Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food   www.esta-usa-visto.it/              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Reportage » Scheda Progetto

manicomio Granzette Rovigo
Autore: gianluca sambo - Pubblicato il 29/10/12 - Categoria Reportage
Mnicomio di Granzette Rovigo APERTO NEL 1909 E CHIUSO DEFINITIVAMENTE NEL 1997, reportage fotografico in una giornata di novembre

Voci nel circondario raccolte anche da un gruppo di giovani di passaggio manicomiale, dicono di urla notturne dall’area del manicomio, soprattutto nelle notti di luna piena. E’ nostra convinzione che l’Ospedale Psichiatrico Provinciale sia stato un “campo di concentramento” prodotto dall’Istituzione totale” per richiudervi i diversi, gli “altri”. Migliaia e migliaia di persone private della libertà, sottoposte a costrizioni e torture, fisiche, chimiche (tipo insulinoterapia), ed elettriche: basti pensare ad alcuni pazienti sottoposti ad addirittura duemila elettrochoc con apposite mordacchie a soffocare le loro urla in un silenzio cristallizzato di tragedia. Le sofferenze, il dolore, le urla dei disperati, impregnate fra le mura dei padiglioni, col passare del tempo si sciolgono dalla fissità e, in momenti particolari di naturalezza, lievitano e prendono voce.
Il manicomio resterà un luogo di spiriti e di fantasmi urlanti finché non verrà esorcizzato, in modo adeguato, il dolore di questi martiri sacrificati come capri espiatori dalla nostra conforme società. Finché non ne verrà elaborato il lutto. Come Redazione Biancoenero si è già fatta una mani-festazione di esorcizzazione con la “Visita guidata al manicomio di Rovigo” del 9 settembre 2000, con Cristiano Cattin che, a latere della “visita” e accompagnato da due percussionisti, vociava per ore i nomi dei ricoverati dell’anno 1975. Ma non basta. Occorre istituire, almeno in un padiglione, una sorta di museo della memoria, dove conservare anche i nomi dei degenti incarcerati, organizzare visite guidate di parenti e conoscenti, manifestazioni liberatorie, rituali sociali di “riconoscimento” di questo carcere dove è stata rinchiusa anche una parte della nostra coscienza collettiva e umana. Liberare finalmente il manicomio, e la sua memoria, per liberare anche la nostra umanità.

redazionebiancoenero
Questo progetto non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 29541 volte

Share |

Share |
City Tales
La settima edizione del Festival Fotografico Europeo comprende la Rassegna  CITY TALES,  a...
Iscrizioni aperte a URBAN 2018 Photo Awards
Sono aperte le iscrizioni alla nona edizione del concorso fotografico internazionale URBAN Photo Awa...
Seravezza Fotografia
La quindicesima edizione di SERAVEZZA FOTOGRAFIA torna dal 17 febbraio al 27 maggio nell’affas...
Vivian Maier
Dal 3 Marzo al 27 maggio 2018 l’incantevole Palazzo Pallavicini proporrà al pubblico un...
Urban Prize Winners!
"Here comes in colors" di Greta Polimene è la foto vincitrice assoluta di URBAN 201...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
03 Marzo 2018         a SENEGAL   (Lecco)
Viaggio fotografico adatto a tutti quello in Senegal, con una grande tradizione democratica e istitu..[continua]

  Popular Tags  
software Fujifilm Instagram Spazio glamour csfadams reportage stampa fine art libri smartphone luce Sicilia concerto reflex photofestival Capture One 6.2
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13667 Utenti Registrati + 10799 Iscritti alla Newsletter
6522 News Inserite - 1773 Articoli Inseriti
2790 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate