Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

Franco Guerzoni, La luce nuda del giorno
Autore: Fotografia Italiana - Pubblicato il 13/03/09 - Categoria Mostre
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 3326 volte

Share |
Martedì 7 aprile, dalle ore 18.30 Fotografia Italiana arte contemporanea ha presentato al pubblico la seconda personale di Franco Guerzoni, La luce nuda del giorno.
Il curatore, Milovan Farronato, spiega in questo breve scritto le ragioni della selezione delle opere in mostra, evidenziando, non per ultimo, la novità del progetto espositivo appositamente pensato per Fotografia Italiana arte contemporanea.

Un titolo volutamente melanconico mette in risalto ciò che sottende l’immaginario artistico e fotografico di Franco Guerzoni.
La luce nuda del giorno racconta la storia di una tacita apparizione, l’epifania contenuta che accade quando non si è più abbacinati da troppa aggettivazione; rivela ciò che sta sotto la pelle, oltre la superficie del reale.
Esposti in mostra una selezione di lavori fotografici realizzati tra il ’72 e il ’77 appartenenti a diversi cicli tematici ed espressivi indagati da Guerzoni in quegli anni. Da un lato gli “Affreschi” in cui le immagini di edilizie contemporanee sventrate rivelano ciò che è iscritto sotto l’intonaco, al di là del primo strato del visibile; dall’altro lato gli assemblaggi tratti dalla serie “Archeologie”, in cui oggetti e fotografie (non necessariamente scattate dall’artista, ma talvolta prese in prestito da amici e colleghi) si uniscono in viscerale dialogo. L’immagine dei resti di banali archeologie contemporanee viene nobilitata dall’inserimento in volume di frammenti preziosi per ordine e grado di provenienza e materia. Porzioni d’oro o cocci antichi si giustappongono e invadono il campo dell’immagine. Evocazioni di una realtà recente già smarrita e datità in mutuo soccorso. E inoltre, in mostra, alcune immagini tratte dal ciclo dedicato alle “Librerie” con cui Guerzoni ha concluso nel ’77 il suo iter intorno e nella fotografia. Si tratta in questo caso delle riproduzioni di dettagli o vedute d’insieme di successioni ordinate di libri disposti su mensole o scaffali, in cui ancora una volta, quasi fosse una sottolineatura, qualche pagina numerata, un segnalibro, o un oggetto pertinente alla natura del contesto fa capolino, restituisce un’ombra e con essa l’idea di una tridimensionalità che rompe la staticità ed entra in posizione chiastica. Può anche essere il solo inserimento tautologico di un’ulteriore riproduzione fotografica, comunque si è oltre la fotografia, dentro la realtà.
Si tratta di una serie di opere che restituiscono un decennio di ricerche e attività che l’artista stesso ha definito come un libero e proficuo “volteggiare”, una stagione ricca di potenzialità e suggestioni successivamente confluite in una produzione di differente natura. Conclude e caratterizza La luce nuda del giorno, un intervento in situ e ad hoc con cui il Guerzoni di ieri si ricongiunge a quello di oggi. Si è trattato in questo caso di rimettere in scena i presupposti di quella ricerca precoce, di collegarla al lavoro recente, con l’intento, in aggiunta, di esprimere una potenzialità comune e implicita ad entrambe.
Una parete dello spazio espositivo è diventata superficie su cui intervenire. Non più luogo dove affiggere immagini, ma diaframma su cui sedimentare (fronte e retro, come fosse la pagina di un libro) una serie di iscrizioni non verbali, non simboliche, forse basate su una comunicazione pre-razionale. Questa parete manifesta il proprio “affresco”, esprime la sua “archeologia” e rivela i cocci di se stessa. Guerzoni, ora, traduce e declina a livello installativo il desiderio di oltrepassare il senso del limite ed esprimere la cifra del proprio personale Plus Ultra.

La mostra è a cura di Milovan Farronato e si potrà visitare fino al 16 maggio 2009.

Orari di accesso per il pubblico:
da martedì a sabato, dalle 15.00 alle 19.00.
Chiuso la domenica e il lunedì.

FOTOGRAFIA ITALIANA arte contemporanea, Corso Venezia 22, 20121 Milano

Per informazioni contattare:
Ufficio Stampa
Sara Zolla
tel. 02 784100
fax 02 77809369
press@fotografiaitaliana.com
www.fotografiaitaliana.com

Share |
Finalisti Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione  tuttora in prog...
Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020, fissato in via definitiva da...
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
spettacolo Photographers Days reflex street modella milano sociale corsi fotografia gratis Laboratorio anima Claudia Rocchini maggio fashion teatro concorso
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13895 Utenti Registrati + 25469 Iscritti alla Newsletter
6888 News Inserite - 1841 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate