Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Tutorial » Scheda Articolo

I colori e la resa di stampa
Autore: Redazione - Pubblicato il 12/11/19 - Categoria Tutorial
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina č stata visitata 1907 volte

Share |

I colori sono un aspetto essenziale per la stampa e una buona resa degli stessi può portare al successo o al fallimento di un progetto. Per lo stampatore, dunque, è imprescindibile avere  una buona gestione del colore, affinché tutti i lavori siano coerenti e misurabili con le aspettative del cliente. Vediamo come sia possibile realizzare ciò.

Stampa digitale

Tutte le macchine da stampa digitale, foglio, bobina, grande e piccolo formato, inkjet e toner, sono l’unione di una parte software che trasforma i file in matrici virtuali e una parte hardware che è il corpo stampante vero e proprio. La gestione del colore in modo oggettivo è un prerequisito fondamentale per poter lavorare in modo profittevole con qualsiasi sistema di stampa digitale per i seguenti motivi: l’assenza di matrice fisica in questo processo di stampa rende ogni soggetto stampato un originale riscritto per ogni copia prodotta; le tirature nel caso della macchina a foglio e a bobina sono, per economia di scala, ridotte rispetto a un processo analogico; nel grande formato spesso si fanno stampe di poche copie o, nel caso delle maxi affissioni, uniche.

Diponibilità delle specifiche tecniche

Lo stampatore deve rendere disponibili le impostazioni (profili colore, risoluzioni, lineature, jobticket, preferenze software) delle proprie configurazioni della macchina da stampa affinché grafici e agenzie possano utilizzarle e incorporarle nei file, le matrici dello stampato; in alternativa, se lo stampatore ha sviluppato i propri profili device link o le sue procedure di conversione da profili standard, dovrà comunicare cosa adottare affinché si possano ottenere dei risultati misurabili. È la struttura stessa delle macchine da stampa digitale a rendere necessari questi passaggi, perché potendo stampare su molti materiali, senza variare inchiostri, si rende necessario eseguire rasterizzazioni differenti dello stesso file in funzione del supporto e del risultato cromatico atteso. Quindi per fare un’efficace gestione del colore con sistemi di stampa digitale abbiamo due ambiti di riferimento: l’acquisizione dei file e le impostazioni della specifica macchina.

I formati dei file

I formati file utilizzati per la consegna alla stampa di un sistema digitale sono pochi di preferenza in formato PDF, sia raster, sia vettoriali e affinché la riproduzione dei colori rispetti quanto desiderato è necessario che tali colori siano leggibili dai RIP delle macchine da stampa digitale. Inoltre, molti sistemi di stampa digitale hanno dei gamut molto ampi, ben oltre gli standard di quadricromia noti, e permettono agli stampatori di fidelizzare e aumentare le possibilità di soddisfazione di comunicazione di agenzie e creativi.

Utilizzare profili specifici

Nel mondo della stampa, le varie tipologie di carta rappresentano una sfida in quanto presentano colorazioni e superfici differenti. Lo stesso inchiostro o motivo di stampa infatti potrebbe essere riprodotto in maniera completamente diversa su due tipologie di carta dissimili. L’obiettivo dei profili di colore è quello di conseguire una resa dell’immagine più consistente possibile su tutti i mezzi di comunicazione tenendo conto delle caratteristiche di carta e metodo di stampa. A tale scopo, l’International Color Consortium (ICC) sviluppa profili di colore per mezzi di comunicazione diversi. I profili di colore sono scaricabili gratuitamente e sono compatibili con Windows, Mac OS e, in linea di massima, tutti gli altri sistemi operativi di uso comune. Tuttavia, non sono generalmente preinstallati sui computer, per cui è necessario procurarseli autonomamente e integrarli successivamente nel proprio programma di impaginazione. Proprio come negli altri settori, anche nel campo della stampa tutto è in continua evoluzione. Nel 2015 è stata infatti rilasciata una versione aggiornata dei profili di colore utilizzati dalle stamperie (PSO coated & uncoated). La versione 3 più recente di questo standard offre una riproduzione dei colori persino migliore, soprattutto sulle carte naturali. Ma anche i requisiti relativi a tecnologie di misura, illuminante standard e carte di prova sono stati modificati dalla norma 12647-2:2013. Lo stampatore dunque deve mettere a disposizione profili colore o device link. Quando si stanno elaborando ad esempio maxi-affissioni e grafiche in punto vendita questo è l’ideale, si riduce in modo drastico la possibilità di errore, di difformità o cecità. I file sono preparati per quella specifica combinazione macchina e supporto, e un cambiamento di uno di questi due elementi richiede il rifacimento delle conversioni.

Utilizzo dei profili colore CMYK standard

Lo stampatore che adotta questa scelta decide che lavorerà sempre rispettando i parametri definiti dallo standard e dovrà dichiarare il delta entro il quale è in grado di riprodurre le tinte di controllo. Il cliente deve sempre fornire il profilo o deve essere chiaramente indicato dato che il motore colore del RIP interverrà facendo conversioni, CMYK to CMYK sulla base di intenti di rendering, o delle trasformazioni, reporpousing. In ogni caso ci saranno delle variazioni cromatiche sulle attese e si sfruttano poco le possibilità dei sistemi di stampa digitale.

Utilizzo di profili RGB

Questo sistema è quello che può dare maggiori soddisfazioni in termini di profondità colore, brillantezza e luminosità. Le coordinate cromatiche restano intatte fino alla conversione finale nel profilo di macchina corretto ottenendo il massimo gamut riprodotto sia con profili che utilizzano molto colore, sia con quelli economici con forti svuotamenti, mantenendo sempre pieno controllo della resa visiva finale. Una corretta gestione dell’input è il passo fondamentale nella stampa digitale per ben gestire la resa visiva e fare una buona prima stampa, ma per fare questo lo stampatore dovrà avere sotto controllo le variabili che intervengono nel processo e creare caso per caso le impostazioni corrette. Per fare questo una parte delle informazioni può essere data dai fornitori delle macchine e dei supporti, mentre una parte deve essere oggetto di sperimentazione, analisi e scelte compiute dallo stampatore stesso. E quindi è necessario che lo stampatore conosca molto bene il comportamento dei RIP e delle macchine in dotazione.

Le impostazioni di macchina

Ogni macchina da stampa digitale ha i suoi punti di forza e i suoi limiti. Affinché si possano rendere disponibili delle informazioni colore ai propri clienti in un’ottica di gestione del colore certa, è opportuno che lo stampatore conosca a fondo i comportamenti della macchina in suo possesso. Questo è possibile solo se il venditore è in grado di erogare un’adeguata formazione e fornisca un continuo supporto alla produzione in funzione delle richieste del mercato.

Fogra PSD: una prima guida digitale in evoluzione

La poliedricità della stampa digitale ha richiesto di formulare un approccio differente al concetto di qualità inteso come processi e risultati attesi. Già nel 2005 un documento di TAGA Italia aveva ravvisato la necessità di dover parlare di qualità nella stampa digitale non come macchine, ma come ambito di utilizzo. Ma è solo che un ente come FOGRA è riuscita nel 2011 e ancor più nel 2016, dopo un lungo lavoro di test e confronti, a pubblicare il primo documento per gli stampatori digitali.

Share |
Photolux 2019
torna Photolux Festival, la biennale che getta uno sguardo limpido sul panorama fotografico int...
Inaugurazione mostra Over.State di Ilias Georgiadis
Inaugurazione Over.State di Ilias Georgiadis a cura di Michele Corleone Giovedė 14 novembre ore 19 ...
Trieste photo Days 2019
Trieste Photo Days 2019: avanti tutta con Martin Parr, Nick Turpin e decine di ospiti Conto alla ...
Nell interno - Pio Tarantini
Red Lab Gallery/Miele di via Solari 46 a Milano inaugura la nuova stagione espositiva in uno spazio ...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
08 Febbraio 2020         a Milano   (Milano)
COMPLETE AMATEUR Un corso di Erik Kessels   ..[continua]

  Popular Tags  
workshop di fotografia strada Fotoreportage Coolpix fotogiornalismo passione religione concorso Corpo brescia seminario inaugurazione architettura multimedia dotart fotografia italiana
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13874 Utenti Registrati + 16486 Iscritti alla Newsletter
6844 News Inserite - 1832 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate