Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Photofestival   www.esta-usa-visto.it/   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Tutorial » Scheda Articolo

COME CREARE UN' IMMAGINE ED USCIRNE SANI E SALVI
Autore: gabriele donati - Pubblicato il 26/02/11 - Categoria Tutorial
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 11574 volte

Share |
Ai miei esordi era la domanda che più mi assillava: come riuscire a produrre un immagine partendo da una idea in testa. Per me era un mistero di come la mente dei fotografi potesse partorire delle soluzioni creative tali, partendo apparentemente dal nulla.
Con gli anni e l'esperienza ho scoperto poi che nulla è lasciato al caso ed ho cominciato ad abbandonare l'idea che i fotografi fossero esclusivamente dei mistici in grado di avere delle visioni.  
Inizialmente l'errore che tendenzialmente si può fare è quello di dire "scatto a raffica e quello che viene, viene". Potrebbe essere una buona idea nel caso si cerchi una raffica record di scatti da cestinare. Il concetto dal quale si deve partire è che si deve scattare lo stretto necessario, vincolo che esisteva con la pellicola, ma che deve valere anche per il digitale.
Per cui occorre partire da una idea precisa di quello che si vuole ottenere, sia in termine di luci che di posizioni, lasciandoci comunque la possibilità di variare il tema in corso d'opera.
Per facilitare la spiegazione, prenderò come esempio un lavoro di arredamento effettuato tempo fa. Lo still life presenta meno variabili rispetto alle persone e al reportage, ma non per questo non può essere tenuto come scaletta universale per creare e fotografare un set.
Primo punto: spuntare le matite e cominciare a scarabocchiare quello che ci frulla per la testa. Anche se la nostra esperienza artistica si ferma ai disegnini delle elementari,  ci servirà ugualmente a rendere le idee chiare e a trasformarle in qualcosa di tangibile:



Mi rendo conto che si tratta di uno sforzo inusuale, ma è estremamente necessario per non continuare a frullarsi il cervello con pensieri ed idee non attuabili.
Questo schizzo servirà per farsi un elenco delle cose necessarie per allestire il set, delle luci che servono per illuminare e della voglia che sarà necessaria per terminare il tutto.
In corso di allestimento del set stabilite fin dall'inizio l'inquadratura, ponendo gli elementi grossolanamente sul set, farlo a situazione allestita si potrebbero presentare spiacevoli inconvenienti.  Meglio tenerne conto fin dall'inizio per non darsi delle martellate sulle gengive quando la cosa sarà difficilmente modificabile.
A set allestito ponetevi nell'inquadratura e cominciate ad allestire le luci, magari facendovi aiutare da una persona disposta a sopportare questa fase così paranoica. Questo martire vi permetterà stando voi sul punto dell'inquadratura, di fare modifiche anche millimetriche alla luce, ottenendo qualcosa che da soli sarebbe pressochè impossibile o molto difficile.
Bene, direi che, salvo crisi isteriche, siamo al momento dello scatto vero e proprio.
Se la situazione ve lo permette cercate di scattare su cavalletto e, toccando il meno possibile la macchina fotografica, cercate di effettuare diverse esposizioni. Ovvio che su un set di moda o simili non posso lavorare con la stessa modalità, ma l'idea del variare l'esposizione anche di poco ci permetterà in fase di elaborazione dei files, di recuperare eventuali errori.
(ricordate che i mobili rimangono fermi e se sbaglio rifaccio anche il lavoro, ma una modella non torna a gratis perchè ho sbagliato...)
Prima di smontare tutto, fate sempre una verifica delle acquisizioni, meglio perdere un minuto di più per essere sicuri di tutto quello che si è fatto.
Apriamo il file con il nostro programma preferito, in questo caso l'onnipresente photoshop:


Cominciamo ad osservare le incongruenze rispetto al nostro bozzetto iniziale: colori non corrispondenti, linee che cadono, oggetti sbagliati o mancanti e tutto quello che è migliorabile con il fotoritocco. Creiamo un elenco scritto di tutto quello che vogliamo sistemare. Tendenzialmente cerchiamo di agire il meno possibile sul file per non renderlo troppo finto e non far decadere la qualità originale ( meglio usare il formato nativo della macchina fotografica, raw o chi per lui).
Se in questa fase non avete ancora tentato di tagliarvi le vene o di uccidere il vicino, gioite: siete quasi alla fine.
Normalmente prima di tutto faccio la spuntinatura della foto: con il timbro o il cerotto tolgo tutti i puntini e gli sporchi del file. E' una fase noiosa, ma fa la differenza nel risultato finale.
Poi passo alle modifiche più grosse come quantità di lavoro. Preferisco farle all'inizio quando l'entusiasmo è più alto; poi ci si spegne come delle candele e il rischio di abbandono quando il lavoro è tanto, rimane alto. Nel mio caso ho aggiunto il soffitto, che per ovvie ragioni non potevo mettere, ho pareggiato il colore di destra e aggiunto qualche ombra:


 Poi diamoci alle modifiche "gioiose": oggetti da aggiungere, riflessi migliorativi ed ombre generali:

 
A questo punto possiamo scegliere se festeggiare con una birra e gongolarci nella soddisfazione del risultato o se addentrarci nel mondo della stampa e rischiare un'altra embolia. Per me basta un rischio alla volta e decido di fermarmi qui.

 

Share |
SOS salvataggio in Fototeca
Siamo Elena e Patrizia Piccini, attuali conservatrici di Fototeca Gilardi, uno dei pochi archivi...
FotoLeggendo inaugura il 16 giugno allo Spazio Factory Museo Macro a Roma
FotoLeggendo apre le porte al pubblico da venerdì 16 giugno alle 18 negli spazi del Macro Tes...
SOULS di Francesco Bellesia
In occasione della Milano Photo Week e all’interno della manifestazione Milano PHOTOFESTIVAL, ...
CALL FOR ARTISTS MARTELIVE 2017 ARTI VISIVE Open call per giovani pittori, fotografi, street artist,
Per la finale nazionale del contest MArteLive che si svolgerà in un’unica ed esclusiva location a R...
record iscrizioni ad URBAN 2017 Photo Awards
condividiamo con voi la soddisfazione pe ri dati di chiusura del nostro partner  URBAN Photo Aw...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
30 Giugno 2017         a Torino   (Torino)
Efrem Raimondi, Marino Ravani, Anna Contestabile/Patrizia Gregnanin ..[continua]
06 Luglio 2017         a Provenza   (Agrigento)
La Provenza, con i suoi splendidi ed infiniti campi di lavanda, i suoi pittoreschi borghi, i colorat..[continua]
20 Luglio 2017         a Mugello   (Firenze)
3 giorni di full immersion fotografica tra i monti dell'Appennino tra Firenze e Bologna, tra i bosch..[continua]
06 Ottobre 2017         a Massarosa   (Lucca)
Ritorna il popolare workshop di ritratto condotto da Enzo Dal Verme. Un fine settimana intenso e di..[continua]

  Popular Tags  
fotoreporter fotografia Kodak fotografia naturalistica fotografia analogica fotolibro webinar internazionale Color museo sardegna Abruzzo bianco urban Adobe manicomio
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13444 Utenti Registrati + 9576 Iscritti alla Newsletter
6391 News Inserite - 1735 Articoli Inseriti
2753 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate