Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   www.esta-usa-visto.it/   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Riflessioni » Scheda Articolo

Fotografia stenopeica? Perchè no!
Autore: Maurizio Magnani - Pubblicato il 05/11/09 - Categoria Riflessioni
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 3628 volte

Share |

Può sembrare strano, o peggio anacronistico, dopo tutta la strada percorsa dalla fotografia  parlare oggi di immagine stenopeica, soprattutto dopo la grande rivoluzione che negli ultimi anni ha trasformato questa disciplina da “argentica” a “numerica”, almeno nell’accezione di massa.

Ma forse è proprio per questo, con una fotografia sempre più schiava della tecnologia esasperata e, per certi versi, ingannevole e fine a se stessa che è meraviglioso riavvicinarsi ad un modo di fare immagine diverso, un mondo a parte che ha seguito la fotografia tradizionale fin dagli albori, in silenzio e senza esserne mai completamente sopraffatto.

Il principio di funzionamento è noto da millenni. Aristotele prima e le popolazioni Arabe poi erano a conoscenza dei principi di formazione dell’immagine e la utilizzavano, la camera oscura, per l’osservazione delle eclissi solari. A partire dal 1500, fu largamente sfruttata da pittori di piccola o grande fama. Come il Canaletto.

Una stanza buia, un piccolissimo foro su una parete. I raggi luminosi attraversano il foro e finiscono, capovolti, sulla parete opposta generando l’immagine del reale che è posto di fronte al foro.

La macchina fotografica stenopeica, pinhole camera come direbbero gli anglosassoni, non è altro che la versione miniaturizzata della camera oscura, dotata di un microscopico forellino (pochi decimi di millimetro il diametro) su un lato e di materiale fotosensibile dalla parte opposta.

Una scatola vuota e nera che cattura le immagini, senza l’intermediazione dell’obiettivo.

Non cambiano sostanzialmente i risultati, certo l’immagine stenopeica non è e non vuole essere “otticamente perfetta”, quello che cambia è l’approccio alla fotografia.

Non una raffica di 5 fotogrammi al secondo. Ma un fotogramma ogni 5 secondi. Minuti od ore, se necessario.

Provare la fotografia stenopeica è semplice ed economico.

In commercio si trovano abbastanza facilmente appositi tappi per il bocchettone delle reflex con il pinhole già preparato. Pratico, relativamente economico ma i risultati, trovo, non sono entusiasmanti. Il sensore, o il fotogramma 24x36, è troppo piccolo. L’immagine ingrandita per la stampa perde quella nitidezza minima che la rende piacevole alla vista. Si ottengono, per intenderci, immagini che scivolano facilmente verso il flou.

Inoltre la focale risultante, che è la distanza del foro dal sensore/pellicola, è normalmente pari a 40-45 mm. Una focale normale che trovo poco stimolante.

Meglio, molto meglio, le apposite fotocamere medio formato che utilizzano rulli 120, fornendo fotogrammi di grandi dimensioni (dal 6x4,5 al 6x12!) e caratterizzati da enormi angoli di campo.

Ma questo non vuole essere un trattato sulla fotografia stenopeica, in internet si trovano informazioni in abbondanza!, quanto una semplice riflessione su un gioco. Che gioco non è.

Share |
BIENNALE DELLA FOTOGRAFIA FEMMINILE
A causa delle ordinanze locali la Biennale è rimandata a date da definire  Mantova os...
Alex Webb e Rebecca Norris Webb presiederanno la giuria di URBAN 2020
Cominciamo il 2020 con una news clamorosa: siamo orgogliosi di annunciare che Alex Webb e Rebecca No...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
15 Maggio 2020         a Massarosa   (Lucca)
Un fine settimana intenso e divertente per esplorare l’interazione tra fotografo e soggetto e impara..[continua]
18 Luglio 2020         a KIRGHIZISTAN   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel Pamir Reportage, paesaggio, str..[continua]

  Popular Tags  
Still Life roberto mutti viaggio fotografico webinar valentina studio street piemonte corsi fotografia Siena collettiva esposizione base campagna workshop fotografico manfrotto
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13879 Utenti Registrati + 16988 Iscritti alla Newsletter
6853 News Inserite - 1835 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate