Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   www.esta-usa-visto.it/   Photofestival              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

DETAILS luca cacioli
Autore: galleria33 - Pubblicato il 25/09/16 - Categoria Mostre
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 1296 volte

Share |

Mercoledì 28 settembre presso Vineria al 10 in piazza San Giusto 10/c ad Arezzo inaugura Details, mostra fotografica di Luca Cacioli. La personale è a cura di Tiziana Tommei e in collaborazione con Galleria 33. Gli scatti, di cui si presenta per l’occasione una selezione, sono stati realizzati all’interno della storica fabbrica Lebole, registrando – come già dichiarato nel titolo del progetto, Details - dettagli. Immagini essenziali, di un bianco e nero evocativo, che traducono elementi architettonici, materiali, segni e tracce antropiche, in geometria, linea, punto e forme pure.

Testo critico.

Non è banale e ancor meno immediato confrontarsi con luoghi ben impressi nell'immaginario collettivo. A maggior ragione se questi stessi spazi sono stati già oggetto di studio e traduzione da parte di altri. Si ha sempre il timore di sfociare in qualcosa di ripetitivo, monotono ed impersonale. Oggi e in crescendo, in fotografia come in arte, si desidera troppo spesso stupire e sorprendere, cercando a tutti i costi di proporre qualcosa di nuovo. Tuttavia non esiste realtà fisica, soggetto o tecnica che possa sopperire alla mancanza di una novità di visione. È lo sguardo che conta, ossia il modo e il tempo di osservazione, riflessione e rielaborazione di ciò che vediamo e, in misura maggiore, ciò che vogliamo affermare o negare. È vero, in origine Luca Cacioli ha guardato all’ex fabbrica per la sua storia. Eppure la scelta del luogo è avvenuta in ordine a ragioni formali, in quanto in esso il fotografo ha scorto i segni del suo alfabeto visivo. Oggetti sospesi ed isolati, geometrie di ferro e stoffa, superfici erose e consunte: Details che suggeriscono un’atmosfera silenziosa e rarefatta, ma soprattutto - questo è il nocciolo – una tendenza all'astrazione in forme, linee e punti. L’uso del bianco e nero evoca una sorta di radiografia dei soggetti scelti, che viene ulteriormente sviluppata quando trasposta ai particolari. Mediante la ricerca dell'ossatura strutturale - non della macroarchitettura, ma della microarticolazione degli elementi – vengono fissati i fulcri della composizione, orientando la lettura. Nondimeno la tensione alla sottrazione e alla interpretazione del dato oggettivo non comportano la perdita del contatto con quest'ultimo. Infatti, la riconoscibilità del soggetto non viene mai negata: un neon resta tale, al pari delle tende a rullo o dei tubi in ferro. Tutti questi "vocaboli", andando ben oltre il loro status, rappresentano fasci di vettori, rette e diagonali. Questa traduzione segnica è il punto del progetto, che trova in dettagli apparentemente ordinari il senso di un’indagine personale e in divenire. Muovendo dall’approccio puramente formalista, e dunque osservando il progetto sul piano di contenuto e contesto, ad emergere è la storia. I dettagli catturati sono i resti di un corpo smembrato: una cattedrale divenuta non-lieu. Lebole, da simbolo di rinascita, emancipazione, industrializzazione e rivoluzione a specchio dei nostri tempi: un campo di battaglia, un teatro fatiscente sul cui palco si assecondano come maschere precarietà, incertezza, non curanza e provvisorietà. La decadenza dei valori, frammista all’incapacità di guardare con onestà e lucidità al passato, finisce per ottenebrare la visione di un futuro migliore che possa riscattare questo presente frammentato, convulso, tormentato, sospeso in un limbo e perennemente violentato. Un tempo di cui questo spazio è metafora.

Luca Cacioli è nato ad Arezzo nel 1991. Studia Architettura all’Università di Firenze e in seguito decide di dedicarsi alla sua passione, la fotografia. Si iscrive alla LABA - Libera Accademia di Belle Arti e avvia la collaborazione con uno studio fotografico. Si confronta con professionisti del settore, studia e frequenta corsi; partecipa a premi e festival. Il suo esordio espositivo avviene nell'ambito di Fotoconfronti OFF 2014, mostra fotografica a cura del CIFA - Centro Italiano della Fotografia d’Autore a Bibbiena, Arezzo. L'anno successivo ha luogo la mostra fotografica personale Confini presso Photoclub La Chimera ad Arezzo. A seguire è in mostra con Galleria 33 ad Arezzo, attraverso l'open call White Cube e nell'omonimo group show. Successivamente è a Pietrasanta, dove viene presentato tra gli artisti trattati da Galleria 33. L'opera Frammenti del ciclo Surrealim viene pubblicata sulla copertina del magazine di design D'A (anno XXVI n. 4/15 – Ott/Dic 2015). Nello stesso anno viene selezionato con la serie Confine nel progetto TU-35 ed espone presso il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci a Prato. Subito dopo è in mostra al Museo Piaggio a Pontedera nella collettiva Creactivity. Partecipa inoltre a Piccole fotografie da collezione, mostra itinerante a cura di Serena del Soldato organizzata da LABottega. Nel 2016 è coinvolto da Galleria 33 nell'asta di beneficenza La strada di Mattoni gialli per GoldForKids, progetto di Fondazione Umberto Veronesi. Torna a esporre il progetto Confine ad Arezzo presso We52100 e a Firenze alla Tethis Gallery. A Luglio partecipato alla mostra Terracomunica a Gubbio. Presenta una prima selezione della serie Details ad Arezzo in occasione dell'apertura dello Studio di architettura Zurli e successivamente a Fotoconfronti Off 2016 a Palazzo Ferri, Bibbiena. Tra i 50 artisti selezionati per Artes - Xmq of pit, ready for the mosh!, espone ad ArtVerona Art Project Fair (ottobre 2016). Vive e lavora ad Arezzo.

La mostra resterà visitabile fino al 24 ottobre 2016, con i consueti orari di Vineria al 10 – aperta tutti i giorni dalle ore 18.00 e chiusa il martedì.

Share |
ISP EXPERIENCE, 22 e 23 aprile
Segnaliamo con piacere il nuovo progetto  ISP EXPERIENCE di Italian Street Photography. Si t...
URBAN 2017: montepremi a quota 6.000 € grazie alla partnership con il Museo di Parenzo (Croazia)
Il Museo del territorio parentino (Parenzo, Croazia) torna tra i main partner del concorso fotografi...
Ritorna il concorso fotografico internazionale URBAN 2017 Photo Awards
Il 14 febbraio 2017 si apriranno le iscrizioni al concorso fotografico URBAN Photo Awards, promosso ...
Visionary Art Show, Lecce
VISIONARY ART SHOW Contemporary Art Fair & Spectacle Regia/Curatore: Dores Sacquegna Luogo...
una Pordenone mai vista
La galleria due piani è lieta di ospitare, presso i propri spazi, una Pordenone mai vista la ...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
06 Maggio 2017         a Volturara Appula   (Foggia)
LA FOTOGRAFIA, TRA MEMORIA STORICA E RICERCA ANTROPOLOGICA ..[continua]
07 Maggio 2017         a Greve in Chianti   (Firenze)
Una Giornata al Castello di Verrazzano: giornata unica tra fotografia in spazi esclusivi e degustazi..[continua]
28 Giugno 2017         a Siena   (Siena)

  Popular Tags  
2011 storytelling fotogiornalismo Ritratti base Nino Migliori Instagram prodotto composizione reportage banco ottico grafica reggio emilia Lightroom immagine postproduzione
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13413 Utenti Registrati + 9365 Iscritti alla Newsletter
6333 News Inserite - 1729 Articoli Inseriti
2749 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate