Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

Fireberg Hot|as|ice
Autore: patrizia dottori - Pubblicato il 16/11/08 - Categoria Mostre
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 1408 volte

Share |
Non si tratta di una narrazione, né di un reportage, né forse di fotografie in quanto scatti nell’accezione comune.
Fireberg di Patrizia Dottori è una prova di resistenza, è l’attrazione verso un’altra dimensione, verso il baratro, verso un nulla che diventa consistente.
Il luogo in questione è il ghiacciaio di Perito Moreno, nel versante argentino, l’anno è il 2007. Arriva lì per un primo sopralluogo e, sul momento, fotografa addirittura con il suo cellulare. L’impressione è forte, avverte una presenza, dice, la concretezza di qualcosa che oltrepassa la percezione di natura, di paesaggio, di ghiacci eterni, di stupore. Il suo desiderio non è quello di fotografare, ma è quello di entrare a far parte di quella stranissima dimensione, di un pezzo di mondo che sta lì immutato dall’epoca del Quaternario. Primitivo, primordiale, ancestrale, questo luogo la risucchia, inizia a vivere dentro di lei. Quindi ci torna, questa volta provvista di apparecchiatura, ma già il ghiacciaio non è più lo stesso. Decide di fotografarlo in negativo. Il risultato è inaspettato: il muro di ghiaccio diventa fuoco, si trasforma in lava incandescente. Ecco allora che i suoi lavori si dividono in nuclei diversi: c’è un prima e c’è un dopo. Il suo rapporto con l’immagine diventa viscerale, come se tutto ciò che aveva visto fosse passato attraverso il suo tubo digerente, come se gli scatti fotografici non li avesse fatti attraverso la macchina, ma attraverso il suo metabolismo. Perdita del soggetto … forse si tratta di questo, ma più ancora del raggiungimento di uno stato di purezza, di uno svuotamento che fa posto a ciò che arriva dall’esterno, un misterioso fenomeno di illuminazione.
Il video ripercorre queste tappe. E’ lungo, lento, cadenzato da una musica penetrante. Per qualche verso è un video ossessivo, attraverso il quale lei costringe lo spettatore a partecipare all’intero processo, senza scartare niente, senza accorciare, senza mezzi termini. Le immagini prima di essere belle sono forti e fanno pensare ad un processo inarrestabile. Il nostro mondo è quello e nient’altro oltre a ciò. E’ un gelido paradiso che si trasforma in un inferno incandescente.
Francesca Pietra
Share |
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
CITIES INSIDE
rilanciamo volentieri una nuova iniziativa del nostro partner Isp; una call gratuita per progetti ch...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
13 Settembre 2020         a VIETNAM   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel vIETNAM Reportage, paesaggio, s..[continua]

  Popular Tags  
viaggio fotografico nero concorso silenzio installazione esposizioni wi-fi magazine terremoto matrimonio NAPOLI workshop matera pippo fine art backstage
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13900 Utenti Registrati + 22426 Iscritti alla Newsletter
6876 News Inserite - 1845 Articoli Inseriti
2811 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate