Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   www.esta-usa-visto.it/   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Riflessioni » Scheda Articolo

Il suo inafferrabile mutismo
Autore: Fulvio Bortolozzo - Pubblicato il 22/09/15 - Categoria Riflessioni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 2354 volte

Share |
Le religioni monoteiste lo inculcano: "all'inizio fu il verbo". Tutte e tre difatti si reggono su dei libri, che sono contenitori di parole. Parole scritte come la fede impone siano state originariamente pronunciate da un dio.

Un primato inattaccabile. Al quale segue una significativa condanna dell'altro modo umano per trasferire fuori dal proprio corpo le immagini: produrre figure. Il cristianesimo non rimane imprigionato nell'iconoclastia perchè adotta una strategia più raffinata: le figure sono ammesse purché "illustrino" le parole. Guinzaglio ideologico che affonda le sue radici nell'evoluzione dell'alfabeto, un insieme di segni simbolici che da figure diventano particelle grafiche del linguaggio scritto.

C'è nell'essere umano un'insopprimibile necessità di canalizzare le immagini che produce nel suo corpo a flusso continuo. Le immagini sono essenziali per vivere, ma troppo pericolosamente incontrollabili. Possono condurre ad un tale eccesso di vitalità da risultare mortale e vanno depotenziate, normalizzate, rese trasmissibili senza eccessi e confusioni. Il linguaggio delle parole serve a questo. Dare sfogo alle immagini, ma in un ambito controllabile, misurabile persino.

Poi arrivò la fotografia e le immagini trovarono il modo automatico per manifestarsi oltre il controllo delle parole. Ecco perchè i detentori e gli aficionados del potere verbale si accaniscono con così tanta furia per normalizzare anche le fotografie. Leggerle, spiegarle, usarle come comodo secchio nel quale riversare parole su parole, poetiche, filosofiche, sociopolitiche e chi più ne ha più ne metta.

Per fortuna, l'immagine fotografica oppone una migliore resistenza dell'immagine tradizionale a questa continua aggressione verbale: il suo inafferrabile mutismo.



Share |
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
2° Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020, l’associazione Corigliano p...
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
URBAN 2020 Photo Awards
Al via URBAN 2020 Photo Awards! In giuria Alex Webb e Rebecca Norris Web Sono ufficialmente le is...
100 PAROLE X 100 FOTOGRAFI
100 PAROLE X 100 FOTOGRAFI MAPPE DI COMUNICAZIONE CONTEMPORANEA QUATTRO VOLUMI - UNA GRANDE MOST...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
18 Luglio 2020         a KIRGHIZISTAN   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel Pamir Reportage, paesaggio, str..[continua]

  Popular Tags  
biennale Bellezza fiera roberto mutti Laboratorio micamera tempo Ritratti illuminazione fotografica 2010 tradizione Nudo Artistico Bambini corsi memoria cinema
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13892 Utenti Registrati + 19194 Iscritti alla Newsletter
6867 News Inserite - 1841 Articoli Inseriti
2808 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate