Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Riflessioni » Scheda Articolo

L'arte della commedia
Autore: Professore - Pubblicato il 01/05/11 - Categoria Riflessioni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 4388 volte

Share |

L’arte della commedia

Campese capo comico: ” Ritengo che il teatro si dibatta in un clima di assoluta confusione, la quale determina nel pubblico quel tale disorientamento che viene interpretato, non sappiamo se in buona o mala fede, come crisi teatrale” I capolavori di Eduardo/Einaudi.

Questione nominalistica più che altro o che il teatro sta alla finzione/vita come l’illusione sta alla fotografia o reportage, e qui di guerra. Senza scomodare Shakespeare, l’esistenza null’altro se non teatralità, il problema della rappresentazione fotografica e d guerra pure è “confusione” come da incipit. Infatti, è di questi ultimi giorni che altri due fotoreporter arrivano alla fine delle loro pista: morti in Libia coloniale. E forse il caso di domandarsi se non lo sia anche il “genere” anche perché il combattimento è impari: fotografia e tivù Grande Fratello. Icona e già medium per eccellenza ha inoculato nell’immaginario collettivo squassi che ben difficilmente un “teledipendente” anche colto riescono a “discernere” di fronte alla migliore foto e del migliore News. Una guerra persa ancor prima di cominciare perché il modulo linguistico del reporter è modulato su quello televisivo, sì, dagli effetti devastanti e pur sempre utile alla regia, sul piano della comunicazione. Una rincorsa da lepre (tivù) e tartaruga (reportage) già scritta a favore della marzolina. Tubo catodico che fa del campo corto/medio la sua ideologia; tale che nelle immagini di Libia, anche quando a parlare è il Rais genuflesso sino al giorno prima dagli stessi potentati che oggi lo vogliono morto, i quattro gatti dati per insorti tali restano anche se non così per lo streaming in pasto ai teledipendenti. Non smossi neanche dall’osservazione: possibile che la Libia così grande altro non sia che quella, proprio quella, rotabile? E dove sempre su quell’orizzonte degli eventi, la stessa Toyota pikup dei tre giovani armati, sul Corrierone nazional popolare la Repubblica degli altri, trova nella Stampa la sua acme libertaria. Anzi, uno di essi disceso finalmente dal mezzo più in là compie, accosciato dietro un tumulo di sabbia, la sceneggiata di tirare al vento. Una strada quattro insorti e per gradire una facciata di casa abilmente sforacchiata. Pur sempre in campo medio corto. Una guerra on the road ancor prima che virtuale. Cui risponde una fotografia grandangolare, in onore al prescritto di Bob Capa, dal taste yankee del compiacersi lussurioso del sangue, della macelleria. Una scia di sangue e un gusto orrido che pare risponda, di sponda, alla pianificazione esoterica/mente che è la guerra di Libia. Sembrano le foto inquadratura dei C.S.I.  E di nuovo l’immagine televisiva spacciata per reportage, competizione che si sposta dal piano semantico, a quello terra terra della macelleria. E siccome la scatola delle meraviglie in tempo “reale” con tanto di fantocci speaker televisivi, la fa ormai da padrone incontrastata, la fotografia di reportage di guerra è morta come i reporter ed i morti che immortala. Questo perché i tempi e le narrazioni, le nuove leve, si muove, ancora, in universo segnico televisivo che nulla ma proprio nulla sparte con la fotografia.

E solo un caso forse oppure no che la narrazione, pomposamente detta slideshow, dalle pagine del New York Times si concentra sull’immagine; sì, singole ma n sequenza “audiovisuale”. Certo per ora è il genere street, chissà alla H.B.C. Bresson o Doisneau che sia. Poiché non è televisione e neanche reportage sanguinario può anche essere una svolta. Business as usual.

link:

big photo http://www.boston.com/bigpicture/2011/04/photojournalist_chris_hondros.html

Magnum

http://www.magnumphotos.com/C.aspx?VP3=ViewBox_VPage&VBID=2K1HZOX9PVFO7&CT=Search&DT=Image

New York Times

http://www.nytimes.com/packages/html/nyregion/1-in-8-million/index.html

Ps  Viene alla mente "Piedi di un soldato etiopico, 1935" di Alfred Eisenstaedt; una fotografia coloniale di altra epoca pur sempre guerra di Africa. Nell’immagine in campo medio i piedi visto dal tallone di Achille, nudi ma con le “pezze” alla caviglia come i fanti della I Guerra Mondiale. Senza scarpa e per suola la pelle indurita dal calpestio con la terra. Etiope assoldato nella sua Africa per combattere, conto terzo, una guerra verso altri africani. Fotografia conchiusa e che narra “la” guerra d’Africa di cui pure la Libia è parte giova ricordarlo.

Share |
TTA WORLD PICS 2023
TTA è una grande iniziativa rivolta a Fotografi Professionisti ed Appassionati che vogliano p...
JOIE DE VIVRE contest
JOIE DE VIVRE - Straight Photography PREMIO FOTOGRAFICO MEMORIAL FRANCO PONTIGGIA "Franco...
mostra Travel Tales 2022
Starring,  con Photographers.it, Viaggio Fotografico,  Il FOTOGRAFO,  la OTTO Gallery...
Milano Sunday Photo
Milano Sunday Photo è il primo “Mercatino” milanese dedicato alla fotografia e in...
Fotografia Europea Open Call
E'  aperta l'Open Call di Fotografia Europea Fotografi, curatori e collettivi&nbs...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
18 Marzo 2023         a Uzbekistan   (Roma)
Samarcanda e la festa della Primavera ..[continua]
25 Aprile 2023         a Giordania   (Roma)
Giordania, Petra, Wadi Rum ..[continua]
27 Maggio 2023         a New York   (Roma)
02 Agosto 2023         a Olanda   (Roma)
Giedo ..[continua]

  Popular Tags  
B&W fotografica iPhone silenzio deaphoto officine fotografiche arti visive raffaella milandri gigliola foschi Trieste arte contemporanea donna Kodak foto lecce Bellezza
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13970 Utenti Registrati + 38377 Iscritti alla Newsletter
7001 News Inserite - 1878 Articoli Inseriti
2816 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate