Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Cultura Fotografica » Scheda Articolo

L’ ELAN VITAL DEL NOVECENTO: IL FUTURISMO
Autore: Maria Fina Ingaliso - Pubblicato il 17/06/08 - Categoria Cultura Fotografica
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 6158 volte

Share |

Il Novecento si apre all’insegna di élan vital, energia vitale, evoluzionecreatrice; dell’intolleranza verso il simbolismo e dalla nascita delle prime avanguardie artistiche. Promotori di questo nuovo cambiamento sono rintracciabili nella “poetica bergsoniana dello stato d’animo” che 'implicava la convergenza framemoria e percezione', ed ai progressi tecnologici con le loro accelerazioni ritmiche di vita. Era il 20 Febbraio 1909quando Le Figaro pubblicò il Manifesto dei Futuristi del poeta Filippo Tommaso Marinetti (1876-1944), nel quale tral’altro erano esaltate l’amore per il pericolo, il coraggio, l’abitudine all’energia e 'noi affermiamo che lamagnificenza del mondo si è arricchita di una bellezza nuova: la bellezza della velocità….'; dichiarazioni forti edaudaci tanto da spingere la redazione a dissociarsene. Questo fu l’inizio di una lunga e nuova ricerca linguistica, sia in campo letterario, artistico e musicale che sfociò in altrettanti Manifesti.

L’arte pittorica, in particolare, assorbì pienamente questa nuova concezionedel vedere e la tradusse in “dinamismo”, come nel Dinamismo di un cane al guinzaglio di Giacomo Balla. Si formarono nuovi gruppi artistici futuristi, in particolare, il gruppo dei futuristi milanesi, con a capo Umberto Boccioni (1882-1916), difensore della “specificità del dinamismo pittorico, ” che si rivelarono ostili verso la fotografia, intesa come “rigor mortis” (arrestava il tempo, non penetrava l’intimità delle cose e non attraversava la simultaneità psico-fisica della percezione), ostilità soprattutto verso la nuova sperimentazione fotografica dei fratelli Bragaglia, uno dei quali era Anton Giulio (1890-1960), tanto da pubblicare sul giornale Lacerba un annuncio con il quale “noi Pittori futuristi dichiariamo che tutto ciò che si riferisce alla fotodinamica concerne esclusivamente delle innovazioni nel campo della fotografia". D’ altro avviso era Marinetti, più pacato nei confronti di Bragaglia, tanto da finanziarne le ricerche.

Le prime fotodinamiche furono ottenute con l’utilizzo di lampade che, conferendo al soggetto molta luminosità, ne isolavano le traiettorie del movimento nello spazio; successivamente la gestualità fu eseguita a scatti così da dare proprio il senso del movimento e non del mosso: era l’artefatto fotografico, l’opera d’arte. Le fotografie di Bragaglia, al contrario di quelle di Mujbridge e Marey, non volevano fermare il movimento ma rappresentarlo “in una dimensione di vitalismo assoluto”con tutte quelle “forme e linee” che il movimento stesso creava e che annullavano lo spazio visibile all’occhio umano; era la proiezione visiva pluridimensionale dell’Io e la sua coscienza. Certamente si potrebbero fare delle altre analogie con le fotografie fatte dagli spiritualisti (Spirith photograph o gost photograph usate per lo più nell’800) o con le cronofotografie (in uso verso il 1880 che riprendevano il soggetto in movimento con una serie di istantanee ad intervalli regolari per poi riunirle in stampa), ma alla luce dei nuovi sviluppi linguistici dell’arte, il fotodinamismo,

in altre parole la “fotografia trascendentale del movimento” di Anton Giulio Bragaglia era certamente più “concettuale”delle precedenti sperimentazioni fotografiche. Il fotodinamismo arricchì l’esiguità visiva entro quale si stava muovendo la fotografia, ed è questa la prima vera rivoluzione moderna fotografica, in seno alla quale nacque la cartolina postale: l’immagine - comunicazione.

© Maria Fina Ingaliso Collaboratrice DAC - FIAF


Bibliografia:
- Storia sociale della Fotografia - Ando Gilardi - Bruno Mondadori
- Fotografia – Ian Jeffrey – ed .Rizzoli
- Cinema e fotografia futurista- Giovanni Lista - Skira
- Arti visive del XX secolo - Edward Lucie-Smith ed:Konemann
- Corpo e figura umana nella fotografia-Elio Grazioli - Bruno Mondadori
- La fotografia come simbolo del mondo – Alfredo De Paz- Editrice Clueb

Share |
Fino a metà maggio call open al TTA,Travel Tales Award
Starring,  con Photographers.it, Viaggio Fotografico,  Il FOTOGRAFO,  la OTTO Gallery...
video talks del 2° PBR
Il weekend del 9 e 10 aprile si è tenuto all’Istituto Italiano di Fotografia a Milano l...
3 CCF BOOK AWARD
Attiva fino al 15 maggio la call per il3° Corigliano Calabro Fotografia Book Award! Nell&rsqu...
CITIES - a contemporary view
“Sono gli altri le strade, io sono una piazza, non porto in nessun posto, io sono un posto.&rd...
OUR LOVELY CHOSEN PICS AT MIA FAIR 2022
Quest'anno Photographers ha deciso di  raccontare il MIA FAIR edizione  2022 da un pun...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
06 Luglio 2022         a Francia   (Torino)
Essere in Provenza a Luglio,significa essere al centro di una poesia pura ed avere l’occasione perfe..[continua]
13 Agosto 2022         a SUD AFRICA   (Lecco)
VIAGGIO FOTOGRAFICO IN SUD AFRICA ..[continua]

  Popular Tags  
Color cielo raw incontri sala posa exhibition cultura Astratto IED shooting magazine puglia Phase One premi reportage bari
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13957 Utenti Registrati + 33802 Iscritti alla Newsletter
6950 News Inserite - 1863 Articoli Inseriti
2817 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate