Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Cultura Fotografica » Scheda Articolo

ESTETICA DELLA FINESTRA: geometrie, forme e colori di Giuseppe Ficherta
Autore: Gruppo Fotografico LE GRU - Pubblicato il 08/03/14 - Categoria Cultura Fotografica
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 1372 volte

Share |
Estetica della finestra: geometrie, forme e colori. Mostra di Giuseppe Fichera “Ogni colore, ogni materia vecchia o nuova porta con sé in modo più o meno palese, l’eco della propria storia”. (Ettore Sottsass, Scritto di notte, 2010) Finestra, spazio definito e delimitato, cornice, elemento architettonico fatto di materia, infissi, vetri, pannelli; apertura in una parete verticale, limite fra interno ed esterno, luogo di confine e dello scambio esperienziale; elemento di protezione, passaggio di aria e luce per l’interno; elemento estetico formale, oggetto, geometria e colore dall’esterno. Questo lavoro fotografico si addentra nelle continue variazioni dello schema geometrico di facciata, luogo in cui coesistono proporzioni e ritmi, funzioni ed estetica, continuità e discontinuità, densità e inconsistenza ed ancora, geometrie, texture e trasparenze. È un’esplorazione fotografica di sintesi, descrizione-confronto fra paesi con tecniche costruttive, storia e culture diverse. Non una ricerca sistematica, non un voler costruire una tassonomia ma un ricercare nel viaggio spunti di riflessione con argomento analogo. Un “mondo” di finestre racconta i luoghi in cui l’autore è stato: Bilbao, Londra, Palma de Maiorca, Malta, Venezia, Savona, Sapri, ecc … Così, espressioni stilistiche di progettisti ed epoche storiche diverse, coesistono. La Finestra palesa la propria funzione storica, stratificazione di cultura come simbolo identitario di uno spazio urbano. Osserviamo così accostamenti di fotogrammi in cui sono presenti combinazioni vivaci di materiali, vetro, metallo, legno, prospetti caratterizzati dalla ripartizione geometrica degli infissi. Notiamo la presenza di una tenda, di una persiana, di una facciata in cui finestre sono inquadrate dagli ordini architettonici disegnati in trompe l’oeil, finestre dalle semplici forme coesistono accanto a quelle decorate più riccamente, quelle dove la pietra diventa somigliante a merletti di delicata fattura, o quelle, polifore dalle sottili colonnine ed archi. Il punto di vista, quasi sempre perpendicolare alla facciata, propone una contemplazione delle caratteristiche di superficie come elementi e texture lisci e piatti, se ne evidenzia la simmetria, la asimmetria o la massima libertà di composizione. A volte un punto di vista più laterale innesca sensazioni tattili evidenziando forme incassate o sporgenti, volumi in un movimento visivo tridimensionale. La qualità molteplice della luce contribuisce a variazioni sostanziali sull’immagine: quando molto intensa e laterale traccia ombre profonde che compartecipano, da elementi, alle geometrie di facciata; quando invece diffusa, porta appiattimento per l’assenza di ombre evidenziando formalismi e colori. Quando il materiale è lucido o specchiante, i riflessi mescolano la propria immaterialità alla materia reale circostante ed ecco si moltiplicano le percezioni, tante quante le frammentazioni della realtà, tali da rendere labile il confine tra reale ed immaginario. Dire finestra è affermare l’esistenza di un dentro e di un fuori. Le finestre-aperture completano la facciata-faccia di edifici dalle funzioni più varie, la finestre, come occhi curiosi e silenti si aprono e si chiudono seguendo i ritmi del giorno e della notte, le finestre, quando spalancate, “guardano curiose” il mondo dell’altro, la vita ed il vissuto personale di abitanti, passanti ignari. La fotografia di questo lavoro inquadra invece dall’esterno, l’autore sceglie di isolare scene non accessibili, fotogrammi come quadri appesi solo da osservare con curiosità lasciando allo spettatore esterno l’immaginare cosa succede dentro, al di là della finestra. Quante storie di interni celano avidamente le finestre? Arch. Daniela Sidari Docente di Fotografia
Share |
Corigliano Calabro Fotografia
CORIGLIANO CALABRO FOTOGRAFIA 2018 - www.coriglianocalabrofotografia.it  programma della manife...
in stampa il magazine Cities n. 3
Cities 3 è pronto! il terzo numero 3 di Cities, un Magazine A4 di  180 pagine ,brossu...
Open Call: TPD Book Award 2018
Nell’ambito di Trieste Photo Days 2018, festival internazionale della fotografia, l’asso...
Open call TPD2018: presentazione di progetti espositivi, editoriali, libri e magazine
Ti occupi di fotografia urbana? Hai prodotto un libro o una zine fotografica sull’argomento? ...
Premio Marco Pesaresi per la fotografia contemporanea
Il Premio Marco Pesaresi per la fotografia contemporanea è promosso dal Comune di S...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
08 Settembre 2018         a Grado   (Gorizia)

  Popular Tags  
gratis 2009 fotogiornalismo fotoreporter valentina puglia evento raffaella milandri B&W facebook sala posa Bambini master web moda photofestival
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13711 Utenti Registrati + 11652 Iscritti alla Newsletter
6630 News Inserite - 1790 Articoli Inseriti
2797 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate