Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Reportage » Scheda Progetto

Il crimine del silenzio
Autore: Daniele Libero Campi Martucci - Pubblicato il 31/05/12 - Categoria Reportage
A poco più di trenta anni di distanza dalla promulgazione della legge 180 l’attenzione non è più rivolta a coloro che vivevano negli ospedali psichiatrici in condizioni di repressione e reclusione, ma al "dopo": quasi tutti gli "ospedali dei pazzi" sono stati chiusi, in alcuni casi sono stati riconvertiti in ambito assistenziale ed ospedaliero, altri sono divenuti oggetto di speculazioni edilizie. La maggior parte, tuttavia, versa in uno stato di completo abbandono, il quale rappresenta simbolicamente l’abbandono di quanti vi hanno vissuto in silenzio. Questo immenso patrimonio culturale e sociale è inesorabilmente destinato a scomparire, ad essere cancellato in maniera definitiva: se agli inizi i manicomi venivano impiantati in località lontane e nascoste alla vista urbana per non disturbare la vita ritenuta civile, con la loro chiusura si è assistito all’ultimo atto di una tragedia umana che attende la morte dei suoi ultimi attori, per cancellare infine anche i teatri in cui essa è stata messa in scena.

Restano perciò le foto come testimonianze tacite del degrado e dell’incuria: consentono di scrutare, vivere e respirare il passato, muovere pochi infermi passi tra macerie e carte ingiallite dal tempo e dalla pioggia, leggere le ultime sbiadite parole di vite che ormai appartengono alla polvere. E, allo stesso tempo, rappresentano un monito per non reiterare gli errori già commessi in passato. Nel silenzio, lo stesso silenzio che scivola fragoroso lungo pareti scrostate, ricoperte di muffa, corridoi, camerate, sale, stanze, celle, viscere dolenti di freddi ventri di prigionia. Il silenzio assordante della storia e della vita, il silenzio di istituzioni distratte e di popoli che cancellano le vestigia del passato per ripulire la coscienza macchiata di vergogne e impunità. È tuttavia una storia ancora dolorosamente attuale di reietti, di uomini, donne e bambini, di privazione e dolore, a volte di speranza, che la cosiddetta "civiltà" cerca di nascondere tra le pieghe della propria veste ipocrita, dimenticando che una società che rinnega il proprio passato è una società priva di futuro.
Questo progetto non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 14782 volte

Share |

Share |
Fino a metà maggio call open al TTA,Travel Tales Award
Starring,  con Photographers.it, Viaggio Fotografico,  Il FOTOGRAFO,  la OTTO Gallery...
CITIES - a contemporary view
“Sono gli altri le strade, io sono una piazza, non porto in nessun posto, io sono un posto.&rd...
OUR LOVELY CHOSEN PICS AT MIA FAIR 2022
Quest'anno Photographers ha deciso di  raccontare il MIA FAIR edizione  2022 da un pun...
3 CCF BOOK AWARD
Attiva fino al 15 maggio la call per il3° Corigliano Calabro Fotografia Book Award! Nell&rsqu...
Iscrivi una foto GRATIS a URBAN Photo Awards 2022!
La fotografia è la grande passione che da 13 anni condividiamo con autori da tutto il mondo. Per que...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
06 Luglio 2022         a Francia   (Torino)
Essere in Provenza a Luglio,significa essere al centro di una poesia pura ed avere l’occasione perfe..[continua]
13 Agosto 2022         a SUD AFRICA   (Lecco)
VIAGGIO FOTOGRAFICO IN SUD AFRICA ..[continua]

  Popular Tags  
csfadams cusano Festival Londra trieste photo days corso fotografia Nital street photography smartphone fashion obiettivi riflessi reflex scuola di fotografia artisti beauty
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13957 Utenti Registrati + 33798 Iscritti alla Newsletter
6950 News Inserite - 1863 Articoli Inseriti
2817 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate