Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Piucodicisconto.com   Shoot Food   www.esta-usa-visto.it/              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

in-visibile
Autore: Galleria Wabi - Pubblicato il 20/03/12 - Categoria Mostre
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 2371 volte

Share |

Accanto alla scienza di Newton e Galileo, perfettamente deterministica e interamente conoscibile, si giunge alla scienza moderna che osserva l'infinitamente piccolo, l'infinitamente lontano, l’in-visibile (ovvero ciò che è dentro il visibile) fino all’impossibilità. In altre parole, una scienza in cui l'osservazione modifica la realtà o in cui la realtà non è osservabile. Ecco allora che pianeti distanti, in altri sistemi solari, orbitanti altri soli, non si osservano direttamente ma tramite misure indirette. Per esempio, si misura la distorsione dei raggi luminosi provenienti da altre stelle, incurvati dalla gravità del sole e dai pianeti che vi orbitano attorno. Ed è sempre la gravità che ci parla di materia oscura. Una materia che non emette luce e che può essere identificata solo osservando gli effetti della gravità su oggetti visibili.

Apprezzando il valore della scienza e, seppur con un’iperbole, restituendola all’arte, penso che la premessa qui soprascritta sia congiungibile alle nozioni base dell’arte contemporanea, intrisa di concetti e concettualismi, spesso celati da apparenti logiche deduzioni. L’immagine di una casa è l’immagine di una casa. Punto. Eppure, ascoltando il motivo per cui l’immagine è stata realizzata, concedendosi il tempo per andare oltre il visibile, la “casa” muta, diventa altro. Soggettivamente, l’in-visibile corregge la nostra capacità d’osservazione modificando la realtà, implicando i propri sensi.

Visibile, invisibile di Benedetta Alfieri è la dimostrazione attiva di questo processo conoscitivo dunque evolutivo, avente come fine lo stimolo di una coscienza critica, individuale.

I nostri sensi hanno imparato a leggere multiformi codici insiti nelle immagini con estrema abilità e di conseguenza ad accettare come consueto un linguaggio corrotto e poco lodevole. Al contrario, ogni oggetto d’arte è definibile tale nel momento in cui consegna al referente un qualsiasi stimolo costruttivo. Fosse anche un semplice dubbio. Per lo meno, invita a fermarsi e pensare.

 

Maiter Ferrario

 

 

 

Share |
The Italians
E' uscito in preordini THE ITALIANS, con la presentazione del volume su Crowdbooks, http://cwbks...
Foodgraphia 2018
FoodGraphia, rassegna dedicata alla Food Art & Photography, promossa da ShootFood in collabo...
FUJIFILM X-VISION TOUR 2018
Il FUJIFILM X-Vision Tour, dedicato alla fotografia e al video, è un roadshow che gira il Bel...
Past Euphoria / Post Europa di Fabio Sgroi a Officine Fotografiche Milano
“Come definire il lungo viaggio nelle immagini e nel tempo che ha realizzato Fabio Sgroi? Il t...
concorso artisti emergenti
Iscriviti al MArteLive ISCRIZIONE GRATUITA FINO AL 15 MARZO Partecipa anche tu e giocati il pos...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
02 Ottobre 2018         a FIRENZE   (Firenze)
CORSO DI FOTOGRAFIA BASE DEAPHOTO / Firenze Informazioni e Preiscrizioni Mobile: 338 8572459 Ma..[continua]

  Popular Tags  
Still Life design pittura eventi smartphone montagna 2009 bandi donna capture one rassegne comunicazione personale canson scultura people
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
02/04/18
I numeri di Photographers.it
13697 Utenti Registrati + 11185 Iscritti alla Newsletter
6587 News Inserite - 1782 Articoli Inseriti
2797 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate