Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

Come Raggiungerti
Autore: Raffaella De Chirico Galleria d'Arte - Pubblicato il 18/09/12 - Categoria Mostre
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 2176 volte

Share |

La Raffaella De Chirico Arte Contemporanea è lieta di presentare Come Raggiungerti, doppia personale di fotografia e installazioni di Pina Inferrera e Börje Tobiasson. Siciliana di nascita la prima, e svedese il secondo, entrambi risiedono da tempo in Italia e partecipano a progetti artistici e culturali in tutto il mondo.

La Raffaella De Chirico Galleria D’Arte propone per la prima volta a Torino una selezione mirata delle loro opere, accostandone i due diversi temperamenti e la visione del mondo che ne consegue. Dove finisce la visione di un’artista, incomincia lo sguardo dell’altro, in un allestimento che unisce i due punti di vista e li avvicina per esaltarne differenza e fascino.

La scelta di questi due artisti per una doppia personale è motivata proprio dalla loro visione speculare della natura, qui intesa come ambiente che circonda la vita umana. Pina Inferrera rappresenta l’archetipo femminile ed il viaggio introspettivo, mentre Börje è il suo contralto maschile, un ritrattista indagatore che fotografa in bianco e nero la vita lungo le strade.

Come Raggiungerti è un titolo ambiguo che richiama sia una domanda che un’affermazione, rivolto a tutto ciò ciò che sta al di fuori ed è diverso da sé.

Femmina e maschio, natura e cultura, paesaggio e ritratto. La mostra è l’accostamento di due mondi interiori che cercano l’esterno esprimendo il senso della vita, l’intuizione nascosta dietro alla bellezza del colore e della sua assenza.

Di indole mediterranea, Pina Inferrera accede al proprio mondo interiore e ne riveste i confini di colore e sogno, mentre Börje Tobiasson fotografa il quotidiano con lo spirito indagatore e solitario di un uomo del nord Europa: entrambi esprimono qualcosa di completamente diverso rispetto al loro Paese di origine ed hanno sguardi paralleli, di donna e di uomo, sulla natura incontaminata dei grandi spazi e la dimensione delle grandi metropoli del nostro tempo.

Profondamente radicata al senso della materia, Pina Inferrera è una scultrice che sin dagli esordi accosta mezzi espressivi diversi, spaziando dalla scultura alla fotografia e la video installazione.

Il ciclo di opere Rerum Natura si concentra sul paesaggio e lo trasforma in fotografie o lightbox, strutture tridimensionali in cui la luce esalta il formato dell' immagine in 3D. L’elemento naturale è il protagonista assoluto delle sue opere, solo in apparenza paesaggi desolati e melanconici. L’uomo non è mai raffigurato perché già compreso e integrato in una natura che lo contiene ed a cui ci si può affidare con abbandono.

Un dichiarato animismo pagano trova però la sua corrente ascensionale: Pina è presente in ogni sua creazione e si ritrae con una piccola icona a mezzo busto in trasparenza, come una Dea Madre che permea e protegge tutte le manifestazioni della natura.

Le fotografie scelte per l’esibizione di Börje Tobiasson raccontano i suoi viaggi e le sue continuità. Dall’attività come fotoreporter in Albania e Cairo, passando per Shanghai e la Napoli più verace, le sue istantanee celano sempre alcuni particolari toccanti, come sostiene anche la voce autorevole di Denis Curti, direttore della celebre agenzia Contrasto, attivo collaboratore di Forma e curatore della IX Biennale Internazionale di Fotografia: “Nel lavoro di Börje si possono cogliere sfumature, dettagli, sentimenti appena accennati, nostalgia, commozione, e soprattutto, grande rispetto per ciò che viene descritto. Nessuna denuncia, nessuna presa di posizione, nessun incantamento. A prevalere è un punto di osservazione silenzioso, un punto di vista nobile e pacato, senza per questo apparire distante e arrogante…Il ritmo è scandito dall’avvicendarsi di piccoli fatti, di sguardi che si incrociano, di gesti carichi del senso del passato. Insomma, una narrazione non lineare, sfalsata nei piani e fortemente intrisa della consapevolezza del dramma delle vicende umane.”

La mostra sarà accompagnata da una pubblicazione con testo in catalogo a cura di Denis Curti.


Share |
Francesco Cito sceglierà il vincitore di URBAN Book Award
Siamo onorati di ospitare nella giuria di URBAN Photo Awards 2021 Francesco Cito, uno dei più grandi...
Paolo Pellegrin sceglierà il Portfolio vincitore di URBAN Photo Awards 2021
Siamo entusiasti di annunciare la presenza di un altro grandissimo fotografo dell’agenzia Magnum Pho...
FESTIVAL DELLA FOTOGRAFIA ETICA
LODI - FESTIVAL DELLA FOTOGRAFIA ETICA Dal 25 settembre al 24 ottobre 2021 Come ogni anno il F...
In Libreria il nuovo libro fotografico
PUBBLICAZIONE DEL LIBRO FOTOGRAFICO “FT – FOTOGRAFIA TRANSFIGURATIVA | Transfigurative P...
TRAVEL TALES AWARD i selezionati
Sono state scelte le 50 storie che andranno in selezione su TTA,  TRAVEL TALES AWARD, una grand...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
29 Ottobre 2021         a Trieste   (Trieste)
TPD masterclass ..[continua]

  Popular Tags  
BN glamour terremoto cibo sport fotografi GRIN Photographers Days gente sconti mostra movimento roberto mutti performance vita
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13943 Utenti Registrati + 31415 Iscritti alla Newsletter
6918 News Inserite - 1851 Articoli Inseriti
2813 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate