fotografiaitaliana.com

Share |
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
Finalisti Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione  tuttora in prog...
Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020, fissato in via definitiva da...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
reportage prodotto 2010 raw arti visive stampa terra emozioni laowa cusano School national geographic fiaf cibo tempo palermo
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13895 Utenti Registrati + 25469 Iscritti alla Newsletter
6888 News Inserite - 1841 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate