Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   TTA              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Fotografi » Centro » Scheda personale di: ALEX IL VIAGGIATORE

ALEX IL VIAGGIATORE
RM - Roma - Lazio
Classe utente: Fotografo

:.. SONO NATO PER VIAGGIARE E FOTOGRAFARE

Il mio nome d’arte è “ALEX IL VIAGGIATORE” dal 1978 a oggi…

Sono nato a Roma nel 1972, appassionato di viaggi, fotografia, archeologia e disegno, fin da bambino ho iniziato a coltivare questi interessi che mi hanno portato anche a scegliere un percorso di studi in questo ambito.

Diplomato presso il III Liceo Artistico Statale di Roma con indirizzo “Architettura” nel 1990, mi sono specializzato poi come fotografo professionale presso L’Accademia Cromatica di Fotografia.

Nel 1991 mi sono classificato secondo al concorso fotografico “Ottica Vasari (1860)” con una foto su Petra (Giordania).

Nel 1998 ho conseguito il titolo di “Tecnico di Produzione Multimediale ed Elaborazioni Immmagini” con borsa di studio presso il Consorzio Orao diretto dal noto Folco Quilici.

Ho avuto come maestri d’arte Emanuele Floridia e Renato Rizzato per la formazione artistica, mentre Folco Quilici, Luca Tamagnini, Giorgio Cosulich de Pecine, Paolo Sasso e Carlo Marraffa per la fotografia.

Durante gli anni della mia formazione ho avuto modo di conoscere personalmente ed apprezzare Pier Augusto Breccia, artista di fama internazionale, considerato nel mondo dell’arte contemporanea come il Caposcuola della Pittura Ermeneutica.

In ambito turistico, ho avuto come docente il Dottor Francesco Granese, ex Direttore di Confindustria Assotravel, specializzato in Strategia di Marketing e Comunicazione nel turismo.

Il mio interesse per i viaggi e la fotografia mi ha portato a sviluppare un percorso come fotoreporter in Italia e all’estero.

Nel corso degli anni, attraverso innumerevoli scatti fotografici e disegni, ho raccolto sensazioni ed esperienze di vita reale che mi hanno portato a lanciare per la prima volta sul web il nome d’arte “Alex il Viaggiatore”, disegnandone nel 2003 il logo e scegliendolo nel 2004 come dominio per la divulgazione scientifica senza fini di lucro.

Nel 2003 ho partecipato come opinionista e viaggiatore con le mie foto della Giordania e della Siria sul primo canale monotematico digitale dedicato ai viaggi “Marcopolo” di Sky TV nella trasmissione il “Milione” condotta da Marco Falaguasta, attore, commediografo e regista italiano.

Nel 2007 ho ricevuto la “Marca Brasil” da parte di Embratur per scopi e progetti educativi per la promozione del Brasile nel mondo.

Ho ricevuto riconoscimenti nazionali e internazionali partecipando a mostre ed eventi dal 2015 a oggi.

Dal 2011 ho allestito e curato mostre collettive e personali sia in gallerie che in altri spazi espositivi.

La passione per il viaggio è nata dalla curiosità di entrare in contatto con luoghi, situazioni, culture, e persone diverse.

Per me non esiste un viaggio migliore di un altro, perchè ogni viaggio è un’esperienza che ti forma.

Prima di partire, sogno, leggo, mi documento e organizzo l’itinerario.

Il confronto con identità culturali diverse, indica voglia e capacità di mettersi in discussione per capire e adeguarsi ai vari contesti, rispettando la cultura e l’ambiente della destinazione di viaggio.

Per rendere meglio quello che ho detto, utilizzo la fotografia o il disegno come testimonianza, ricordo e memoria della storia e del patrimonio artistico, architettonico, archeologico, paesaggistico e culturale del paese visitato.

Cerco sempre di produrre immagini originali e di qualità, utilizzando sempre un linguaggio ricercato.

:.. Presentazione di Carlo Marraffa della mostra personale di Alessandro Fagiolo

Questa è la mostra di un giovane fotografo, Alessandro Fagiolo, bravo con la B maiuscola perchè riesce molto bene nella ripresa fotografica, nell’utilizzare le attrezzature,le luci e le inquadrature ma è bravo anche per un altro motivo che fa diventare il fotografo artista:

“Il fotografo vede quello che gli altri non vedono” e effettivamente in tutte le opere che presenta ci offre qualcosa di più che va oltre le immagini.

Carlo Marraffa (Ex Presidente Ucai Roma, curatore, maestro di fotografia e professionista di arti visive e arti grafiche)

Roma, 10 novembre 2016 – Palazzo Maffei Marescotti (Galleria “La Pigna” di Roma)



Questa pagina è stata visitata 21203 volte
Commenti:
17/01/21 18:22
:.. Mario Fagiolo (1908-1997, pugile e rugbista segnino, bicampione italiano della Rugby Roma (1934/35 e 1936/37) e medaglia d'argento (1933) con la Nazionale Italiana Universitaria di Rugby alle Universiadi di Torino) aveva una parentela con Silvio Fagiolo (1938 – 2011), ex funzionario della Commissione CEE e diplomatico italiano con la passione europeista.

Alla Farnesina il giorno 02/07/2013 è stata inaugurata la sala "Silvio Fagiolo", dedicata all'ambasciatore scomparso nel 2011, tra i protagonisti della costruzione comunitaria dell'Europa.

Presenti all'inaugurazione della sala "Silvio Fagiolo", il Ministro degli Esteri, Emma Bonino e il Segretario Generale, Michele Valensise.

Links Utili:
www.youtube.com/watch?v=COWGk2-Nj3A
https://www.esteri.it/mae/it/sala_stampa/archivionotizie/approfondimenti/20130702_bonino_passione_europa.html
16/01/21 17:48
Nel 1842 la zona di Sacco Pastore, oggi nel quartiere romano di Montesacro, vide l'arrivo via fiume ed il trasporto sulla via Nomentana dei due obelischi di granito di Villa Torlonia, oggi giardino pubblico, che si trova pochi chilometri più avanti.
Il principe Alessandro Torlonia decise di ricordare i propri genitori, Giovanni Raimondo ed Anna Maria Schulteiss, dedicando loro due obelischi, da installare nella villa di famiglia sulla via Nomentana, che suo padre aveva fatto allestire dal grande architetto Giuseppe Valadier.
Seguendo il gusto dell'epoca ed una sua personale propensione, Torlonia volle imitare gli obelischi egiziani, tipici elementi dell'arredo urbano di Roma, facendo incidere su di essi dei geroglifici d'imitazione, ed utilizzando il granito rosa proveniente dalle cave di Baveno, sul lago Maggiore, oggi in provincia di Verbania ed all'epoca nel regno di Sardegna, in quanto più simile di altri al granito usato dagli egiziani.
Giunti alla destinazione finale, si passò all'incisione dei geroglifici, sulla base dei testi redatti dal padre barnabita bolognese Luigi Ungarelli (1779-1845), egittologo esperto di geroglifici, che aveva collaborato con Jean François Champollion. Gli scalpellini ebbero a disposizione dei calchi dei geroglifici degli obelischi (originali egiziani) di San Giovanni e di piazza del Popolo, per imitarne lo stile. Il lavoro si svolse sul trabaccolo "Fortunato" le cui fiancate erano state smontate. Gli obelischi, dopo che ciascun lato veniva scolpito, erano ruotati verso l'esterno, per esporre un nuovo lato da scolpire, finché, all'ultima rotazione, si trovarono fuori dalla nave.

Il testo inciso sull'obelisco dedicato a Giovanni Raimondo Torlonia (quello sul lato dell'entrata di via Nomentana) tradotto in italiano recita: "Alessandro Torlonia duca di Ceri ha fatto tagliare dalla cava di Baveno nel Sempione due nobili obelischi. / Questo obelisco è dedicato da Alessandro principe di Civitella Cesi al padre suo Giovanni già duca di Bracciano , al fine di eternare il nome di lui nella patria. / l'anno 1842, il mese di Mesori il giorno 28 in cui l'obelisco lavorato in granito rosa venne innalzato d'incontro la porta che guarda il settentrione".
Sull'obelisco dedicato ad Anna Maria Torlonia è invece inciso: "Il figlio del duca di Bracciano ha abbellito l'edifìcio del padre suo (la Villa) ha edificato case sontuose, brillanti come il sole, per la perpetuità dei giorni. / Con singolare munificenza ha il duca Alessandro Torlonia fatto navigare due obelischi dal Ticino sino a Roma. / Questo monolito s'intitoli l'obelisco della fu duchessa Anna Maria Torlonia, che in attestato di ossequio ha fatto scolpire il figlio suo. / L'anno 1842 mese Thòot giorno 23 , venne innalzato l'obelisco d'incontro la porta che guarda il mezzogiorno: ciò sia per giorni innumerevoli."
Le date di innalzamento, 23 aprile e 28 maggio, non coincidono con quelle reali perché furono stimate senza poter prevedere eventuali contrattempi, che invece si verificarono e ritardarono la messa in posto degli obelischi.
Per consentire la comprensione dei testi, Alessandro Torlonia ne fece scolpire la traduzione in latino sulle basi in travertino degli obelischi; la traduzione era stata eseguita da monsignor Gabriele Laureani (1788-1850), custode generale dell'Accademia dell'Arcadia, e primo custode della biblioteca Vaticana.
16/01/21 17:29
Meriti di Gabriele Laureani(1788-1849) :.. Acquisì il patrimonio letterario dell'archeologo Francesco Cancellieri (1751–1826) per la Biblioteca Vaticana nell'aprile 1840. :.. Viri clarissimi Gabrielis Laureani Orationes, carmina et inscriptiones. Rom 1855 (postum). :.. Elogio storico di monsignor Gabriele Laureani scritto da monsignor Francesco Fabi Montani, Canonico della Basilica Liberiana(dal nome di Papa Liberio)o Santa Maria Maggiore a Roma.
3 pagine: inizio < 1 2 3 > fine
TTA ROME WEEKEND
TTA, TRAVEL TALES AWARD  vi aspetta al TTA weekend a Roma! Siamo quasi arrivati quasi alla c...
Festival della Fotografia Etica di Lodi
Tutto pronto per l’inizio della quattordicesima edizione del Festival della Fotografia Etica d...
CITIES 13 talk 5 dicembre
CITIES 13 STA ARRIVANDO!  iscriviti all'evento FB di lancio per non perderti la presentazio...
Wildlife Photographer of the Year
Il Wildlife Photographer of the Year a Milano quest’anno sarà speciale con una veste co...
Wildlife Photographer of the Year
  Arriva a Milano la mostra di fotografie naturalistiche più prestigiosa al mondo&nbs...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
Nudo Artistico IED volti prodotto fotolia brescia fotografia sociale Marocco Hahnemuhle macro 2009 nikkor book Coolpix Spazio design
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13996 Utenti Registrati + 57587 Iscritti alla Newsletter
7066 News Inserite - 1899 Articoli Inseriti
2817 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate