Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Glamour|Beauty » Scheda Progetto

Sulle Realtà
Autore: BOW JACQUES - Pubblicato il 30/03/09 - Categoria Glamour|Beauty
L’opera, se così è possibile definirla, che oso presentarvi è una selezione di foto da me realizzate ed elaborate attraverso software grafici (principalmente Paint, Adobe PhotoShop, Microsoft Office Picture Manager). Sicuramente non spicca la qualità tecnica del lavoro ma non è questo il punto che intendo descrivere. Le immagini evocano immediatamente un coinvolgimento diretto alla rappresentazione dell’essere (e per primo del mio essere). Ritengo che la realtà sia un fenomeno puramente soggettivo che ognuno coglie nella propria individualità e la rappresentazione è solo un tentativo di comunicarla. Come artista credo che il lavoro risieda proprio nella contemplazione personale dell’estetica riflessa in una propria creazione, alla ricerca di un significato che trascende i confini del mezzo che si adopera per comunicare.
I titoli riducono di molto la possibilità di interpretazione, ma in fondo è l’unico modo per offrirvi quella che ne ho dato io! Volete uno stimolo? Provate ad indovinare cosa c’è alla base delle foto…

La mia preferita è: METROPOLITAN TEACHER.
Questo scatto è stato realizzato all’interno della Metropolitana di Roma (Stazione CIRCO MASSIMO) il 27/02/2009 mentre mi recavo ad una mostra. La tecnica utilizzata per lo scatto è quella che prediligo: lo zoom. La successiva elaborazione è stata ottenuta attraverso software con l’inversione dei colori (la nuova passione). Di questa funzione in particolare mi attrae la potenzialità rivelatrice di un mondo parallelo, ma sempre costante (direi inconscio, considerando che il contrario è una delle qualità attraverso le quali questo aspetto psichico si manifesta). Nell’inverso c’è quello che esiste dietro qualsiasi cosa ma che resta impercettibile e deve essere ricercato. E’ pur vero che ne rappresenta solo un 50% ed in questo senso resta solo una possibilità: interpretare. E’ come mettersi alla ricerca dei fantasmi ed alla fine incontrarli…
Non credo sia difficile notare la figura di un volto che osserva chiunque si pari davanti al suo occhio. Lo sguardo è molto femminile e assorto nella malinconia della solitudine. Dietro di se sprigiona però un universo infinito di luce, di piani e di colori. Infine potrà colpire l’osservatore più attento l’effetto che si delinea in secondo piano mostrando il profilo di una figura che definirei “religiosa”.
Mi piace immaginare in questa foto l’esistenza di una donna, quella che mi capita di incrociare ogni volta che il mio sguardo ne incontra una.

PERPETUO PENSIERO è forse la prima foto con la quale ho dato avvio ad uno stile di ricerca/visione personale nella fotografia. Risale al Gennaio del 2007 e avevo la fotocamera da 3 settimane. Il quartiere nel quale vivo era stato allestito per una processione religiosa, di cui gli ultimi resti erano alcuni ceri luminosi (quelli rossi, tipici del cimitero e delle chiese, per intenderci) rimasti accesi in suffragio del santo (Abate Antonio). Il caso volle che stavo scoprendo lo zoom e nel frattempo mi rattristavo per l’impossibilità di metterlo a fuoco, anche a causa del tremore per il freddo.
Mi colpisce per l’evidenza di volti che si riproducono più o meno brillantemente in serie secondo forme geometriche imperfette, rincorrendo sospese nel fuoco di una notte un sospiro preoccupato verso il vuoto. Una rotazione dell’immagine infine svela il grido dell’anima intrappolata.
Quest’anno ho avuto il piacere di esporla per la prima volta all’interno del concorso/manifestazione “ADRENALINA: l’arte emerge in nuove direzioni” (www.adrenalina.roma.it).

Infine, qualsiasi osservatore non resta indifferente al BALLO LEGGERO che gli si presenta allo sguardo. L’elemento essenziale è la relazione complementare tra spettatore e attore, rappresentata attraverso l’elettricità, futuribile per tematiche e materiali; con un piccolo tocco di assurdità. E il vecchio gioco della figura-sfondo la fa da padrone!

Una selezione aggiornata di 10 immagini del progetto è stata selezionata in occasione di FOTOx1000(2010).

Questo progetto non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 10318 volte

Share |

Share |
TRAVEL TALES AWARD
In un momento storico in cui  i Fotografi hanno dovuto forzatamente chiudere le valigie in cant...
vincitore CCF book award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione   previsto ...
Iscrizioni aperte a URBAN Photo Awards 2021!
Bruce Gilden presidente della giuria In palio un montepremi del valore di 23.000 € e mostre al Trie...
DREAMLANDS
In partenza la nuova iniziativa di  Isp, che in collaborazione con Photographers.it  propo...
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
LEXAR Istituto Italiano di Foto arte contemporanea leica manfrotto terra BN tempo Polaroid portfolio evento Abruzzo contrasto composizione cusano new york
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13906 Utenti Registrati + 29295 Iscritti alla Newsletter
6884 News Inserite - 1847 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate