Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Eventi » Scheda Articolo

LA CLUB HOUSE MARIO FAGIOLO (1908 - 1997) DEL RUGBY SEGNI (1968)
Autore: ALESSANDRO FAGIOLO - Pubblicato il 25/03/19 - Categoria Eventi
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 3728 volte

Share |

:.. MARIO FAGIOLO (1908 - 1997), il primo rugbista a 15 italiano, segnino, pioniere (1928) e bicampione della RUGBY ROMA (1930)

ITALIA - Lazio - SEGNI (RM)

RUGBY SEGNI A.S.D. , F.I.R., CONI e COMUNE di SEGNI (Rm)

Al nostro Presidentissimo "MARIO FAGIOLO"
Fondatore del RUGBY SEGNI (1968)

Hai saputo infondere in tutti noi i sani valori del nostro sport (Rugby),con la convinzione che volontà, sacrificio e determinazione conducono alla "META".
 

Club House "MARIO FAGIOLO" (Segni (Rm), 30 Agosto 1908 - Roma, Maggio 1997)

Pugile competitivo, rugbista e bicampione italiano a 15 della Rugby Roma (1934/35 e 1936/37).

Allenatore, rifondatore e due volte dirigente del club capitolino, vice campione e medaglia d'argento con la Nazionale Italiana alle Universiadi di Torino (1933), Fondatore (1968) e ex Presidente del Rugby Segni.

Campo Sportivo di Rugby "Maurizio Paparozzi"

Via dello Sport, 2 (Loc. Contrada Marzano)

:.. La Club House "Mario Fagiolo" del Rugby Segni

IL terzo tempo è una delle più caratteristiche tradizioni del mondo del rugby, termina la partita sul campo; fa riunire tutti i giocatori delle due squadre, arbitro compreso, che colgono l’occasione per offrirsi da bere e da mangiare e scambiare opinioni e considerazioni come succede tra amici.

Una vecchia consuetudine nata assieme a questo gioco.

Per chi non conosce il gioco del rugby può sembrare un’assurdità.

Soprattutto se si pensa che, le stesse persone che si sono abbracciate cantando con un boccale di birra in mano, pochi istanti prima non si risparmiavano colpi e furore agonistico.

Questo perché, per qualsiasi rugbista, tutto quello che è successo nei primi due tempi fa parte del recente passato.

Dopo il fischio dell’arbitro tutto è finito, a prescindere di come sia finita la gara.

Quindi il costume vuole che si vada sotto la doccia e poi ci si ripresenta per il terzo atto che conclude definitivamente il match.

In qualsiasi impianto di rugby esiste un luogo adibito per il terzo tempo, la “Club House” della squadra ospitante, un vero e proprio pub tradizionalmente vicino al campo da gioco.

In questo ambiente, vera e propria base del club di rugby, spesso si ritrovano i tifosi durante la settimana per assistere in compagnia alle partite di rugby trasmesse alla televisione.

Nella stramaggioranza del mondo del rugby, il menù preferito è a base di birra e carne alla griglia (barbecue).

In Italia prevale la spaghettata, l’importante è che non manchi mai la birra e l’allegria.

IL terzo tempo è sia per i professionisti che per i dilettanti.

 

:.. Biografia del pugile e rugbista MARIO FAGIOLO

(Segni (Rm), 30 Agosto 1908 - Roma, Maggio 1997)

 

La storia della Rugby Roma (1930) nasce da un gruppo di ragazzi che volevano giocare a questo sport in un periodo in cui stava per nascere nel nostro Paese.

All'epoca c'era il regime fascista che vedeva nel rugby un'attività agonistica basata sul coraggio, sulla lotta, ma soprattutto sulla serietà e sulla lealtà era considerato uno sport che condivideva la mentalità che il Fascismo voleva diffondere.

Così, venivano distribuiti dei fondi economici a tutti quei circoli e quelle società sportive che avessero anche una squadra di rugby.

In questo modo molti club di calcio aprirono la sezione dedicata al rugby.

Molti di questi ragazzi cominciarono a giocare nelle società della Lazio e della Roma, entrambi società calcistiche:

successivamente però se ne andarono perchè queste società non investivano  sufficientemente i fondi ricevuti nel rugby.

Per questo decisero di staccarsi e fondare la Rugby Roma.

Questi ragazzi, che avevano cominciato con la Lazio e con la Rugby Roma, erano stati anche i pionieri della Nazionale, ma prima ancora con la rappresentativa dei GUF (La Gioventù Universitaria Fascista) con cui rappresentavano L'Italia all'estero.

(Juan Manuel Bigi, figlio di uno dei fondatori della Rugby Roma e attuale coach dei giovani dell'Under 10)

Nel rugby di quel tempo non era prevista un'attività giovanile, gli atleti provenivano per lo più da altre discipline, in particolare l'atletica, e molti praticavano il rugby come terzo sport, come il pugile e calciatore (inizia la sua carriera come rugbista nella sezione rugby della neonata A.S. Roma Calcio 1927 a Campo Testaccio e successivamente gioca nella Rugby Roma) MARIO FAGIOLO.

Nel 1932 partecipa sia come pugile che rugbista ai primi Littoriali dello Sport di Bologna (dal 1 al 8 Marzo), organizzati dai GUF.

Vi partecipano oltre 2.300 studenti, provenienti dai vari atenei italiani.

IL titolo di Littore dello Sport è conteso, nelle varie discipline, tra i vincitori di selezioni provinciali, dette Agonali.

MARIO FAGIOLO è riconosciuto dalla F.I.R come "pioniere" del rugby italiano a 15, con il diritto di fregiarsi del distintivo, avendo iniziato a praticarlo fin dal lontano 1928, mostrando subito la sua ottima predisposizione dall'aver coltivato altri sport ed, in particolare, dal pugilato che, in palestre romane, lo aveva visto salire sul ring anche per incontri a carattere competitivo.

MARIO FAGIOLO ("pioniere" del rugby italiano a 15 per aver giocato dal 1928), rugbista della A.S. Roma Rugby e bicampione italiano della Rugby Roma, allenatore post Pierre Theron, rifondatore (da A.S. Roma Rugby a Amatori Rugby Roma nel mese di agosto del 1940) e dirigente sportivo (1940 e 1943).

MARIO FAGIOLO è stato il fondatore (1968) e Presidente onorario del Rugby Segni.

Ruolo come rugbista:

tre quarti e mediano di mischia in prima squadra in tutti i campionati disputati in Serie A.

E' il rugbista che vanta più partite giocate (78 presenze in Serie A) nella storia della Rugby Roma nel periodo 1930-37 e 1940/41.

MARIO FAGIOLO ha avuto come allenatore il sudafricano Pierre Theron, che  si affidava a un innovativo, per l’epoca, schieramento con quattro seconde e una terza linea alle spalle
dei due piloni e del tallonatore, preferendo il gioco al piede e la profondità.

MARIO FAGIOLO ha avuto l'onore di giocare con 13 rugbisti (Guglielmo Zoffoli, Paolo Vinci (II), Francesco Vinci (III),Carlo D'Alessio,Carlo Carloni,Gastone De Angelis,Carlo Raffo,Tommaso Fattori, Renato Paciucci, Piero Vinci (IV), Renato De Marchis, Giuseppe Bigi e Umberto Silvestri) della Rugby Roma, convocati dal 1930  al 1940 nella Nazionale di Rugby Italiana.

MARIO FAGIOLO, come rugbista, quattro volte vice campione (A.S. Roma Rugby 1929-30 e Rugby Roma 1930-31, 1931-1932, 1933-1934) dietro la fortissima Amatori Milano o Juve del rugby italiano e due volte campione italiano in serie A al termine delle stagioni 1934 - 35 e 1936 - 37 con la Rugby Roma, vincendo i primi due titoli della storia del club romano.

Vice campione e medaglia d'argento con la Nazionale Italiana di Rugby alle Universiadi di Torino (1933) al termine della partita persa contro la fortissima Francia di quell'epoca.

Quarto allenatore nella storia della Rugby Roma dopo il sudafricano Pierre Theron.

Dirigente sportivo nel 1940 insieme a Peppe Giuliani, Franco Querini, Carlo Raffo, Renato Paciucci e Alberto Marchesi della squadra capitolina durante la presidenza di Mimmo Arrivabene, riportano in vita la società della A.S. Roma Rugby (in precedenza Rugby Roma) chiamandola Amatori Rugby Roma.

Dirigente sportivo nel 1943 insieme a Carlo Raffo e Paolo Vinci (II) della squadra capitolina durante la presidenza di Bruno Bizzarri.

Fece esordire nel gioco della palla ovale, Paolo Rosi, il primo italiano a segnare a Twickenham.     

(Stadio di Twickenham, impianto rugbistico nel sobborgo di Londra, capitale del Regno Unito).

Stralcio tratto dal libro intitolato:

"Una finta a destra, una a sinistra: Paolo Rosi, il primo italiano a segnare a Twickenham"

di Federico Meda

Paolo Rosi (rugbista a 15, giornalista e telecronista sportivo italiano, da giocatore centro ala della Rugby Roma, bicampione italiano nel 1948 e nel 1949 e capitano della Nazionale italiana tra il 1948 e il 1954) ricorda durante un'intervista con Federico Meda, MARIO FAGIOLO come istruttore atletico dell'Esercito italiano, ex rugbista, allenatore, rifondatore e dirigente sportivo della Rugby Roma.

(Prima Edizione: Febbraio 2015, Editore Absolutely Free)

Gestiva tutto, o quasi tutto MARIO FAGIOLO.

IL Dottor MARIO FAGIOLO, scudettato già negli anni Trenta, tra i rifondatori della Rugby Roma nell'agosto del 1940 e, come ricorderete, tra i promotori dell'ovale all'interno del Laboratorio di Precisione dove lavorava Manlio, fratello di Paolo Rosi, il primo italiano a segnare a Twickenham.

Ex istruttore atletico dell'Esercito Italiano della squadra di rugby del Laboratorio di Precisione.(Torneo "Caravella Tricolore")

MARIO FAGIOLO nel 1955 partecipa come ex rugbista (47 anni) con i Senior Rugby Club a una partita di rugby di vecchie glorie contro il B.U.C. Barcellona (squadra di rugby spagnola universitaria di Barcellona fondata nel 1929) presso lo Stadio Nazionale di Torino.

Formazioni di vecchie glorie con l'età media dei rugbisti:

SENIOR Rugby Club:

Mario Bergamini (39 anni), Maurizio Finocchi (38 anni), Piermarcello Farinelli detto "Bubi" (38 anni), Francesco Vinci III (44 anni), Arturo Costa (37 anni), Aristide De Fazi (40 anni), MARIO FAGIOLO (47 anni), Franco Ceccotti (40 anni), Alfredo Moroni (35 anni), Walfrido Picardi (34 anni), Renzo Matteucci (39 anni), Badiali (40 anni), Umberto Silvestri (40 anni), Carlo Raffo (51 anni), Giuseppe Brucato (38 anni), Mario Foschi (41 anni), Renato Paciucci (45 anni), Vittorio Zaccaria (39 anni) e Sergio Cambise (35 anni).

BUC Barcellona:

Martì (40 anni),TurulI (36 anni), Quesada (36 anni), Garcia (38 anni), Sanagustin (37anni), Bisbal (43 anni), Ciscar (46 anni cap.), Castells (45 anni), Ruiz (43 anni), Vial (37 anni), Grau (40 anni), Massa (35 anni), Escola (41 anni), Cols (40 anni) e Altisench (39 anni).        

Riserve: Boronat (36 anni) e Aguilera (33 anni)

Arbitro: Manetti (49 anni)

MARIO FAGIOLO (Presidente) insieme a un gruppo di sportivi (Rinaldo Tordella - Vice Presidente, Bruno Bonelli e Rag. Pietro Bianchi - Segretari, Di Malta Giovanbattista e Geom. Gizzi Carlo - Consiglieri) fonda nel 1968 la "Polisportiva Lepini".

IL compito dell'Associazione "Polisportiva Lepini" era l'istituzione di una sezione di atletica e la formazione di una squadra di rugby (L'Associazione Rugby F.C. Segni).

Fondatore (1968), Presidente onorario dell'Associazione Rugby F.C. Segni (promossa in A2 nel 1992, dove milita per tre stagioni consecutive) e grande amico di Renato Speziali (ex attore, imprenditore, rugbista a 15 della Stella Azzurra Roma, Presidente della Rugby Roma Olimpic, Consigliere Federale della FIR e Dirigente Accompagnatore della Nazionale Italiana di Rugby alla Coppa del Mondo di Australia 2003), storica figura del rugby romano.

:.. Palmarès e riconoscimenti sportivi a MARIO FAGIOLO nel rugby

(1934 - 35 e 1936 - 37) Rugbista bicampione italiano con la Rugby Roma

Quattro volte vice campione italiano di rugby in serie A

A.S. Roma Rugby (1929-30) e Rugby Roma (1930-31,1931-1932,1933-1934)

(1933) Medaglia d'argento e vice campione come rugbista e azzurro della Nazionale Italiana Universitaria di Rugby durante i Giochi Universitari Internazionali di Torino, chiamati oggi Universiadi.

Semifinale dei G.U.I.

Nazionale Universitaria di Rugby Italiana  - Nazionale Universitaria di Rugby della Spagna

Risultato finale:  6 - 0 per i rugbisti universitari italiani

Pallone d'argento dalla F.I.R. per la sua lunga attività come rugbista.

Targa d'argento (1986) dal C.R. Laziale (Comitato Regionale F.I.R. Lazio) come uno dei più attivi ed apprezzati Presidenti di Società.

Targa 11° Torneo Rugby a 7 "G.Priori" (1987) al Presidente MARIO FAGIOLO per l'impegno e il sostegno morale e materiale dimostrato alla Società Rugby Segni. (Segni, 31/5/1987)

Targa Franco Chiaserotti (1991) "Una vita per il Rugby" dal C.I.A.R (Club Italia Amatori Rugby)

Targa "3° Torneo Internazionale Rugby Educativo" (1994) al Presidentissimo MARIO FAGIOLO   (Segni, 7/8 Maggio 1994)

"Targa 50 anni" della nostra storia - "Una vita per il Rugby"

In ricordo del Presidentissimo MARIO FAGIOLO, Fondatore del Rugby Segni

Associazione sportiva Old Rugby Segni presenta

"In ricordo di MARIO FAGIOLO" presso Sala polifunzionale "Eugenio Blonk Steiner" a Segni (Rm).


:.. Un viaggio virtuale tra i ricordi dei pionieri del rugby italiano


Nell'ambito dei festeggiamenti per i cinquant'anni della Società rugbistica segnina è d'obbligo dare ampio spazio al ricordo della persona più importante e illustre della storia del Rugby Segni.


MARIO FAGIOLO.


IL Fondatore, il Presidentissimo.


Con il Patrocinio del Comune di Segni, in collaborazione con Rugby F.C. Segni a.s.d. e Old Rugby Segni.


Targa ricevuta il 30 Marzo 2019 dal Presidente del Rugby Segni, Giancarlo Fontana (premiato dal CONI con le Stelle di Bronzo al Merito Sportivo nel 2019) nel corso di questo evento come rappresentante della famiglia Fagiolo.


RFC Rugby Segni A.S.D. , FIR e CONI


Ringrazio da parte della mia famiglia per i loro interventi il moderatore Walter Colaiacomo (ex allenatore, rugbista del Rugby Segni e ideatore dell'evento), Emiliano Ciotti (Presidente Old Rugby Segni), Giancarlo Fontana (Presidente del Rugby Segni, premiato dal CONI con le Stelle di Bronzo al Merito Sportivo nel 2019), Rinaldo Tordella (ex Presidente, allenatore e rugbista del Rugby Segni), Ferruccio Tozzi (ex rugbista, ala o centro della Rugby Roma Olimpic 1930 e membro della "Original very Old Rugby Roma", squadra di ex rugbisti del club della Capitale) e Caratelli Alvaro (ex allenatore e rugbista del Rugby Segni) che hanno ricordato il pugile e rugbista segnino, bicampione italiano, MARIO FAGIOLO.

Ringrazio anche il Segretario dell'Associazione Old Rugby Segni, Corrado Belvedere  per l'allestimento della Sala polifunzionale, l'accoglienza degli ospiti e tutto ciò che riguarda la parte organizzativa.

 

Torneo di Rugby a 12 squadre per categoria promosso da Rugby Segni ASD, F.I.R. e C.R.L.:

8° torneo Città di Segni - 1°TROFEO "MARIO FAGIOLO" riservato alle categorie Under 6 - 8 - 10 e 12 in programma il 29 marzo 2020 presso i campi  M. Paparozzi e A.Collacchi siti in Via dello Sport a Segni (Rm) è stato rinviato a data da destinarsi per via della pandemia da COVID-19.  

RUGBY SEGNI - La Club House intitolato a MARIO FAGIOLO.

IL 3 Settembre 2021 a Segni (Rm) si è svolta la cerimonia di intitolazione della Club House del Rugby Segni al 1° Presidente nonché fondatore del Club "MARIO FAGIOLO"  in presenza del Presidente Federale Marzio Innocenti, dei Vice Presidenti Federali Antonio Luisi e Giorgio Morelli, del Presidente del Comitato Regionale Maurizio Amedei, del Sindaco del Comune di Segni Piero Cascioli, dell' Assessore allo Sport Silvia Pucello, e dei numerosi cittadini intervenuti.

IL Presidente dell' ASD Rugby Segni Giancarlo Fontana, a nome di tutta la società, ringrazia sentitamente tutti coloro che hanno partecipato all'evento.

RUGBY SEGNI A.S.D. , F.I.R., CONI e COMUNE di SEGNI (Rm)

:.. Frasi celebri del pugile e rugbista segnino:

"Oggi è facile parlare di rugby a Segni perchè questo sport ha, ormai da tempo, fatto scoprire ai segnini, l'esistenza di questa strana palla.

Non posso dimenticare tutti coloro che dall'anno della sua nascita hanno vestito la maglia rossoverde per difendere sul campo il prestigio sportivo della città compiendo,
nella buona e cattiva sorte, sempre il proprio dovere.

Un abbraccio affettuoso e riconoscente ai vecchi e nuovi del Rugby Segni.

Ringrazio tutti coloro che possono aiutare il Rugby Segni in questo nobile scopo.

Con questa speranza e con l'augurio che il prossimo ventennio apra al rugby segnino un periodo prospero di successi, porgo a tutti gli atleti di oggi e di ieri, a tutti coloro che hanno collaborato nei campi più diversi, agli appassionati che oggi lo seguono, il mio più cordiale saluto.

I giovani di oggi, lo si sa, non sono quelli di ieri per il mondo diverso che li circonda, per il loro modo di vivere, ma è nello sport che essi possono trovare quello che a loro più manca:

il contenuto e le proposte adeguate per una esistenza felice".

(MARIO FAGIOLO, Fondatore e Presidente onorario del Rugby Segni)

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti:
17/01/21 18:24
:.. Mario Fagiolo (1908-1997, pugile e rugbista segnino, bicampione italiano della Rugby Roma (1934/35 e 1936/37) e medaglia d'argento (1933) con la Nazionale Italiana Universitaria di Rugby alle Universiadi di Torino) aveva una parentela con Silvio Fagiolo (1938 – 2011), ex funzionario della Commissione CEE e diplomatico italiano con la passione europeista.

Alla Farnesina il giorno 02/07/2013 è stata inaugurata la sala "Silvio Fagiolo", dedicata all'ambasciatore scomparso nel 2011, tra i protagonisti della costruzione comunitaria dell'Europa.

Presenti all'inaugurazione della sala "Silvio Fagiolo", il Ministro degli Esteri, Emma Bonino e il Segretario Generale, Michele Valensise.

Links Utili:
www.youtube.com/watch?v=COWGk2-Nj3A
https://www.esteri.it/mae/it/sala_stampa/archivionotizie/approfondimenti/20130702_bonino_passione_europa.html
16/01/21 16:30

:.. Alfredo Fagiolo(fratello di Mario Fagiolo, rugbista segnino e bicampione italiano della Rugby Roma) è stato Segretario della Reggente Nord alla FIR (Federazione Italiana di Rugby) dal 1943 al 1954 e della FIHPR (Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio a Rotelle) dal 1965 al 1966.
16/01/21 16:26
:.. Vincenzo Fagiolo(Segni, 5 febbraio 1918 – Roma, 22 settembre 2000), cardinale e arcivescovo cattolico italiano è stato un tifoso di Mario Fagiolo, rugbista segnino e bicampione italiano della Rugby Roma(1930).
1 pagina: 1
Share |
Paolo Pellegrin sceglierà il Portfolio vincitore di URBAN Photo Awards 2021
Siamo entusiasti di annunciare la presenza di un altro grandissimo fotografo dell’agenzia Magnum Pho...
In Libreria il nuovo libro fotografico
PUBBLICAZIONE DEL LIBRO FOTOGRAFICO “FT – FOTOGRAFIA TRANSFIGURATIVA | Transfigurative P...
FESTIVAL DELLA FOTOGRAFIA ETICA
LODI - FESTIVAL DELLA FOTOGRAFIA ETICA Dal 25 settembre al 24 ottobre 2021 Come ogni anno il F...
Fragilità
Fragilità Esposizione Collettiva di Arte Contemporanea Galleria GARD - Roma ARTISTI: Rossana ...
Treiste Photo Days
In anteprima alcuni  contenuti del Festival Trieste Photo Days. La rassegna vedrà tra g...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
mostre csfadams fiori leica Color stylist neve Africa memoria hedler autunno bandi inaugurazione Estate Fujifilm fiaf
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13948 Utenti Registrati + 31642 Iscritti alla Newsletter
6932 News Inserite - 1851 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate