Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Cultura Fotografica » Scheda Articolo

Chi ama, stampa
Autore: Fratelli_Tartaglione - Pubblicato il 26/02/15 - Categoria Cultura Fotografica
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 2862 volte

Share |
dal nostro blog: www.fratellitartaglione.org, shortlink: http://wp.me/p1pHQq-17o. Preparandomi per un incontro sulla stampa fine art sono stato colpito da un'intervista (Jan Sample sul Guardian del 13 febbraio) al vicepresidente di Google, Vint Cerf, sul problema della caducità dei software. Mentre infatti ci concentriamo (giustamente) sopratutto sulla conservazione dei dati, dei bytes, eseguendo back-up su supporti fisici o salvandoli sul "cloud", dovremmo essere consapevoli che il problema potrebbe consistere nel fatto di non avere più il software in grado di leggere quei dati. La Google sta appunto lavorando su questo fronte. “If there are photos you really care about, print them out.” Avete una fotografia cui davvero tenete ? stampatela (possibilmente come Fine Art, aggiungo io). Attualmente è l'unico sistema per garantire una conservazione di lungo periodo. Per stampa fotografica "Fine Art" intendo una stampa inkjet di alta qualità (generalmente con stampanti Epson) in cui sia l'inchiostro che la carta siano certificati dal produttore relativamente alla loro durata nel tempo. Riflettevo sul binomio analogico / digitale; pensiamo ai granuli di alogenuri d'argento del procedimento classico del bianco e nero. Il loro grandissimo numero e la possibilità infinita di variazione della distribuzione di quelli anneriti rende possibile il cosiddetto "tono continuo" contrapposto alle quantità discrete, discontinue, della rosa di stampa del procedimento offset o ai pixels del monitor. La stampa inkjet "fine Art", usando un grande numero di dpi (dots per inches, cioè "macchie d'inchiostro" per pollice), generalmente 1440 oppure 2880, si avvicina moltissimo all'effetto del tono continuo e consente di "godere" appieno della visione di una immagine. Inoltre garantisce una conservazione del tempo molto prolungata, che sui può avvicinare a quella di una stampa bianco e nero ben lavata e ben conservata. Sebastião Salgado , che oltre ad essere un grande fotografo è anche impegnato da anni in progetti di conservazione dell'ecosistema amazzonico, ha utilizzato per il suo progetto "Genesis" una tecnica mista: riprese e postproduzione in digitale, output su pellicola negativa 4"x5" bianconero a tono continuo, stampa analogica su carta chimica. In una bella intervista sul sito della Ilford (ora rimossa ma su può leggere qualcosa qui) Salgado manifesta appunto la sua preoccupazione per la conservazione digitale del suo Archivio, o almeno delle fotografie più importanti. Per questo, pur apprezzando la superiorità del procedimento digitale (maggiore sensibilità, maggiore controllo) preferisce archiviare un negativo bianco nero 4"x5" che, ben conservato, ha maggiori probabilità di sopravvivenza nel futuro rispetto ad un file digitale. Anche per il Cinema si pone un problema simile, e la soluzione potrebbe essere anche in questo caso la stampa, su pellicola bianco nero, di negativi di separazione. "Potrebbe essere il solo metodo di conservazione nel lungo termine ad un costo contenuto"(dal sito della Cinemathéque Française).
Share |
vincitore CCF book award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione   previsto ...
DREAMLANDS
In partenza la nuova iniziativa di  Isp, che in collaborazione con Photographers.it  propo...
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
apple vernissage Coolpix laowa photographers canson autori stampa fine art Polaroid cinema Nital acqua selezione luoghi officine fotografiche lavoro
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13897 Utenti Registrati + 27141 Iscritti alla Newsletter
6889 News Inserite - 1844 Articoli Inseriti
2813 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate