Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Fotografia & Dintorni » Scheda Articolo

Koos Breukel: Being Dutch incontro e booksigning
Autore: MiCamera - Pubblicato il 04/04/13 - Categoria Fotografia & Dintorni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 2384 volte

Share |
Koos Breukel è un fotografo olandese – nato nel 1962 al’Aia – e protagonista dell’incontro e booksigning che si terrà in libreria il 23 aprile. Anche Breukel pubblica con Van Zoetendaal e viene presentare l’ultimo libro – Being Dutch, uscito nel 2011. Breukel è un ritrattista. Ha uno studio in cui lavora in modo decisamente tradizionale, con una macchina di grande formato e uno fondale neutro. Qualcuno è un cliente, più spesso è lui che sceglie le persone e le fotografa per i propri progetti personali. Soprattutto, attraverso il ritratto cerca di capire se una persona ha subito un qualche tipo di incidente, un danno fisico, e come è venuta a patti con questo problema. Breukel stesso ha subito un brutto incidente automobilistico nel 1992 che ha cambiato radicalmente il suo approccio. La prima monografia è Wretched Skin (1994, con testi di Michael Matthews), seguita da Hyde (1996), in cui documenta il decorso dell’HIV sul corpo del suo amico Michael Matthews, poeta e performer, fino all’ultimo istante. Per Cosmetic view (1996), fotografa persone che hanno subito lo stesso tipo di cura agli occhi e il risultato sono ritratti estranianti, di forte impatto. Faire Face (2010) viene lanciato in occasione della relativa mostra personale alla Maison Européenne de la Photographie, ed è una raccolta, in cui compaiono anche amici come Lucian Freud e Rineke Dijkstra … Così, si arriva a Being Dutch. Esce per Van Zoetendaal nel 2011 ed è un’indagine intorno all’identità olandese. Poveri o ricchi, soli o in coppia, a colori o in bianco e nero, a figura intera o solo in volto, questa serie di ritratti compone un mosaico variopinto, il ritratto di un popolo. Ma fin dalla smorfia in copertina, sono le mani le vere protagoniste del libro. Mani che abbracciano, fumano, nascondono. Mani che svelano un gesto. Il libro costa 35€. Prenota la tua copia firmata sul nostro sito, oppure inviando una mail a ordini@micamera.com Questo evento è organizzato in collaborazione con l’editore Willem van Zoetendaal, all’interno del pop-up store a lui dedicato Koos Breukel: Being Dutch incontro e booksigning martedì 23 aprile alle ore 19.00, ingresso libero micamera - lens based arts Via Medardo Rosso 19,20159 Milano Italia
Share |
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
BIENNALE DELLA FOTOGRAFIA FEMMINILE
A marzo 2020 Mantova ospiterà la prima edizione della BIENNALE DELLA FOTOGRAFIA FEMMINILE, id...
Alex Webb e Rebecca Norris Webb presiederanno la giuria di URBAN 2020
Cominciamo il 2020 con una news clamorosa: siamo orgogliosi di annunciare che Alex Webb e Rebecca No...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
18 Luglio 2020         a KIRGHIZISTAN   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel Pamir Reportage, paesaggio, str..[continua]

  Popular Tags  
fotografica milandri Color Bambini iPhone file leonardo BN fotogiornalismo immigrazione Siena image consult fotografia contemporanea personale asta raw
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13878 Utenti Registrati + 16919 Iscritti alla Newsletter
6851 News Inserite - 1835 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate