Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Architettura » Scheda Progetto

L'incomunicabilità fra metafisica e retorica
Autore: Lorenzo Linthout - Pubblicato il 21/05/09 - Categoria Architettura
L’incomunicabilità, l’indicibilità del reale, la solitudine metafisica del soggetto, sono temi onnipresenti di questo secolo.
Abbiamo tutti dentro un mondo di cose, ciascuno un suo mondo di cose; quindi, l’alienazione, l'assurdo e l'inettitudine che dominano il panorama di fronte a una società in decadenza, incapace di costruire e di proporre dei valori, mi hanno posto come coscienza giudicante, spettatore ironicamente distaccato, talvolta provocatorio, talvolta a rispondere con l'afasia, con il silenzio oppure con la decostruzione.
La realtà del nostro secolo è varia, caotica, confusa. Frastorna l'uomo con un mosaico infinito di possibilità mentali e si reagisce a questa situazione con il disorientamento, la solitudine che deriva dal non riuscire a ricostruire i frammenti impazziti del proprio ventaglio interiore.
E' inevitabile, ad una relativa incomunicabilità dobbiamo rassegnarci. Ma possiamo comunque ingenuamente affidare i nostri sogni a immagini piacevoli, coinvolgenti che possano ricreare nella mente altre realtà. Ma credo sia un limite contro il quale non possiamo lottare.
Forse ha senso solamente lottare per conquistare un relativo piccolissimo spazio di comunicazione. In fondo le sfumature infinite della realtà le abbiamo sotto gli occhi, non serve alcun mediatore. Si può solo ipotizzare che sia necessaria una scelta tra le molteplici realtà e che questa scelta, riduttiva e discutibile per ipotesi, sia necessaria per individuare e rappresentare la personalità di chi la esprime. In realtà non rappresentiamo il mondo, rappresentiamo noi stessi. Un grado di idealizzazione e persino di utopia non sono inconciliabili con il fine che si vuole raggiungere.
Gradimento: Fantastico
Questa pagina è stata visitata 16885 volte

Share |

Share |
New-Post Photography
MIA Photo fair è lieta di annunciare New-Post Photography?, una nuova iniziativa volta a...
Inaugurazione mostra Over.State di Ilias Georgiadis
Inaugurazione Over.State di Ilias Georgiadis a cura di Michele Corleone Giovedì 14 novembre ore 19 ...
Wildlife Photographer of the Year 54
In scena a Milano il Wildlife Photographer of the Year, la mostra di fotografie naturalistiche pi&ug...
Trieste photo Days 2019
Trieste Photo Days 2019: avanti tutta con Martin Parr, Nick Turpin e decine di ospiti Conto alla ...
Photolux 2019
torna Photolux Festival, la biennale che getta uno sguardo limpido sul panorama fotografico int...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
08 Febbraio 2020         a Milano   (Milano)
COMPLETE AMATEUR Un corso di Erik Kessels   ..[continua]

  Popular Tags  
fabbrica del vapore manicomio terremoto storytelling FORMA capture one sogno backstage colore fiera giornalismo fotografia confini photographer Africa mare
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13873 Utenti Registrati + 16438 Iscritti alla Newsletter
6851 News Inserite - 1830 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate