Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Cultura Fotografica » Scheda Articolo

Manifesto per la Fotografia Italiana
Autore: viva - Pubblicato il 19/09/14 - Categoria Cultura Fotografica
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 1775 volte

Share |
 La Fotografia Italiana è viva. Viva la Fotografia Italiana!

Manifesto per un Movimento.

La Fotografia merita rispetto e riconoscimento nella Cultura e nella Didattica.
La Fotografia Italiana merita rispetto e riconoscimento in ambito internazionale.

La Fotografia attraversa trasversalmente tutti i campi della Comunicazione ed è essa stessa Comunicazione, con i suoi Simboli, il suo Lessico, la sua Grammatica e Sintassi, la sua Composizione, i suoi Autori, i suoi Stili e infine i suoi Utilizzi in tutti i vari settori di applicazione. Non potendo contare né su Istituzioni, né su Addetti ai lavori, poiché fino ad ora non sono stati capaci di attivare iniziative o meccanismi per cercare di ottenere il rispetto e il riconoscimento che la Fotografia Italiana merita, gli Operatori  Italiani che ruotano attorno alla Fotografia e che desiderano finalmente che la Fotografia sia parte, a pieno diritto, di tutti gli ambiti culturali, si raccolgono sotto questo Movimento con lo scopo di cercare di raggiungere una adeguata attenzione da parte di Operatori e Istituzioni Italiane e Internazionali.

E’ e vuole essere un Movimento a favore, a favore della Fotografia Italiana, non è e non vuole essere contro nessuno.

E’ e vuole essere un Movimento, quindi niente individualismi (ahimè tipici del nostro essere), bensì un coro il più possibile unanime che induca Istituzioni e Addetti a considerare sempre la Fotografia come parte integrante della Cultura contemporanea.

E’ e crede necessario, anzi indispensabile, che venga istituita una specifica Didattica in ogni ordine di Scuole (oggi completamente assente) che insegni a leggere e a scrivere le immagini, assicurando che le iniziative spontanee siano effettivamente qualificate e non trattino semplicemente di tecnica e di tecnologia.

Cultura della Fotografia non è realizzare mostre e mostrine, dibattiti per parlarsi addosso, cura e coltivazione dei piccoli orticelli tanto cari a Critici, Gallerie e Musei, non è nemmeno semplicemente l’istituzione di piccoli Festival che si pregiano pomposamente di essere capitali della fotografia, pur con il lodevole spirito con cui vengono organizzati.

Cultura della Fotografia è saper conoscere, realizzare e utilizzare correttamente le immagini, finalizzate alla espressività di situazioni, sensazioni e percezioni che stimolino il nostro sentire profondo, al pari di linguaggio e letteratura, così come di suoni e musica.

Cultura della Fotografia è conoscenza tecnica e storica, è studio e ricerca, è applicazione e specializzazione, è professionalità identificabile, è passione e dedizione, al pari di qualsiasi altro ambito culturale come vengono riconosciute a Letteratura, Musica, Cinema, Scienza, Arte, Filosofia, Teatro…

Cultura della Fotografia significa assicurare che allestimenti e presentazioni siano all’altezza delle opere esibite, con tutta l’accortezza indispensabile per la corretta e coerente fruibilità delle opere stesse, in ordine a spazi, superfici e illuminazione.

Cultura della Fotografia significa valorizzazione di Autori e Opere, soprattutto contemporanei, emersi ed emergenti oltre i trentacinque Fotografi (bravi, bravissimi) scoperti trentacinque anni fa (a Venezia ‘79 per la precisione) che Istituzioni e Addetti ai lavori hanno usato e usano tuttora per monopolizzare il mercato.

Cultura della Fotografia significa il rispetto del sacrosanto “diritto d’Autore” sulle immagini da parte di qualsiasi utilizzatore e per tutte le volte che vengono utilizzate, compresa la quota parte dell’ormai sancito “equo compenso”, che varrà ben per la Fotografia al pari della Musica e del Cinema.

Il Movimento accetta adesioni spontanee da parte di chiunque ne abbia capito le finalità e desideri favorirne la sensibilizzazione verso l’alto, segnalando aspetti negativi e positivi, ma soprattutto le eccellenze, da valorizzare e divulgare. Ancora una volta, l’obiettivo non è di promuovere i singoli, ma quello di mettere in evidenza e valorizzare le iniziative che vengono realizzate.
Oltre agli Aderenti vengono ovviamente accolti Sostenitori e Promotori che, a vari livelli, si propongano attivamente per la realizzazione di iniziative e il raggiungimento di propositi che via via ci fisseremo, sia a livello nazionale che internazionale.


Adesioni sul Gruppo Facebook “Viva la Fotografia Italiana” - portavoce Beppe Bolchi
Share |
Content di viva

Focus on
Video
Gallery
viva la fotografia italiana viva la fotografia italiana
riflessioni al sifest confotografia

Parlano di viva anche: