Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Riflessioni » Scheda Articolo

Minifotocamera digitale compatta - Inseparabile compagna del mio sguardo
Autore: Donatella Sarchini - Pubblicato il 24/05/16 - Categoria Riflessioni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina č stata visitata 2950 volte

Share |

Questa foto l'ho scattata su un bus della Malpensa nel settembre 2005, circa un anno dopo aver iniziato la mia avventura digitale insieme a una minifotocamera Casio compatta, piccolissima, praticamente invisibile anche nella mia mano extra small, e comunque provvista di un discreto zoom.

Prima del luglio 2004 avevo sempre usato reflex analogiche (Yashica, Fujica ST-705, Olympus OM1 e OM2) a cui sono tutt'ora molto affezionata e con cui ho scattato foto splendide, ma che per loro intrinseca natura non erano in grado di soddisfare tutte le mie esigenze.

Perché in realtà ciò che ho sempre desiderato era un terzo occhio, un obiettivo fotografico che coincidesse anche fisicamente col mio sguardo.

Un mito irrealizzabile per quei tempi.

Poi, nel 2004, la rivoluzione.

Mischiarmi alla folla, o alla natura, era ciò che mi serviva; rendermi invisibile per ritrarre ciò che di eccezionale cova all'interno della più assoluta normalità.

Una topolina curiosa che coglie l'attimo e fugge. Poi nella sua tana riavvolge l'attimo, lo proietta, e ci riflette su.

Questo è ciò che faccio, dal 2004, e questa foto ne è una prova: non avrei mai potuto scattarla con una fotocamera reflex analogica, e neanche con una fotocamera digitale odierna, perché a causa delle loro dimensioni avrebbero attirato l'attenzione dei soggetti procurandomi nel peggiore dei casi qualche minaccia e/o insulto, e nel caso migliore un semplice e prudente  voltafaccia, o una inopportuna posa stereotipata e narcisista.

Purtroppo le minifotocamere digitali sono ormai quasi scomparse dal mercato, e sembrano destinate a diventare oggetti di puro modernariato, forse perché in gran parte surrogate dall'uso compulsivo di cellulari e smartphone.

Per carità, la Reflex è la fotocamera per eccellenza, e anch'io uso lo smartphone in caso di emergenza... ma la minifotocamera digitale compatta con un buono zoom per me resta tutt'ora lo strumento più adatto per realizzare un comune reportage.

Share |
storie premiate al TTA
Ecco le storie premiate a vario titolo su TTA, TRAVEL TALES AWARD. Ai primi di settembre verranno ...
DREAMLANDS
Venerdi 22 ottobre verrà presentato ufficialmente il nuovo volume DREAMLANDS - Luoghi dell&rs...
SCOLPITE
Inaugura oggi la mostra SCOLPITE, a cura dell'Associazione Donne Fotografe. "Con questa ...
Treiste Photo Days
In anteprima alcuni  contenuti del Festival Trieste Photo Days. La rassegna vedrà tra g...
Wildlife Photographer of the Year 56
Torna a Milano Il Wildlife Photographer of the Year, la mostra di fotografie naturalistiche pi&ugrav...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
29 Ottobre 2021         a Trieste   (Trieste)
TPD masterclass ..[continua]

  Popular Tags  
fotografia italiana rivista personale fotografia reportage sardegna musica pinhole genova fotografico emozioni Nudo Artistico cina landscape uomo Hasselblad
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13942 Utenti Registrati + 31367 Iscritti alla Newsletter
6917 News Inserite - 1851 Articoli Inseriti
2812 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate