Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Riflessioni » Scheda Articolo

Quei tre secondi che non ci sono più
Autore: enrico prada - Pubblicato il 08/05/12 - Categoria Riflessioni
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 1924 volte

Share |

Prendo a prestito dal fotografo iraniano Reza (Il mestiere del fotografo) una sua osservazione sulla messa a fuoco: Oggi, gli apparecchi fotografici permettono di prendere a raffica quindici immagini al secondo con un autofocus integrato. Allora, il punto si faceva manualmente e l’assenza di motore ci costringeva a ricaricare. C’erano quindi quasi tre secondi tra un’immagine e l’altra. Era una diversa educazione dello sguardo.

 

Tre secondi. Solo tre secondi e tutto un universo visivo si modifica. In che modo? Reza lo dice in modo molto semplice: L’idea di anticipazione era prioritaria per ottenere una buona foto. Cosa significa tutto questo? Provo a riflettere (senza nostalgie o preferenze) intorno a queste due modalità di visione.

 

Tutto ruota intorno a quell’idea di “anticipazione”, che crea una distanza emotiva e concettuale tra lo sguardo e gli accadimenti. Con la raffica di scatti, in un certo senso, sono dentro gli eventi, li seguo in tempo reale e li raccolgo stando immerso nel flusso del loro accadere. Non stacco lo sguardo dal mirino per decidere, ma lascio che lo scorrere delle azioni si depositi nella sequenza delle inquadrature. E’ uno scorrere di significati indipendente dalle mie decisioni, che prenderò dopo, in fase di post-visualizzazione.

 

Armare l’otturatore e far scorrere la pellicola manualmente, quei tre secondi che non ci sono più, mi obbliga ad anticipare continuamente la mia messa a fuoco – prima mentale e poi ottica - della realtà, così che ogni scatto è il risultato continuo di una pre-visualizzazione del mondo. Le azioni (e i loro significati) scorrono nella mia mente e sono io a scommettere sull’attimo (futuro) da caricare di senso. E il mio occhio danza senza sosta tra il mirino e la realtà, in cerca del punto di equilibrio tra le cose e le immagini.  

Share |
Travel Tales II
Starring,  con Photographers.it, Viaggio Fotografico,  Il FOTOGRAFO,  la OTTO Gallery...
Anteprima Colorno Photolife 26 agosto
Colorno  Photo Life anteprima venerdì 26 agosto l’anteprima del festival con l&...
TTA world Pics
Here at https://traveltalesaward.com/tta-world-pics/ are the 40 works that will be exhibited at...
TTA 2022 selected stories
Here at https://traveltalesaward.com/tta2022-selected-storyes/ are the 50 stories selected by TTA 20...
Fotoleggendo 2022
Torna sotto la direzione artistica di Emilio D’Itri, dopo tre anni di pausa, la XV edizione de...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
13 Agosto 2022         a SUD AFRICA   (Lecco)
VIAGGIO FOTOGRAFICO IN SUD AFRICA ..[continua]
17 Settembre 2022         a Milano   (Milano)
cities ..[continua]

  Popular Tags  
teatro expò bologna Capture One 6.2 giornalismo europa sociale cielo Parallelozero multiblitz photofestival raffaella milandri photoshow campagna storytelling libro
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13960 Utenti Registrati + 34916 Iscritti alla Newsletter
6959 News Inserite - 1868 Articoli Inseriti
2818 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate