Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Ricerca » Scheda Progetto

Spazi per la Memoria
Autore: Daniele Gussago - Pubblicato il 20/11/16 - Categoria Ricerca
Il progetto nasce come occasione di confrontarsi con la Memoria soggettiva degli eventi rappresentati e permettersi di chiedere quanto e come rievocano ciò che già si conosce; questo per capire come ogni evento, benché oggettivamente rappresentato nero su bianco, sia elaborato personalmente in base ai propri costrutti psicologici , e di come questi modifichino il ricordo di un avvenimento storico. Nello specifico non si tratta di criticare, cercare una retorica o creare miti storici, ma confrontare ciò che conosciamo (elementi soggettivi) e ciò che la fotografia ci permette di sperimentare.
Le immagini rappresentano i luoghi dove si sono verificati gli eventi analizzati. Il compito di rappresentare la Memoria di questi eventi è quindi affidato interamente al luogo dove si è svolto. Nelle fotografie non viene rappresentata nessuna figura umana riconoscibile. E’ il luogo che è contemporaneamente protagonista e scenografia. Si tratta infatti di posti che vanno idealmente visitati in solitudine. L’esclusione dalle immagini della figura umana proietta lo spettatore in una dimensione che favorisce l’elaborazione autonoma di un ricordo, che può essere personale, se lo spettatore ha avuto esperienza diretta con uno degli eventi, oppure sociale, se non si è avuta una conoscenza diretta ma solo una elaborazione basata su informazioni, magari parziali e frettolose, provenienti dai normali media.

I fatti presi in esame sono, in ordine cronologico:
1. I campi di concentramento di Auschwitz e Mauthausen, come simbolo della “Memoria storica”;
2. La tragedia del Vajont, come emblema di “Memoria dimenticata”;
3. Il disastro di Chernobyl, come esempio di “Memoria tecnologica”;
4. La guerra in Kosovo, come dimostrazione della “Memoria di una guerra”;
5. Il terremoto dell’Aquila, come dimostrazione di una “Memoria da ri-costruire”.
Questi eventi sono stati scelti come esempi di eventi tragici che possono colpire le nostre Comunità determinati per lo più da azioni di gruppi di persone che in epoche e con finalità diverse hanno causato grossi danni alla società e leso diritti fondamentali dell’uomo quali la Libertà di scegliere ciò che è meglio per Sè, la Sicurezza delle nostre città, e la Salute psico-fisica.
– Campi nazisti: è stato preso in considerazione l’effetto della folle ideologia della purezza di una razza rispetto ad altre e di come la Memoria storica rischi di essere pura retorica nel momento in cui si cerca di negare l’evento tragicamente umano che i Campi di Concentramento rappresentano.
– Vajont: il mito del progresso e del potere ad ogni costo ha portato a prevaricare le Comunità umane e la Natura, oltre che il futuro delle generazioni coinvolte e per sempre mutate. In questa tragedia la Memoria è dimenticata perché molto in quei luoghi di ciò che è accaduto ancora oggi se ne parla male e con poca consapevolezza.
– Chernobyl: esempio di un folle esperimento tecnologico, in cui la colpevole mancanza di cautela e saggezza nell’amministrazione di una potente espressione della Natura ha determinato danni incolmabili. La tematica è mai come ora attuale e la Memoria di ciò che è accaduto nella Storia recente è fondamentale per apprendere dall’esperienza.
– Kosovo: esempio per tutte le guerre su base etnica, così vicina all’Italia e già dimenticata, nonostante gli effetti storico – sociali siano tutt’oggi presenti sulle persone coinvolte.
– L’Aquila come espressione della speculazione e del facile guadagno nella costruzione delle nostre città senza i giusti criteri di sicurezza. Inoltre si ripete il concetto di Memoria del come era per dare la possibilità agli aquilani di ricostruire la propria storia, la propria immagine e Vita.
Il progetto è visibile all'indirizzo:
http://www.danielegussago.it/projects/spazi-per-la-memoria/
Gradimento: Fantastico
Questa pagina è stata visitata 9751 volte

Share |

  
Share |
Photo Days Tour
“Generazioni”, “Patriarcato di Aquileia” e “Staying Home Together&rdqu...
CITIES INSIDE
rilanciamo volentieri una nuova iniziativa del nostro partner Isp; una call gratuita per progetti ch...
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020, fissato in via definitiva da...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
05 Novembre 2020         a Subbiano   (Arezzo)
Workshop di fotografia in Toscana dal 5 al 8 Novembre 2020 – massimo 10 partecipanti quota di part..[continua]

  Popular Tags  
Inverno Parallelozero contrasto luci fashion digitale spiaggia LETTURE PORTFOLIO leica shooting eventi sud vernissage Obiettivo deaphoto intervista
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13893 Utenti Registrati + 23997 Iscritti alla Newsletter
6886 News Inserite - 1839 Articoli Inseriti
2808 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate