Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » Mostre » Scheda News

AQUA AURA
Autore: VisionQuesT 4rosso contemporary photography - Pubblicato il 17/09/14 - Categoria Mostre
Questa news non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 2973 volte

Share |
  Dal 25 Settembre 2014 al 22 Novembre 2014 in provincia di Genova a Genova

L’Ephémera è un insetto che vive un solo giorno, la sua esistenza si svolge in sole 24 ore attraversando tutte le fasi e completando questo cammino in un brevissimo lasso di tempo.
Il nome stesso, in italiano Effimera, è diventato nel linguaggio comune sinonimo di qualcosa di temporaneo ed evanescente, la cui inconsistenza ne dimostra la totale precarietà del suo stato fisico. Aqua Aura ci illustra, con alcune delle opere presenti, la sua personale interpretazione della contemporaneità, sia da un punto di vista che potremmo definire sociologico, sia più specificatamente poetico. Nella sua visione oggettiva ed anche disincantata della nostra epoca, esse sono la metafora perfetta di una condizione che potrebbe avere due distinti, ma in qualche modo equivalenti, significati, a seconda dei presupposti sui quali basano le proprie effettive ragioni essenziali. L’artista pone innanzitutto l’accento sulle qualità positive (ed esteticamente poetiche) di ciò che può apparire labile e rarefatto, come fossero caratteristiche indicative di una situazione di totale delicatezza e temporaneità, una sorta di omaggio alla fragilità delle cose, alla loro impossibilita di permanenza nel mondo e alla conseguente ed inesorabile decadenza.

L’altra accezione, se vogliamo dai risvolti negativi, prende spunto dalle teorie della “Modernità liquida” di Zygmunt Bauman per poi esprimere una Piuro approfondita e personale riflessione sulla produzione e sulla fruizione delle immagini nella nostra era cosiddetta “social”, dove la velocità di ricambio e la necessita di mantenere costante, se non sempre maggiore, la tensione visiva, può comprometterne la qualità intrinseca stessa, tanto da non permettere più la creazione di potenziali “icone”, dalla forza espressiva inalterabile e resistente al passare del tempo, ma una brodaglia indifferenziata di raffigurazioni mediocri che rivelano piuttosto tutta la loro inconsistenza di contenuti e di significati, non tanto nelle forme che propongono quanto nella mancanza di reali necessita espressive dalle quali prendono origine.

Aqua Aura sembra quindi manifestare, attraverso le proprie opere, questa tendenza alla dissoluzione ed alla fugacità, le sue opere rappresentano forme allo stesso tempo ben definite e morbide (sfere ed ovali) ed irregolari, come le bolle di sapone generate da un soffio leggero e che nella sua immaginazione racchiudono, come preziosi e fragilissimi scrigni trasparenti, delle nuvole spumose e soffici, la cui compattezza e resistenza dipendono solo da un alito di vento o da un lieve cambiamento energetico, da un’alterazione della pressione o anche solo da una semplice volontari di dissolvimento nell’atmosfera circostante, come a volersi annullare nell’aria per far parte di una realtà più grande ed invisibile, l’universo intero, quello reale e fisico ma soprattutto quello mentale della volontà creatrice dell’artista.

Questa esposizione personale, realizzata presso lo Studio Clelia Belgrado (VisionQuesT contemporary photography) di Genova, è l’esempio concreto dell’impermanenza della forma e della labilità delle cose immaginata dall’artista. Le figure ricercate da Aqua Aura diventano la metafora stessa della mutazione continua, sono oggetti impalpabili e molli, fluttuanti nel vuoto, paradossalmente leggeri, in quanto racchiudono mondi e realtà distinguibili ben definite, ma allo stesso tempo evanescenti, oceani solidi in perenne trasformazione. Lo stesso allestimento diventa prova pratica di questa precarietà fisica. La contrapposizione tra la staticità delle immagini fotografiche presentate dell’artista e la selva di palloncini galleggianti all’interno dello spazio espositivo rende visivamente esperibile la trasformazione, solo simbolica, rappresentata dalle opere. Il fattore temporale diventa determinante a questo proposito: con il passare dei giorni l’aria contenuta da queste forme volanti, più o meno sferiche, perderai la propria forza centrifuga modificando in continuazione la percezione complessiva della loro disposizione, divenendo traccia e memoria di una esperienza estetica che non esiste più. I palloncini si sgonfieranno completamente e perderanno la loro forma, giaceranno al suolo conservando solo il ricordo di un evento vissuto solo dai primi spettatori, lasciando all’immaginazione di ciascuno dei successivi la ricostruzione mentale di ciò che è stato e che ormai non è più. Questo forte contrasto diventa, nell’economia dell’esposizione, l’elemento cardine sul quale ruota la peculiare poetica dell’artista espressa in questo progetto Ephémera, forse l’allegoria della vita, la fragilità dell’esistenza terrena, destinata a durare solo l’istante stesso in cui se ne prenda veramente una piena e consapevole coscienza.

 
 

Aqua Aura. Ephémera: colei che vive un solo giorno  
a cura di Alessandro Trabucco

26 settembre – 29 novembre 2014
Presentazione giovedì 25 settembre 2014 dalle 18.30 alle 24.00
nell’ambito di Start 2014

Clelia Belgrado. VisionQuesT contemporary photography
Piazza Invrea 4r, Genova

Info: +39 0102468771  3356195394   www.visionquest.it

Share |
Iscrizioni aperte a URBAN Photo Awards 2021!
Bruce Gilden presidente della giuria In palio un montepremi del valore di 23.000 € e mostre al Trie...
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
DREAMLANDS
In partenza la nuova iniziativa di  Isp, che in collaborazione con Photographers.it  propo...
TRAVEL TALES AWARD
In un momento storico in cui  i Fotografi hanno dovuto forzatamente chiudere le valigie in cant...
vincitore CCF book award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione   previsto ...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
studenti giovani roberto mutti rassegna luci stampa fine art film corsi glamour corso Trieste workshop nudo lavoro collettiva officine fotografiche
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13904 Utenti Registrati + 29206 Iscritti alla Newsletter
6889 News Inserite - 1847 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate