Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Riflessioni » Scheda Articolo

Qualsiasi altra.
Autore: Fulvio Bortolozzo - Pubblicato il 09/12/15 - Categoria Riflessioni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 1355 volte

Share |
Leggendo diversi saggi di autorevoli studiosi italiani e stranieri, si incontra facilmente la questione delle questioni: il rapporto tra fotografia e arte.

A seconda del momento storico in cui il saggio è stato scritto si oscilla in genere tra una posizione che si potrebbe definire per comodità "pittorialista", la quale vede nel fotografico il proseguimento della pittura con altri mezzi, e quella "concettuale", che considera l'immagine automatica estranea alle logiche della pittura e anzi perfettamente antipittorica, secondo la linea d'azione e pensiero inaugurata dal pittore pentito per eccellenza: Marcel Duchamp.

Tra questi due estremi si rincorrono nei decenni le tendenze nelle opere di chi dipinge e di chi fotografa con intenzioni artistiche.

Qui penso stia il punto interessante: le intenzioni. Mentre dipingere è una pratica che si svolge, oggi più che mai, tutta all'interno del sistema delle arti, il fotografare coinvolge milioni e milioni di persone, in aumento esponenziale, che prendono immagini automatiche completamente al di fuori di quel sistema.

Questa immensa disparità numerica tra le intenzioni dei pochi che "fanno arte" e le moltitudini che "fanno la loro vita", richiederebbe di poter ripensare in altri termini il rapporto con il fotografico. L'ipotesi che trovo al momento più interessante è quella che vede nella centralità dell'esperienza delle cose il punto discriminante.

Il terreno d'incontro non sarebbe più tanto quello pittorico, e quindi artistico, quanto quello iconico. Come ogni altra icona, anche quella fotografica è governata dalla composizione. Diversamente però dalle altre icone, qui la composizione è solo una questione operativa, non una finalità espressiva. La finalità espressiva è nell'esperienza che necessariamente deve comunque avvenire, per poi poterne ottenere una traccia visiva coerente. Quindi, in sintesi, l'icona fotografica sarebbe un mezzo tecnologico per trasferire esperienze dirette, che siano esse strettamente private, familiari, sociali, politiche o qualsiasi altra.

Share |
DREAMLANDS
Venerdi 22 ottobre verrà presentato ufficialmente il nuovo volume DREAMLANDS - Luoghi dell&rs...
TRAVEL TALES AWARD i selezionati
Sono state scelte le 50 storie che andranno in selezione su TTA,  TRAVEL TALES AWARD, una grand...
SCOLPITE
Inaugura oggi la mostra SCOLPITE, a cura dell'Associazione Donne Fotografe. "Con questa ...
Paolo Pellegrin sceglierà il Portfolio vincitore di URBAN Photo Awards 2021
Siamo entusiasti di annunciare la presenza di un altro grandissimo fotografo dell’agenzia Magnum Pho...
Francesco Cito sceglierà il vincitore di URBAN Book Award
Siamo onorati di ospitare nella giuria di URBAN Photo Awards 2021 Francesco Cito, uno dei più grandi...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
29 Ottobre 2021         a Trieste   (Trieste)
TPD masterclass ..[continua]

  Popular Tags  
acqua italia fine-art facebook Bianconero animali 2009 notte cina gigliola foschi rassegna sociale donna arte contemporanea Foro Stenopeico scuola di fotografia
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13942 Utenti Registrati + 31391 Iscritti alla Newsletter
6917 News Inserite - 1851 Articoli Inseriti
2812 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate