Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Eventi » Scheda Articolo

MIART NOW 2010 - Ma dov’è la fotografia?
Autore: Gigliola Foschi - Pubblicato il 26/03/10 - Categoria Eventi
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 9583 volte

Share |

Giunta alla quindicesima edizione, MiArt ha confermato i due curatori – Donatella Volonté per l’arte moderna e Giacinto Di Pietrantonio per quella contemporanea – che già dall’anno scorso avevano dato alla rassegna un volto nuovo, puntando a proposte più selettive e mirate.

Dopo anni di lamenti sull’aspetto provinciale del MiArt e sulla sciatteria degli allestimenti, quest’anno gli stand sono ben presentati e spaziosi, le gallerie selezionate, la piantina per orientarsi è ben fatta. Ma per quel che riguarda l’organizzazione dello spazio, mancano sempre le indicazioni per i bagni e le uscite; per di più, da un punto di vista architettonico, l’ingresso è semplicemente orrendo e lo spazio della fiera pure.
Fiore all’occhiello di questa edizione doveva essere il catalogo (Silvana Editoriale), arricchito da un ampio testo di Giorgio Verzotti sull’arte dagli anni Settanta fino alla metà degli anni Novanta, considerata attraverso la storia delle gallerie italiane e dei suoi artisti più significativi. Usiamo il termine “doveva” perché, con fare imbarazzato, ci hanno detto che l’agognato catalogo non risulta ancora pronto (evviva il tempismo!), mentre voci di corridoio sussurravano dell’esistenza di poche copie concesse solo ai “top” giornalisti. A farla breve, io non ho potuto neppure vederlo e vi posso solo raccontare le mie impressioni sul campo, senza le adeguate verifiche del fantomatico catalogo.
Ebbene, diciamo subito che la fotografia quest’anno è davvero ben rappresentata da alcuni bravi galleristi e che qua e là si trovano lavori fotografici davvero interessanti. Un premio lo meriterebbero Jarach di Venezia e MC2 Gallery di Milano: entrambe le gallerie hanno puntato con coraggio su autori italiani spesso giovani (cosa che nel clima esterofilo del nostro Paese non è da poco), tutti davvero di alto livello.

Franca Giovanrosa “Cittaltra #25 2009″ courtesy Mc2gallery Milano

Tra le migliori gallerie dedicate alla fotografia spiccano Ca’ di Frà (Milano) con i suoi autori classici (Joel Peter Witkin, Giacomelli, Nino Migliori e le polaroid di Franco Fontana) e Paci Arte Contemporanea (Brescia) che con rigore punta sulla fotografia surreale, onirica o nata da precise messe in scena.

Nobuyoshi Araki “Senza Titolo” Courtesy Collezione Composti della Ca’ di Fra’

A MiArt Paci presenta alcune opere splendide Sandy Skoglund (autrice entrata a buon diritto nella storia della fotografia già dagli anni Ottanta), ma anche i francesi Clark & Pougnaud e il ceco Michal Machu, entrambi di alto livello e già affermatissimi all’estero. Una new entry è la galleria Camera 16 (Milano) che è partita di recente con una bella mostra di Irina Ionesco. Chiacchierando con il gallerista Carlo Madesani si capisce subito che è uno con le idee chiare, capace di scegliere bene gli autori. A riprova di tale impressione basta guardare il suo stand, dove si trovano le opere molto interessanti della coreana Gayle Chong Kwsan, che parte da oggetti abbandonati per poi trasfigurarli con la fotografia, e quelle del lituano Indre Serpytyte, con immagini inquietanti e ambigue che evocano il passato comunista del suo Paese. Un’altra galleria, in questo caso non rivolta solo alla fotografia, ma che ci pare capace di fare proposte di alto livello non scontate, è Impronte Contemporary Art (Milano): per prima ha infatti portato in Italia l’artista russa Anastasia Khoroshilova, le cui opere sono state anche esposte e apprezzate nella recente mostra Storia Memoria Identità. Fotografia Contemporanea dall’Est Europa (a cura di Filippo Maggia e della Fondazione cassa di Risparmio di Modena). A MiArt questa galleria presenta uno splendido video di G. Kasmalieva e M. Djumaliev e un’opera della spagnola Eulalia Valldosera, cui dedicherà prossimamente una mostra personale che, a giudicare dal lavoro esposto, sarà da non perdere.

Gulnara Kasmalieva and Muratbek Ddjumaliev “Truck-2-2006″ courtesy Impronte Contemporary Art

Gironzolando qua e là, dentro stand in cui dominano pitture e istallazioni, si possono anche scoprire delle “chicche”: da Poggiali e Forconi (Firenze) spicca l’opera dell’egiziano Youssef Nabil con le sue fotografie ritoccate a mano; la Galleria Milano (Milano) ospita due magnifiche polaroid di Davide Mosconi, nonché una preziosissima stampa di Man Ray (da guardare e riguardare con ammirazione); la Galerie Esther Woerdehoff (Parigi) presenta due opere del tedesco Michael Schnabel della serie Stille Berge, con emozionanti immagini di montagne riprese di notte e avvolte nell’oscurità; da Suzy Shammah (Milano) c’è invece una grande opera del bravissimo Carlo Benvenuto e presso A Palazzo Gallery (Brescia) un’opera di John Stezaker che crea collage a partire da vecchie fotografie (per farsi un’idea più precisa di quest’autore già affermatissimo all’estero si può vedere il catalogo che gli ha dedicato la galleria).
Dopo questa carrellata di suggerimenti alla visita, vorrei dare una sorta di premio al coraggio e alla serietà delle scelte lontane dai miraggi del mercato, a due gallerie: AMT, Torri & Germinian (Milano) e la Galleria dell’Arco (Palermo-Shanghai). Alberto Matteo Torri della AMT si appresta infatti ad aprire una galleria nel centro di Bratislava e propone in fiera una giovane artista slovacca – Petra Feriancova – con un delicato ma tenace lavoro sulla memoria. Mentre Roberto Ceresia della Galleria dell’Arco ha puntato tutto su un autore cinese, Lee Kit, con opere minimali e poetiche che nulla hanno a che fare gli accattivanti e lustri lavori, proposti in genere da chi si occupa di arte cinese contemporanea: bravo dunque l’artista Lee Kit, ma bravo anche il gallerista Roberto Ceresia nel sostenere un lavoro magnifico, non da salotto, che richiede palati fini.

MiArt. Fiera Internazionale d’Arte Moderna e Contemporanea
Fieramilanocity - Ingresso Porta Teodorico, viale Scarampo
26/28-03 ore 11-20
29-03 ore 11-17

Share |
TTA 2022 selected stories
Here at https://traveltalesaward.com/tta2022-selected-storyes/ are the 50 stories selected by TTA 20...
Fotoleggendo 2022
Torna sotto la direzione artistica di Emilio D’Itri, dopo tre anni di pausa, la XV edizione de...
Travel Tales II
Starring,  con Photographers.it, Viaggio Fotografico,  Il FOTOGRAFO,  la OTTO Gallery...
Anteprima Colorno Photolife 26 agosto
Colorno  Photo Life anteprima venerdì 26 agosto l’anteprima del festival con l&...
CITIES 10
CITIES 10 è pronto ed in preordine ora! PRENOTA LA TUA COPIA PRIMA CHE LA TIRATURA SI ESAU...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
17 Settembre 2022         a Milano   (Milano)
cities ..[continua]

  Popular Tags  
expò facebook gratis asta corso mostre fotografiche Abruzzo matera lavoro inaugurazione fotografo ombre viaggio fotografico Inverno maschere grafica
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13960 Utenti Registrati + 35052 Iscritti alla Newsletter
6961 News Inserite - 1868 Articoli Inseriti
2818 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate