Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Reportage » Scheda Progetto

"Himba" Epupa Falls - Namibia
Autore: Alessandro Scarabelli - Pubblicato il 10/11/11 - Categoria Reportage
Nelle regioni settentrionali della Namibia, nell'arida regione del Kaokoland, tra la vasta e polverosa piana dell'Etosha a sud, e le sconfinate foreste pluviali dell'Angola a nord, vive il popolo degli Himba. Gli Herero, con i quali condividono la lingua ma non certo i costumi, antepongono al nome "Himba", il popolo, l'aggettivo "Ova", mendicanti, che dà il termine "Ovahimba", ovverosia popolo di mendicati, con il quale sono denominati in Namibia. Ancora oggi gli Herero occidentalizzati rinfacciano agli Himba di aver abbandonato circa un secolo e mezzo fa, per paura delle aggressioni delle tribù dei Nama, la terra degli avi e aver attraversato il sacro fiume Kunene per chiedere ospitalità alle tribù Boscimani delle quali successivamente adottarono e rielaborarono gli stili di vita. Così che, quando, nel 1920 ritornarono nella terra natia, gli Himba portarono con sè usi e costumi completamente diversi da quelli con i quali erano partiti. L'esilio in terra boscimana permise al popolo Himba di evitare l'occidentalizzazione forzata imposta dai colonizzatori tedeschi che, al contrario, fece piazza pulita dell'antica cultura Herero al pari delle altre culture native del territorio occupato. Oggi, con una "tradizione" risalente tutt'alpiù al tardo '800, gli Himba sono probabilmente il gruppo etnico più "moderno" che cammina su questa nostra terra. I circa mille e cento Himba ancora rimasti sono prevalentemente nomadi e pastori. Gli uomini quasi mai nel villaggi seguono le vacche in lunghe transumanze che possono durare anche varie settimane. Le donne fanno tutto il resto: allevano capre e pollame, curano i bambini, raccolgono gli ortaggi, costruiscono le capanne con argilla, legno e sterco, cuociono e conservano il cibo, realizzano manufatti, si occupano della medicina tradizionale e delle pratiche religiose. Al centro dei villaggi Himba, brucia sempre l'Okuruwo, il fuoco sacro che con il suo bagliore allontana i cattivi demoni che avvelenano i cuori degli uomini e fanno ammalare i bambini. Ad aver cura giorno e notte del piccolo falò, che serve anche a far bollire le farine, è sempre una sciamana donna, scelta tra le più anziane della tribù. Fino a poco tempo fa, una parte importante nella vita quotidiana degli Himba, sia pure non paragonabile all'allevamento, ce l'aveva anche l'agricoltura. L'inverno tropicale portava con se le "piccole piogge" che fecondavano la terra inaridita. Era il tempo della semina in attesa che le successive "grandi piogge" facessero germogliare e crescere i raccolti. Ma nel giro di due generazioni le piccole piogge sono sempre più povere e più distanti. Le grandi piogge arrivano copiose, violente ed improvvise, non portano la vita ma allagamenti e disastri, sino ad isolare l'intera regione per un paio di mesi all'anno.
I villaggi Himba hanno come base sociale un nucleo familiare allargato. Ogni uomo può sposare più donne: il primo matrimonio viene sempre combinato dagli anziani, per i successivi è necessario il consenso sia dello sposo che della sposa. Solo le donne possono possedere una capanna. Gli sposi debbono chiedere sempre il permesso alla moglie per dormirci la notte. In compenso, soltanto agli uomini maritati è consentito adoperare una sorta di scomodissimo cuscino "poggiatesta" in legno che gli Himba considerato il massimo della comodità e il primo dei vantaggi della vita coniugale. L'acqua per gli Himba, è sacra e solo agli uomini sposati è consentito lavarsi. E soltanto come preparazione alle cerimonie religiose in particolari periodi dell'anno. Le donne si prendono cura del proprio corpo con una operazione piuttosto complessa e per la quale impiegano buona parte della giornata cospargendosi con una mistura di grasso di vacca, burro di capra, terra d'ocra, argilla unita ad una essenza profumata. Con una simile mistura che dona loro quel caratteristico colore rosso scuro, intrecciano anche i lunghi capelli. Le donne si limitano ad indossare per lo più un corto gonnellino ma non trascurano mai di ornarsi con grossi bracciali, lunghe collane e pesantissimi paramenti. Va sottolineato che gli Himba, non ignorano l'occidentalizzazione. Semplicemente la rifiutano.
Questo progetto non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina č stata visitata 25250 volte

Share |

Share |
Fotografia Europea Open Call
E'  aperta l'Open Call di Fotografia Europea Fotografi, curatori e collettivi&nbs...
CITIES 11
Siamo lieti di annunciare che abbiamo iniziato la produzione di Cities11 ! Con l’occasione ...
Milano Sunday Photo
Milano Sunday Photo è il primo “Mercatino” milanese dedicato alla fotografia e in...
mostra Travel Tales 2022
Starring,  con Photographers.it, Viaggio Fotografico,  Il FOTOGRAFO,  la OTTO Gallery...
BCM22 PHOTOGRAPHY BOOKS REVIEWS
Sabato 19 e domenica 20 novembre 2022 l'Istituto Italiano di Fotografia, in occasione di Bookcit...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
26 Dicembre 2022         a Senegal   (Lecco)
Viaggio in sette mondi: da Dakar al delta del Saloum VIAGGIO FOTOGRAFICO IN SENEGAL Dal 26 Dicembr..[continua]
13 Gennaio 2023         a Thailandia   (Roma)
Thai ..[continua]
27 Maggio 2023         a New York   (Roma)

  Popular Tags  
obiettivo reporter bianco genova Letteratura ten collection europa milandri workshop di fotografia news solitudine paesaggi national geographic selezione fiera guerra 2011
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13969 Utenti Registrati + 37159 Iscritti alla Newsletter
6987 News Inserite - 1875 Articoli Inseriti
2817 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate