Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Mostre » Scheda Articolo

Sergej Maximishin alla Galleria FIAF di Torino
Autore: Galleria FIAF - Pubblicato il 28/10/09 - Categoria Mostre
Questo articolo non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina č stata visitata 2132 volte

Share |

La fotografia di Maksimišin č innanzitutto un racconto, un racconto che parla della Russia, delle sue distese e delle milioni di vite che vi scorrono, dei mille stili di vita che vi si incontrano. La fotografia di Maksimišin č testimonianza, ma non dell'inumano, del terribile, com’č caratteristico per l’arte e la letteratura russe da almeno tre quarti di secolo a questa parte, ma testimonianza della vita, ovunque essa si manifesti, indipendentemente dalle forme con cui essa ci parla di sč stessa. L'occhio di Maksimišin rileva, nelle vie gelate di una sonnacchiosa Pietroburgo invernale e nelle trincee in Cecenia, un messaggio tutto sommato molto simile: la ricerca di qualcosa che definisca il vivere in quanto tale. L'obiettivo, tanto fotografico quanto artistico, di Maksimišin si concentra sulle persone ed č interessante che proprio le persone, con le loro suppellettili o abitudini, parlino di un paese nel suo complesso piů di quanto siano in grado di farlo paesaggi e monumenti. Nei lavori di Maksimišin l'uomo č quasi sempre presente, e anche laddove parrebbe non esserci si nota la sua presenza, resa discreta dall'abilitŕ e dall'occhio poetico del fotografo. La Russia, con i suoi quasi 10000 chilometri e i suoi problemi, immensamente superiori, diventa protagonista assoluta di queste fotografie, che sono sguardi, spesso ironici e smaliziati, negli occhi di coloro che per la Russia si muovono, dalle due capitali alla Tyva, dalla Siberia alla Kamčatka, senza dimenticare le ex province sovietiche. Ma accanto a tutti i problemi, alla povertŕ o al contrario alla ricchezza plateale e volgare Maksimišin coglie sprazzi  di vita, una normalitŕ che tale forse non č per chi osserva. Ma il fotografo parla di chi la vive e con chi la vive, quella normalitŕ, tutti i giorni, in maniera rassegnata o inconscia, con fervore o rassegnazione. E i grandi protagonisti di questi scatti non sono nemmeno piů le persone, ma i loro sentimenti, l'odore del loro vissuto, che traspare dai colori e dalle atmosfere di queste fotografie.

 

Massimo Maurizio

 

 

Sergej Maksimišin nasce nel 1964 a Kerč’, in Crimea. Nel 1982 si trasferisce a Leningrado. Qui si iscrive alla facoltŕ di fisica nucleare, ma presto abbandona l’universitŕ e viene chiamato al servizio militare, che lo manda, tra il 1985 e il 1987, a

 Cuba. Nel 1991 termina il politecnico di Leningrado, laureandosi in fisica e dall’anno successivo lavora come tecnico di laboratorio all’Ermitaž. Nel 1998 si laurea alla facoltŕ di fotogiornalismo dell’Universitŕ Statale di San Pietroburgo e l’anno successivo viene assunto dal quotidiano Izvestija. Nel 2000 viene mandato come reporter in Cecenia.

Dal 2003 lavora come fotografo freelance, unendo a quest’occupazione l’insegnamento alla facoltŕ di fotogiornalismo che egli stesso ha concluso.

 

Ha collaborato e collabora con riviste come The Times, Time, Newsweek, Parool, Liberation, Washington Post, The Wall Street Journal, Stern, Business Week, Focus, Der Profile, Corriere della Sera, Izvestija, Ogonёk, Itogi, GEO e altre.

 

Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti internazionali di grande prestigio: Russia Press Photo contest; “Photographer of the year of St-Petersburg" award; Best report of the year award from the Russian Academy of Journalism; World Press Photo 2004: 1. Place in "Arts and entertainment"; World PressPhoto 2006: 1. Place in "Daily life".

Nel 2007 č stato invitato al Festival del fotogiornalismo di Perpignan – Visa pour l’image.

 

Informazioni

L'ultimo Impero. Fotografie di Sergej
Maksimišin

 

A cura di Renato Longo e Massimo Maurizio

Luogo: Torino - Galleria FIAF
Via Pietro Santarosa 7/A

Periodo: dal 6 al 23 novembre 2009

Orari: 9.30-12.30 ; 14.30-17.00 dal lunedě al venerdě

Ingresso: libero



 


 

Share |
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020, fissato in via definitiva da...
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
Finalisti Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione  tuttora in prog...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
corsi moda contest make up Festival Instagram bianco e nero memoria Nital sud photographer nero Londra spettacolo obiettivo reporter postproduzione
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13894 Utenti Registrati + 24982 Iscritti alla Newsletter
6887 News Inserite - 1841 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate