Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food   www.esta-usa-visto.it/              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Reportage » Scheda Progetto

Sidrome Paranoide : B.A.?.
Autore: Luigi Montuoro - Pubblicato il 29/06/12 - Categoria Reportage
Unica colpa essere nato con un cognome che per motivi di “stato” non poteva avere …

Benito Albino fin da piccolo aveva dovuto subire separazioni dai suoi familiari. Non poté mai conoscere direttamente il padre e fu strappato all’affetto materno in quanto la mamma era stata prima confinata e poi rinchiusa in un manicomio a Pergine. A soli dieci anni fu allontanato brutalmente dai nonni materni e dalla zia e inserito in un istituto. Anche la ragazza di cui si era innamorato quando aveva 18 anni, fu costretta, minacciata dal regime, ad abbandonarlo. Infine, il suo tutore, dietro ordini superiori, lo fece internare in manicomio.
Aveva 19 anni e risulta che si sia presentato volontariamente per farsi curare. In realtà non aveva il requisito fondamentale per farlo, visto che all’epoca la maggiore età si raggiungeva a 21 anni! La diagnosi fatta al manicomio di Mombello fu : “Sindrome Paranoide”.
Con il passare degli anni, vivendo in questa condizione angosciante, senza via d’uscita, finì lentamente nel baratro della disperazione e fu per lui sempre più difficile rimanere lucido. Fece un tentativo di evasione che durò pochissimo. Questa situazione lo fece cadere in un tunnel senza via di uscita, e a furia di imitare le gestualità del padre, probabilmente a un certo punto colse sul suo viso le stesse sembianze e cominciò a provocarsi profonde ferite sul volto.
Gli furono fatte delle cure molto pesanti ed ovviamente inutili. Morì per “marasma” termine che indica un deperimento fisico che porta allo stremo. Alla fine pesava la metà rispetto a quando era entrato. Fu seppellito nel cimitero comunale di Limbiate, in una fossa comune riservata ai malati del manicomio di Mombello nell’agosto del 1942 a soli 26 anni.
Questo progetto non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 13088 volte

Share |

Share |
News dai Festival
riteniamo utile per chi si interessa di Fotografia un memo sui riposizionamenti in corso dei princip...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
CITIES INSIDE
rilanciamo volentieri una nuova iniziativa del nostro partner Isp; una call gratuita per progetti ch...
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
13 Settembre 2020         a VIETNAM   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel vIETNAM Reportage, paesaggio, s..[continua]

  Popular Tags  
rassegna fotografia europea analogico tau visual creatività hedler fotografia di scena ambiente cielo moda giornalismo illuminazione fotografica movimento terra lecce obiettivi
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13900 Utenti Registrati + 22362 Iscritti alla Newsletter
6877 News Inserite - 1845 Articoli Inseriti
2811 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate