Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi www.esta-usa-visto.it/   Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Architettura » Scheda Progetto

L'incomunicabilità fra metafisica e retorica
Autore: Lorenzo Linthout - Pubblicato il 21/05/09 - Categoria Architettura
L’incomunicabilità, l’indicibilità del reale, la solitudine metafisica del soggetto, sono temi onnipresenti di questo secolo.
Abbiamo tutti dentro un mondo di cose, ciascuno un suo mondo di cose; quindi, l’alienazione, l'assurdo e l'inettitudine che dominano il panorama di fronte a una società in decadenza, incapace di costruire e di proporre dei valori, mi hanno posto come coscienza giudicante, spettatore ironicamente distaccato, talvolta provocatorio, talvolta a rispondere con l'afasia, con il silenzio oppure con la decostruzione.
La realtà del nostro secolo è varia, caotica, confusa. Frastorna l'uomo con un mosaico infinito di possibilità mentali e si reagisce a questa situazione con il disorientamento, la solitudine che deriva dal non riuscire a ricostruire i frammenti impazziti del proprio ventaglio interiore.
E' inevitabile, ad una relativa incomunicabilità dobbiamo rassegnarci. Ma possiamo comunque ingenuamente affidare i nostri sogni a immagini piacevoli, coinvolgenti che possano ricreare nella mente altre realtà. Ma credo sia un limite contro il quale non possiamo lottare.
Forse ha senso solamente lottare per conquistare un relativo piccolissimo spazio di comunicazione. In fondo le sfumature infinite della realtà le abbiamo sotto gli occhi, non serve alcun mediatore. Si può solo ipotizzare che sia necessaria una scelta tra le molteplici realtà e che questa scelta, riduttiva e discutibile per ipotesi, sia necessaria per individuare e rappresentare la personalità di chi la esprime. In realtà non rappresentiamo il mondo, rappresentiamo noi stessi. Un grado di idealizzazione e persino di utopia non sono inconciliabili con il fine che si vuole raggiungere.
Gradimento: Fantastico
Questa pagina è stata visitata 15490 volte

Share |

Share |
Ando Gilardi reporter. Italia 1950-1962
Proseguendo quanto relazionato da queste pagine poco più di un anno fa, a proposito dell...
Nikon Master Director 2019
Iscrizioni aperte per il Nikon Master Director 2019! Il Nikon Master Director Italia è il ...
Slightly Altered // SYNCHRODOGS
Office Project Room è lieta di annunciare la mostra personale dei Synchrodogs, duo di artisti...
gli autori di Back to the Past
Sono stati selezionati i venti autori che saranno presenti nel volume speciale dedicato alla Fotogra...
World Press Photo 2019
aggiudicati i premi del World Press Photo 2019 la foto vincitrice del primo premio “Foto de...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
12 Maggio 2019         a Milano   (Milano)
Aaron Schuman: The SLANT workshop L'artista, scrittore, curatore Aaron Schuman terrà u..[continua]
08 Settembre 2019         a VIETNAM   (Lecco)
Viaggio fotografico & workshop fotografia di reportage I partecipanti lavoreranno a ideazione, s..[continua]

  Popular Tags  
reportage studio fotografico lecce mostra street exhibition obiettivo reporter confini Inverno mostra fotografica pittura matrimoni colore sardegna pippo tradizione
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13778 Utenti Registrati + 13087 Iscritti alla Newsletter
6740 News Inserite - 1807 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate