Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Italian Street Photography   Art Location   Immagini              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Fotografia & Dintorni » Scheda Articolo

Intervista a Davide Landi
Autore: Obiettivo Reporter - Pubblicato il 30/01/12 - Categoria Fotografia & Dintorni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 1558 volte

Share |
Davide Landi, ex allievo di OR, ci racconta le sue impressioni sul mondo della fotografia e la sua prima esperienza come fotogiornalista freelance:
 
1) Come e quando nasce la tua passione per la fotografia?

Ho iniziato a fotografare “seriamente” circa sette/otto anni fa con una reflex analogica completamente meccanica, portandola con me quando in viaggio e nelle attività che ho intrapreso, forse attirato dal fascino del bianco e nero da una parte e forse dal mio iniziale rifiuto verso la sbornia digitale del nuovo millennio. Da qui ho iniziato a conoscere gradualmente i grandi fotografi del passato e del presente, artisti e non, stranieri e non, oltre alla miriade di fotografi semisconosciuti che ho scoperto in community online come Flickr. Anni fa, ho seguito un corso con Robert Marnika, che visse la guerra in Croazia e tuttora è fotogiornalista, ma per il resto mi definisco un autodidatta.

2) Hai ritenuto di fare un corso di fotografia non esclusivamente incentrato sulla tecnica fotografica, ma anche sugli aspetti commerciali di essa. Ti ha aiutato a capire meglio l’ambiente della fotografia?

Certamente sì, e credo che con i suoi pro e contro sia stato proprio quello che cercavo, ovvero fuggire da quell'idea un po' romantica e naif che ci fa sentire tutti un po' artisti a tempo perso e capire se era possibile intraprendere un percorso formativo per farne un lavoro vero e proprio. Le ragioni principali per cui ho scelto il corso si riassumono nel fatto che ti dava l'opportunità di conoscere il mondo editoriale interagendo con chi ne fa già parte e la possibilità di fare uno stage, insomma non l'avrei fatto se non avesse avuto un'esplicita funzione formativa. Nella realtà poi tra cambi di programma vari e  una disomogeneità quasi completa tra gli studenti molte volte ci si è anche arenati, ma nel complesso posso dirmi soddisfatto, gli ospiti erano di livello (dato che non capita tutti i giorni di parlare con direttori di testate giornalistiche) e i docenti hanno cercato di mantenerci sul pezzo anche nei momenti meno esaltanti. Penso che lo stage abbia in qualche modo completato il tutto.

3) Quali differenze hai sentito tra le conoscenze fotografiche che avevi prima e quelle apprese durante il corso?

Diciamo che ho affrontato il passaggio analogico/digitale subito prima dell'inizio del corso, quindi per me è stato come ricominciare da capo. Sono passato dallo sviluppo delle pellicole fai-da-te (senza abbandonarlo) alla post-produzione digitale in poche settimane, dunque insieme alle altre cose mi sono dovuto un po' reinventare anche come fotografo. A parte questo, la differenza fondamentale per me è stata certamente d'intenti: ovvero imparare a concepire la fotografia non solo come un esercizio estetico ma come mezzo per comunicare qualcosa nel modo migliore e più semplice possibile. Da qui ho imparato a portare a casa la foto, a produrre immagini pulite, a curare la presentazione e le didascalie, senza dimenticare tutti gli aspetti commerciali a me ignoti prima del corso e l'approfondimento del ritratto e del posato in genere che non avevo mai affrontato seriamente prima.

4) Hai effettuato lo stage in Milestone Media, quindi per un mese hai vissuto la vita reale di un'agenzia. Con una risposta diretta: come hai visto il mondo del fotogiornalismo oggi?

Non so se ho una risposta a questa domanda. Come lavoro è sicuramente più difficoltoso di quello che si immagina di solito, ma anche estremamente gratificante se inizia a girare bene. L'impatto col mondo dell'agenzia non è stato tutto rose e fiori, più volte sono inciampato nel mio percorso ma com'è giusto che sia per uno che inizia a intraprendere una qualsiasi attività professionale.

5) Hai pubblicato delle foto, non solo in Italia ma anche in Svizzera. Cosa hai provato quando hai visto la tua foto pubblicata su una testata estera?

Sinceramente non ho visto fisicamente la foto pubblicata, l'ho vista solo sul Corriere! In ogni caso mi ha dato molta soddisfazione saperlo! In particolar modo per il fatto che il servizio che ho presentato era qualcosa che ho trovato e sviluppato, non la classica foto d'archivio a copertura di un evento, quindi per essere la mia prima volta (sperando  non sia l'unica) la soddisfazione è stata doppia. In questo senso è bello sapere di essere riusciti a comunicare qualcosa, per quanto leggera o comunque di dimensione locale sia la notizia.

6) Quali sono le difficoltà maggiori con cui ti sei dovuto confrontare durante lo stage?

Principalmente di ordine tecnico. Il lavoro del fotografo d'agenzia è basato sulla rapidità  e sulla qualità, cose che se non hai un'attrezzatura professionale e al tempo stesso non impari a viaggiare leggero (e sempre connesso, aggiungo) non riesci a bilanciare. Mi sono trovato in difficoltà in particolare per questioni puramente tecniche come le immagini inutilizzabili ad alti iso e la velocità di autofocus, oltre a non avere un laptop così “portatile” da permettermi di essere agile negli spostamenti e mandare in fretta le foto. Tutto il resto l'ho visto nel bene e nel male come un'applicazione pratica di tutto quello che è stato detto e fatto durante il corso.

7) Credi che il fotogiornalismo possa far parte del tuo futuro?

Come professione, spero di sì. Al di là di averci investito tempo, soldi e formazione, che comunque sono importanti, è un mestiere che supera i miei numerosi limiti e mi permette di vivere e toccare con mano, e soprattutto di raccontare e interpretare, una realtà che spesso mi limito ad assistere passivamente tramite i media (tv, giornali, internet) pretendendo di averla compresa. Tuttavia se mi si apriranno altre strade non credo assolutamente che smetterò di scattare.

Copyright © 2011-2012 DavideLandi/Milestone Media

All Rights Reserved

Share |
Fujifilm e Fiof Una nuova partnership per parlare di Fotografia
Si ampliano i campi di azione di Fujifilm Italia che sarà main sponsor dell’undicesima edizione de...
Sul come e perché partecipare a Confini13. Note semiserie sulla partecipazione ai concorsi.
Confini è una rassegna che ogni anno porta in giro per l’Italia le mostre personali di diversi auto...
www.italianstreetphotography.it online
Debutta sul web la vetrina dedicata agli autori ”made in Italy” dello stile fotografico più cool de...
Photofestival 2015
Inaugurerà il 20 aprile 2015 la nona edizione di PHOTOFESTIVAL Milano, la grande manifestazione pro...
CONTRASTO DAY 2a Edizione (Le Murate PAC - Firenze)
Sabato 7 marzo 2015 dalle ore 10 alle ore 20 presso Le Murate PAC / Progetti arte contemporanea...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
07 Marzo 2015         a Roma   (Roma)
Un evento per chi ama fotografare, vuole mettersi in discussione e presentare il proprio portfolio p..[continua]
14 Marzo 2015         a Torino   (Torino)
Il workshop è rivolto a fotografi e fotoamatori che vogliono avvicinarsi e utilizzare al meglio i tr..[continua]
20 Marzo 2015         a bologna   (Bologna)
Corso unico in Italia con 6 modelli e simulazione del matrimonio in chiesa. In un unica situazione ..[continua]

  Popular Tags  
pippo nero Bianconero beauty tradizione incontro Lightroom backstage 2010 travel shooting mostre fotografiche immagine reflex mariateresa cerretelli workshop fotografico
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
12730 Utenti Registrati + 16834 Iscritti alla Newsletter
5561 News Inserite - 1508 Articoli Inseriti
2659 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate
381 Video pubblicati, anche sul canale YouTube