Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Cultura Fotografica » Scheda Articolo

DAL LAGO DI COMO ALL'IMMAGINE LATENTE: FOX TALBOT
Autore: Maria Fina Ingaliso - Pubblicato il 16/06/08 - Categoria Cultura Fotografica
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 3699 volte

Share |
"Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti,…………….", iniziano così i Promessi Sposi di Alessandro Manzoni, (pubblicato nel 1827 e a dispense nel 1840-1842), ma potrebbe essere benissimo la veduta di Como che, nel 1833, il fisico e botanico inglese William H. Fox Talbot (1800-1877) in un suo viaggio in Italia ritrasse con la sua camera oscura e che gli suscitò l'emozionalità "dell'immutabile bellezza della natura" tanto da farlo dedicare alla sperimentazione di quelli che definì poi "disegni fotogenici" : riuscire a fissare le affascinanti immagini della camera oscura.
Facciamo un passo indietro, la camera obscura, conosciuta sin
dai tempi di Aristotele e sfruttata dai pittori già dal Cinquecento, permetteva la proiezione rovesciata dell'immagine catturata attraverso
un foro posto su questa camera o scatola buia. In questo modo si rendeva "ricalcabile" qualsiasi soggetto o veduta panoramica. Erano questi disegni che Talbot intendeva fissare sulla carta. Dopo varie sperimentazioni riuscì, sembrerebbe nello stesso periodo della scoperta
di Daguerre( 1839 annuncio ufficiale all'Accademia delle Scienze - 1839 annuncio alla Royal Society dei risultati di Talbot), nell'agognato procedimento " attraverso il quale si possono tracciare oggetti naturali senza l'aiuto della matita": la carta salata, ossia il disegno fotogenico. Ma, il problema si rilevò essere, come lo era stato per Niepcè e Daguerre, il fissaggio.

L'astronomo, Sir Johnn Herschel, socio come lo era Talbot della Royal Society,aveva, ancor prima di Talbot, sperimentato con esito positivo il procedimento di fissaggio (l'iposolfito arrestava l'azione della luce e il lavaggio con acqua pura eliminava i sali d'argento) e noncurante dei risultati raggiunti, li comunicò a Talbot; risultati che Talbot, senza timore alcuno li fece diventare suoi, del resto Herschel aveva altri obiettivi che non quello di essere annoverato fra i pionieri della fotografia.Spetta ad Herschel il merito di aver coniato il termine fotografia: dal greco fos=luce e grafo=scrivere, ossia scrivere con la luce.

LA DIVERSITA' DEI PRIMI DUE PROCEDIMENTI INGLESI

Il procedimento di Herschel è a immagine evidente, cioè sia sul negativo sia sul positivo la formazione dell'immagine avviene lentamente e sotto l'effetto della luce, l'arresto è dato invece dalla mancata esposizione alla luce e dal fissaggio; Il procedimento di Talbot è ad immagine latente, cioè sia sul negativo sia sul positivo la formazione dell'immagine avviene con l'uso di soluzioni chimiche (acido gallico e nitrato d'argento) con l'uso di una soluzione di sviluppo ed una di fissaggio. Questo procedimento prese il nome di calotipia e si contrappose, se non altro come procedimento di riproducibilità dell'immagine, alla dagherrotipia. Ma ecco comparire sulla scena di nuovo il nostro Mr. Bayard, che anche stavolta reclamava un posto al sole.

LA CARTA SALATA

- la carta viene trattata con una soluzione di cloruro di sodio alla quale si sovrappone una soluzione concentrata di nitrato d'argento.
- si mettono a contatto gli oggetti che si vogliono impressionare e si espongono alla luce.
- lavare in acqua corrente, fissare in un bagno di fissaggio comune quindi rilavare ed asciugare la fotografia così ottenuta.

© Maria Fina Ingaliso Collaboratrice DAC - FIAF

Bibliografia:
- Storia sociale della Fotografia - Ando Gilardi - Bruno Mondatori
- A new History of Photography-Michel Frizot - Konemann
- Enciclopedia La Nova UTET
- Piccola Storia della Fotografia - Diego Mormorio




Share |
Paolo Pellegrin sceglierà il Portfolio vincitore di URBAN Photo Awards 2021
Siamo entusiasti di annunciare la presenza di un altro grandissimo fotografo dell’agenzia Magnum Pho...
FESTIVAL DELLA FOTOGRAFIA ETICA
LODI - FESTIVAL DELLA FOTOGRAFIA ETICA Dal 25 settembre al 24 ottobre 2021 Come ogni anno il F...
CITIES 9
CITIES 9 è pronto, un numero molto  interessante! In questo numero, oltre alle 4 storie ...
In Libreria il nuovo libro fotografico
PUBBLICAZIONE DEL LIBRO FOTOGRAFICO “FT – FOTOGRAFIA TRANSFIGURATIVA | Transfigurative P...
ImageNation Milan
ImageNation Milan - The New Aesthetics arriva a Milano  con una mostra internazionale presso la...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
base bortolozzo sogno Color ritratto b/n Claudia Rocchini microstock stampa fine art valentina fotografia sociale cusano isfci portfolio Amsterdam Polaroid
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13948 Utenti Registrati + 31642 Iscritti alla Newsletter
6932 News Inserite - 1851 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate