Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » Mostre » Scheda News

QUEL CHE RESTA DEL GIORNO - LA GONDOLA
Autore: Fabrizio Brugnaro - Pubblicato il 24/01/15 - Categoria Mostre
Questa news non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 2938 volte

Share |

TRE OCI / TRE MOSTRE

VENEZIA FOTOGRAFIA

Casa dei Tre Oci

7 febbraio > 12 aprile 2015

Inaugurazione 6 febbraio

 

format di successo giunto alla terza edizione, inaugura la stagione

espositiva 2015 della Casa dei Tre Oci, dedicata alla fotografia.

Un percorso di ricerca articolato su più livelli, che trasforma i Tre Oci in una vera e propria

Kunsthalle proponendo un percorso visivo di confronto tra i linguaggi contemporanei e la

grande tradizione della fotografia veneziana.

QUEL CHE RESTA DEL GIORNO  -  LA GONDOLA

Riprendendo il titolo di un fortunato film di James Ivory, è il tema che ha visto riflettere quest’anno 31 soci del Circolo.

La memoria personale formata non già dagli avvenimenti salienti di una vita ma dai piccoli dettagli, dai particolari marginali, dai riverberi di azioni banali che per effetto della trasfigurazione fotografica assumono valore altro,simbolico e aperto a più significati.

Non si tratta di registrare il diario visivo di una giornata (come il titolo potrebbe far pensare) ma dare consistenza a dettagli del proprio vissuto, non importa se recente o lontano.

Una sorta di evocazione intima, profonda, di cui rendere partecipe lo spettatore.

Partecipano i soci Andrea Avezzù, Antonio Baldi, Maurizio Braiato, Aldo Brandolisio, Fabrizio Brugnaro, Lorenzo Bullo, Nicola Bustreo, Dario Caputo, Paola Casanova, Carlo Chiapponi, Maria Teresa Crisigiovanni, Francesco Del Negro, Franco Furneri, Stefania Galluccio,Gianfranco Giantin, Mirella La Rosa, Matteo Miotto, Aldo Navoni, Stefano Pandiani, Sandro Pizzolato, Giovanni Puppini, Alessandro Rizzardini, David Salvadori, Giorgio Semenzato, Massimo Stefanutti, Maurizio Trifilidis, Fabrizio Uliana, Isabella Vegh, Giovanni Vio,Emilio Zangiacomi, Anna Zemella.

Una stanza è dedicata ai vincitori della lettura portfolio che si è tenuta nel gennaio 2014 ai Tre Oci: Momenti decisivi è l’occasione per una rilettura e valorizzazione del reportage attuale alla luce dei nuovi mezzi di registrazione.Tre gli autori selezionati, che presenteranno i lavori premiati.Andrea Bianco, con il lavoro Faces, in cui viene ben rappresentato il dualismo tra figura statica e dinamica, la prima densa di bellezza irraggiungibile, la seconda transitoria e umana.Elisa Gambino, premiata per il lavoro Figli del Vento che attraverso un’originale forma espressiva propone un percorso emozionale che coniuga bene reportage e ricerca.Monia Perissinotto con Havana, che traendo origine dal citizen journalism elabora un progetto definito e autoriale attraverso l’uso delle nuove tecnologie digitali, evidenziando una coerente ricerca cromatica e compositiva.

Ad arricchire l’offerta espositiva, la Gondola ha scelto di presentare quest’anno

L’Italia positiva di Stefano Robino.

Fotografie 1951-1969, curata da Manfredo Manfroi

Nato a Torino nel 1922, Stefano Robino fotografa dagli inizi degli anni ‘50 aderendo al

“Gruppo Culturale FIAT – Sezione Fotografia”. La nascita del figlio lo spinge a concentrarsi

 sull’accattivante tema della famiglia con cui conseguirà importanti riscontri in campo

nazionale e internazionale; successivamente il suo sguardo volgerà al mondo del lavoro,

agli aspetti della solidarietà e alle realtà sociale più trascurate.

Sempre all’interno della FIAT Grandi Motori, Robino diviene dapprima responsabile del

laboratorio fotografico (1965) e successivamente (1971) responsabile dell’ufficio Pubblicità.

Nel 1971 la Grandi Motori Trieste pubblica un suo volume sull’analogo stabilimento di Torino

nel 2002 la Regione Piemonte arreda con 99 pannelli di sue fotografie gli uffici delle

gestione e sviluppo delle Risorse Umane nella palazzina ex sede della S.E.I.

La vicenda fotografica di Stefano Robino costituisce una sorta di trait d’union

tra la produzione amatoriale dei primi anni ‘50 fortemente condizionata dalle ultime propaggini

del neorealismo e le soluzioni più intimistiche affioranti man mano che si avvertono i primi

segnali del boom economico.

Tre Oci

Fondamenta delle Zitelle, 43

30133 Giudecca, Venezia

tel. (+39) 041 24 12 332

info@treoci.org

Share |
Fotografia Europea Open Call
E'  aperta l'Open Call di Fotografia Europea Fotografi, curatori e collettivi&nbs...
BCM22 PHOTOGRAPHY BOOKS REVIEWS
Sabato 19 e domenica 20 novembre 2022 l'Istituto Italiano di Fotografia, in occasione di Bookcit...
CITIES 11
Siamo lieti di annunciare che abbiamo iniziato la produzione di Cities11 ! Con l’occasione ...
mostra Travel Tales 2022
Starring,  con Photographers.it, Viaggio Fotografico,  Il FOTOGRAFO,  la OTTO Gallery...
Milano Sunday Photo
Milano Sunday Photo è il primo “Mercatino” milanese dedicato alla fotografia e in...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
26 Dicembre 2022         a Senegal   (Lecco)
Viaggio in sette mondi: da Dakar al delta del Saloum VIAGGIO FOTOGRAFICO IN SENEGAL Dal 26 Dicembr..[continua]
13 Gennaio 2023         a Thailandia   (Roma)
Thai ..[continua]
27 Maggio 2023         a New York   (Roma)

  Popular Tags  
design vacanze italy Londra bianco Obiettivo installazione fine art fotografia professionale Ritratti Cuba pittura montagna canson software corso
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13969 Utenti Registrati + 37148 Iscritti alla Newsletter
6987 News Inserite - 1875 Articoli Inseriti
2817 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate