Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   Shoot Food   Photofestival              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Testi » Eventi » Scheda Articolo

UMBRIA WORLD FEST 2016 // Flesh & Blood _ Affari di Famiglia // 7-9 Ottobre 2016
Autore: uwf - Pubblicato il 19/09/16 - Categoria Eventi
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 2872 volte

Share |

Quest’anno Umbria World Fest taglia il traguardo importante della sua 15esima edizione coinvolgendo artisti di fama internazionale provenienti da tutto il mondo. 

La fotografia e la musica, saranno come sempre le protagoniste del Festival durante le tre giornate inaugurali dal 7 al 9 ottobre a Foligno (PG). 

Come ogni anno Umbria World Fest sarà luogo di sperimentazione, condivisione e riflessioni collettive attraverso l’unione di arti e culture e la promozione di mostre fotografiche, concerti, incontri con autori, workshop di fotografia, letture portfolio e premi fotografici. 

La sezione fotografica è sotto la direzione artistica di Marco Pinna, curatore e Photo Editor di National Geographic Italia, che ha selezionato i lavori fotografici, gli artisti in mostra e gli ospiti di questa edizione del Festival. 

La sezione musicale, come ogni anno, è a cura di Piter Foglietta, per anni organizzatore e della manifestazione musicale Canti e Discanti ed oggi Direttore UWF.

FLESH & BLOOD - Affari di famiglia  è il titolo di questa edizione ed il tema scelto per Umbria World Fest 2016.

Carne. Sangue. Amore. I legami familiari sono alla base della società umana. Per questo l’obiettivo ambizioso di questa edizione è raccontare, attraverso il mezzo espressivo della fotografia, cosa rappresenta oggi il concetto di famiglia ed illustrare, attraverso storie diverse, spesso lontane tra loro ma anche molto vicine a noi, come questo concetto sia cambiato con estrema rapidità negli ultimi anni.

Per tre giorni da venerdì 7 fino a domenica 9 ottobre, la città di Foligno sarà invasa da fotografia, arte e musica diventando fulcro e palcoscenico di incontri e confronti tra i partecipanti al Festival provenienti da tutta Italia, gli ospiti internazionali, gli abitanti della città, i musicisti, i fotografi ed i curatori. Come ogni anno le tematiche proposte dal Festival saranno il trampolino da cui partire per sviluppare confronti e dibattiti attraverso molteplici forme comunicative.

 

AUTORI E MOSTRE FOTOGRAFICHE

Le mostre fotografiche Umbria World Fest 2016 seguono e sviluppano, ognuna con il proprio linguaggio ed il proprio racconto, la tematica della famiglia intesa in senso ampio. 

Le sette mostre principali del Festival saranno esposte e visitabili gratuitamente presso Palazzo Trinci dal 7 ottobre al 6 novembre 2016.

Iniziando dal racconto bucolico e felice del fotografo francese autodidatta Alain Laboile che descrive con leggerezza, intimità e grande intensità la sua famiglia negli scatti del lavoro “La Famille”, si passa alla realtà disperata e violenta di “Shane e Maggie, ritratto di violenza domestica” raccontata da Sara Lewkowikcz, premiatissima autrice americana che ha documentato in maniera straordinaria questo episodio di violenza tra le mura di casa. 

Sempre Sara Lewkowikcz ci fa entrare nel mondo di “Emily e Kate, Eddie e Reid”, narrandoci la storia di due donne, compagne nella vita, che si sono ritrovate a vivere contemporaneamente l’avventura della gravidanza e della maternità. 

Con le immagini di Paolo Pellegrin entreremo in un mondo ancora diverso e ai margini della società romana, quello di “Sevla” e della sua grande famiglia tradizionale e allargata. Un lavoro d’autore che descrive i potenti legami familiari della comunità Rom di Roma curato da Annalisa D’angelo. 

Attraverso gli scatti di “Inheritance” dell’artista d’avanguardia newyorkese Andrea Stern, curati da Lina Pallotta, conosceremo non solo la sua famiglia, ma uno spaccato dell’alta società americana e del suo ambiente esclusivo attraverso una serie di affreschi domestici e mondani in un potente stile documentaristico. 

Nel chiostro di Palazzo Trinci invece, sarà possibile conoscere la storia raccontata dalla fotografa Nicoletta Cotechini nel suo lavoro “Up-rooted” che parla di adozione ed abbandono e che sarà in mostra con un’installazione curata da Paola Riccardi.

Infine, non abbiamo voluto tralasciare un altro genere di famiglia allargata, forse la più famosa di tutte, quella degli scimpanzé di Gombe, studiata per decenni dalla celebre primatologa Jane Goodall e ritratta da Anup Shah e Fiona Rogers. “Gombe Family Album” è un lavoro fotografico di forte empatia nel quale non possiamo fare a meno di riconoscerci e che ricorda a tutti che su questo pianeta facciamo parte di una stessa grande famiglia.

Strettamente legata al territorio di Foligno sarà invece il progetto“Ritratto di famiglia di una città” curato da Alessandra Quadri, voluto e portato avanti da Umbria World Fest e dedicato alle fotografie degli album di famiglia della comunità folignate. Una raccolta di immagini fornita dagli abitanti stessi, ed in collaborazione con le scuole del territorio, che costituisce un archivio della memoria collettiva della città attraverso la composizione di un grande album familiare per raccontarne le trasformazioni e le diverse sfaccettature. La mostra fotografica che nascerà da questo progetto verrà esposta a Palazzo Trinci.

Altre tre mostre saranno esposte presso il Foyer Teatro Piermarini dal 7 ottobre al 6 novembre 2016, quelle del vincitore 2015 del Premio Miglior Portfolio Umbria Photo Fest e i due lavori insigniti delle menzioni d’onore. 

Il lavoro premiato come Miglior Portfolio “Io sono Dario” del fotografo Gianluca Abblasio che attraverso immagini intime e dirette racconta la storia ed i sogni di un ragazzo che vive nella periferia romana. I ritratti seriali del lavoro “Chickens” di Emanuela Colombo, ci fanno conoscere attraverso una precisa estetica ed una sottile ironia le caratteristiche delle razze avicole ornamentali dell’Europa. Infine, il lavoro del fotografo Simone Sapienza “Somewhere in Somalia there is a little girl called Cardiff” ripercorre l'emigrazione somala verso Cardiff rappresentando una storia appartenente a tutti coloro che abbiano deciso di lasciare, o portare via con sé, la propria famiglia per emigrare e cercare migliori fortune. 

 

Share |
Pontremoli Foto Festival
Pontremoli Foto Festival è pronto a tornare dal 20 al 30 luglio 2017 per invadere con la migl...
record iscrizioni ad URBAN 2017 Photo Awards
condividiamo con voi la soddisfazione pe ri dati di chiusura del nostro partner  URBAN Photo Aw...
FotoLeggendo inaugura il 16 giugno allo Spazio Factory Museo Macro a Roma
FotoLeggendo apre le porte al pubblico da venerdì 16 giugno alle 18 negli spazi del Macro Tes...
LE LATITUDINI DELL'ARTE - III EDIZIONE - GERMANIA/ITALIA
Biennale Le Latitudini dell'Arte. 3° Edizione - Germania Italia     ...
CALL FOR ARTISTS MARTELIVE 2017 ARTI VISIVE Open call per giovani pittori, fotografi, street artist,
Per la finale nazionale del contest MArteLive che si svolgerà in un’unica ed esclusiva location a R...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
06 Ottobre 2017         a Massarosa   (Lucca)
Ritorna il popolare workshop di ritratto condotto da Enzo Dal Verme. Un fine settimana intenso e di..[continua]
30 Ottobre 2017         a Marocco   (Lecco)
WORKSHOP A CHEFCHAOUEN: LA CITTA' AZZURRA DEL RIF DAL 30 OTTOBRE AL 4 NOVEMBRE 2017 ..[continua]

  Popular Tags  
musica fabbrica del vapore epson art creatività casa libri maschere performance vacanze guerra editoria luci scuola prodotto roberto mutti
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13448 Utenti Registrati + 9705 Iscritti alla Newsletter
6404 News Inserite - 1734 Articoli Inseriti
2757 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate