Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   www.esta-usa-visto.it/   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

Patishere
Autore: patrizia dottori - Pubblicato il 16/11/08 - Categoria Mostre
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 2053 volte

Share |
Ora! 
 
L'acqua diventa fuoco, le architetture un riflesso, il suo viso un'altro … Non so se sia proprio legittimo  parlare di surrealismo a proposito delle opere fotografiche di Patrizia Dottori. Eppure la realtà si trasforma, diventa un mondo ulteriore, si spegne o si accende, si muove o semplicemente trasmuta. Apparentemente onirica, ma di fatto critica, l'artista produce, con il suo sentire, un mondo esterno unito a lei e imprescindibile da lei. Superando il dualismo, la materia, la spaccatura tra pensiero e natura, arriva alla poesia di un racconto che è esperienza e che si lascia alle spalle tutto ciò che è separato da questo rapporto di compenetrazione. Esperienza, conoscenza, cambiamento sono le fasi che attraversano il sua atto del rappresentare. La sua capacità di manomettere la scena prende forza dal suo essere lì in quel momento, dal respirare ed espirare ciò che la circonda attraverso narici che stranamente appaiono quasi sempre in primo piano, che spuntano da una prospettiva che elude la forza di gravità.
E' in questo modo che l'immagine resta dentro, permane nel significato di un profondo in-manére, affianca l'azione di se stessa, appare intransitiva pur inglobando la materia esterna.  Tutto il mondo  si rappresenta attraverso self-portrait che lei usa per mettersi alla prova. Si fotografa alle spalle, quindi, e si colloca nel punto x di una folla notturna, gioca casualmente con la scia delle luci, con le atmosfere del giorno. I luoghi dei suoi viaggi si rimescolano, si uniscono, si annullano. Non importa dove, importa solo in quale momento, ora! E lì, in quell'autoritratto, lei sorprende se stessa a fotografare se stessa. Simula la posa per ancor meno di un istante e fugge. E nello stesso modo cerca e fugge l'obiettivo, si fotografa per vedersi scomparire, in un attimo di sospensione.

Francesca Pietracci


Share |
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
CITIES INSIDE
rilanciamo volentieri una nuova iniziativa del nostro partner Isp; una call gratuita per progetti ch...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
13 Settembre 2020         a VIETNAM   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel vIETNAM Reportage, paesaggio, s..[continua]

  Popular Tags  
emozioni Spazio città autori pittura valentina LETTURE PORTFOLIO corso di fotografia Fujifilm cinema prodotto Nital fotografia analogica lecce School macro
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13900 Utenti Registrati + 22426 Iscritti alla Newsletter
6876 News Inserite - 1845 Articoli Inseriti
2811 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate