Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

Giovanni Del Brenna | Ibidem
Autore: s.t. foto libreria galleria - Pubblicato il 08/10/14 - Categoria Mostre
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 1003 volte

Share |
Giovanni Del Brenna Ibidem opening lunedì 20 ottobre ore 19:00-22:00 s.t. foto libreria galleria via degli ombrellari, 25 Roma fino al 5 novembre 2014, dal martedì al sabato ore 10:30-19:30 Alla mostra si accompagna il libro Ibidem con i testi di Marc Augé e Carole Naggar s.t. foto libreria inaugura la propria stagione espositiva con una personale del fotografo Giovanni Del Brenna, in programma dal 20 ottobre al 5 novembre. La mostra propone una selezione di immagini tratte dal progetto Ibidem: una ricognizione, sulla metamorfosi delle grandi città, che tendono sempre più a somigliare l’una all’altra, a diventare lo “stesso posto” (in latino: ibidem). Da questa ricerca, sviluppata nel corso di sette anni utilizzando una Leica tradizionale con pellicola a colori, ha preso poi forma un libro, con i testi dell’antropologo Marc Augé e della storica della fotografia Carole Naggar. Nato a Genova ma cresciuto a Rio de Janeiro, italiano di cultura francese, Giovanni Del Brenna ha poi vissuto tra Lisbona, Lille, Parigi, Londra, Milano, Napoli, Roma e New York, nutrendo il proprio lavoro di questo continuo transito fra luoghi diversi. Proprio a New York (dove studia all’International Center of Photography) capisce che molti degli scenari che percorre e che sceglie di fotografare, avrebbero potuto essere messi a fuoco altrove. Nasce così l’idea di abbinare le immagini di alcune metropoli attraversate nel corso del tempo (fra cui anche Los Angeles, Londra, Berlino, Singapore, Hong Kong, Shanghai e Tokyo), per comporre il ritratto di un’unica città virtuale: Ibidem. Il progetto è stato prodotto ed esposto per la prima volta in Francia nel 2011, nell’ambito della mostra "Nos Vi[ll]es" all’Arsenal di Metz. Il libro, edito in Olanda dal fotografo stesso, rende ancor più esplicito il suo obiettivo di “perdersi in una città immaginaria non sapendo più dove si è: si pensa di essere da qualche parte, si percepisce questo mondo come familiare, ma si è altrove”. Negli spazi della galleria s.t. si è scelto di privilegiare le foto che meglio documentano la condizione di isolamento della figura umana (in particolare quella maschile) nello spazio urbano, nonché la consistenza teatrale che ogni luogo-non luogo tende ad assumere . “Le cose non si abitano veramente, non coincidono più né con i loro luoghi né con i propri confini. Dubitano di se stesse e di noi e quindi diventano, istantaneamente, teatro” (Carole Naggar). “Tanto che alla fine ci si può chiedere: Qual è esattamente l’oggetto della ricerca di Del Brenna: la solitudine del mondo o la sua?” (Marc Augé). Giovanni Del Brenna nasce a Genova nel 1974, passa l’infanzia a Rio de Janeiro e l’adolescenza tra l’Italia, il Portogallo e la Francia. Si laurea in Ingegneria Meccanica al Politecnico di Milano, ma decide poi di dedicarsi alla sua passione: la fotografia. Ammesso all’International Center of Photography di New York, segue il corso di Fotografia Documentaria e Fotogiornalismo. A New York lavora per due anni come assistente di James Nachtwey, entra a far parte dell’agenzia Grazia Neri, ed è ammesso all’Eddie Adams Workshop del 2003. Il suo lavoro è stato esposto a New York, Milano, Lisbona e Metz ed è stato pubblicato da varie testate italiane ed estere. Nel giugno 2006 Hermès Italia gli commissiona le foto per il libro L’Aria di Firenze, e nel 2011 EDF per il libro En Produisant par la Lorraine sul passato, presente e futuro delle centrali termiche in Lorena. È stato nominato da Getty Images, New Photographer 2007 for advertisement. Dal 2010 le sue foto sono distribuite dall’agenzia LUZ photo. Nel 2014 pubblica il suo primo libro, Ibidem, un progetto sulle città globali sviluppato nel corso di dodici anni. Giovanni Del Brenna Ibidem Fotografie di Giovanni Del Brenna Testi di Marc Augé e Carole Naggar Lingua: Inglese / Francese / Italiano Pagine 132 | Rilegatura filo refe, copertina rigida con tela serigrafata | cm. 23x17 € 45 Edizione di 800 copie € 80 Edizione speciale di 50 copie con una fotografia cm. 17x23 inserita nel libro € 180 Edizione speciale di 15 copie con una fotografia cm. 24x30 inserita in una scatola fatta a mano Giovanni Del Brenna Ibidem opening lunedì 20 ottobre ore 19:00-22:00 s.t. foto libreria galleria via degli ombrellari, 25 Roma fino al 5 novembre 2014, dal martedì al sabato ore 10:30-19:30 Alla mostra si accompagna il libro Ibidem con i testi di Marc Augé e Carole Naggar s.t. foto libreria inaugura la propria stagione espositiva con una personale del fotografo Giovanni Del Brenna, in programma dal 20 ottobre al 5 novembre. La mostra propone una selezione di immagini tratte dal progetto Ibidem: una ricognizione, sulla metamorfosi delle grandi città, che tendono sempre più a somigliare l’una all’altra, a diventare lo “stesso posto” (in latino: ibidem). Da questa ricerca, sviluppata nel corso di sette anni utilizzando una Leica tradizionale con pellicola a colori, ha preso poi forma un libro, con i testi dell’antropologo Marc Augé e della storica della fotografia Carole Naggar. Nato a Genova ma cresciuto a Rio de Janeiro, italiano di cultura francese, Giovanni Del Brenna ha poi vissuto tra Lisbona, Lille, Parigi, Londra, Milano, Napoli, Roma e New York, nutrendo il proprio lavoro di questo continuo transito fra luoghi diversi. Proprio a New York (dove studia all’International Center of Photography) capisce che molti degli scenari che percorre e che sceglie di fotografare, avrebbero potuto essere messi a fuoco altrove. Nasce così l’idea di abbinare le immagini di alcune metropoli attraversate nel corso del tempo (fra cui anche Los Angeles, Londra, Berlino, Singapore, Hong Kong, Shanghai e Tokyo), per comporre il ritratto di un’unica città virtuale: Ibidem. Il progetto è stato prodotto ed esposto per la prima volta in Francia nel 2011, nell’ambito della mostra "Nos Vi[ll]es" all’Arsenal di Metz. Il libro, edito in Olanda dal fotografo stesso, rende ancor più esplicito il suo obiettivo di “perdersi in una città immaginaria non sapendo più dove si è: si pensa di essere da qualche parte, si percepisce questo mondo come familiare, ma si è altrove”. Negli spazi della galleria s.t. si è scelto di privilegiare le foto che meglio documentano la condizione di isolamento della figura umana (in particolare quella maschile) nello spazio urbano, nonché la consistenza teatrale che ogni luogo-non luogo tende ad assumere . “Le cose non si abitano veramente, non coincidono più né con i loro luoghi né con i propri confini. Dubitano di se stesse e di noi e quindi diventano, istantaneamente, teatro” (Carole Naggar). “Tanto che alla fine ci si può chiedere: Qual è esattamente l’oggetto della ricerca di Del Brenna: la solitudine del mondo o la sua?” (Marc Augé). Giovanni Del Brenna nasce a Genova nel 1974, passa l’infanzia a Rio de Janeiro e l’adolescenza tra l’Italia, il Portogallo e la Francia. Si laurea in Ingegneria Meccanica al Politecnico di Milano, ma decide poi di dedicarsi alla sua passione: la fotografia. Ammesso all’International Center of Photography di New York, segue il corso di Fotografia Documentaria e Fotogiornalismo. A New York lavora per due anni come assistente di James Nachtwey, entra a far parte dell’agenzia Grazia Neri, ed è ammesso all’Eddie Adams Workshop del 2003. Il suo lavoro è stato esposto a New York, Milano, Lisbona e Metz ed è stato pubblicato da varie testate italiane ed estere. Nel giugno 2006 Hermès Italia gli commissiona le foto per il libro L’Aria di Firenze, e nel 2011 EDF per il libro En Produisant par la Lorraine sul passato, presente e futuro delle centrali termiche in Lorena. È stato nominato da Getty Images, New Photographer 2007 for advertisement. Dal 2010 le sue foto sono distribuite dall’agenzia LUZ photo. Nel 2014 pubblica il suo primo libro, Ibidem, un progetto sulle città globali sviluppato nel corso di dodici anni. Giovanni Del Brenna Ibidem Fotografie di Giovanni Del Brenna Testi di Marc Augé e Carole Naggar Lingua: Inglese / Francese / Italiano Pagine 132 | Rilegatura filo refe, copertina rigida con tela serigrafata | cm. 23x17 € 45 Edizione di 800 copie € 80 Edizione speciale di 50 copie con una fotografia cm. 17x23 inserita nel libro € 180 Edizione speciale di 15 copie con una fotografia cm. 24x30 inserita in una scatola fatta a mano s.t. foto libreria galleria via degli ombrellari, 25 Roma +39 0664760105 info@stsenzatitolo.it www.stsenzatitolo.it s.t. foto libreria galleria via degli ombrellari, 25 Roma +39 0664760105 info@stsenzatitolo.it www.stsenzatitolo.it
Share |
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
TRAVEL TALES AWARD
In un momento storico in cui  i Fotografi hanno dovuto forzatamente chiudere le valigie in cant...
DREAMLANDS
In partenza la nuova iniziativa di  Isp, che in collaborazione con Photographers.it  propo...
vincitore CCF book award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione   previsto ...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
donne colore brescia bologna onnik immagini fabbrica del vapore reggio emilia nikon GRIN glamour evento studio fotografico facebook fine art deaphoto
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13903 Utenti Registrati + 29060 Iscritti alla Newsletter
6889 News Inserite - 1847 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate