Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

Immagini » Fine Art » Scheda Progetto

TRACCE
Autore: Stefano Zardini - Pubblicato il 02/12/08 - Categoria Fine Art
"Lasciare che l’occhio squarti il paesaggio."

Lasciare che l’occhio squarti il paesaggio per dividerlo in rettangoli
alle volte larghi e distesi o stretti e verticali come spada verso il cielo.
Scansionare il campo visivo fin quando scatta l’emozione, l’eccitazione.
Tutto è perfetto, i pieni, i vuoti i chiaroscuri,
gli acuti e i bassi che fanno vibrare lo stomaco.

Eccoli, quei segni creati dalla fusione della pendenza della montagna
con la forza di gravità, con la voglia di curvare, di andare dritti,
dal desiderio di vento nella bocca, dalla dipendenza dall’adrenalina
e dagli effetti della sua chimica.
Cercarli quei segni, scovarli come a stanare una preda.
No, non da qui, da lì, certamente da lì, ecco, perfetti.

Aspettare che la luce arrivi tagliente a marcare ancor più
ciò che le lame hanno scavato nel bianco.
Come graffi nella pelle di un’amante ritrovata,
li distingui da quelli prudenti, lenti,
o da questi proprio qui davanti, appena scavati con la rabbia vera
e ancora diversi da quelli lasciati da chi ha la mente leggera.

E quel ventre di donna accasciata che porta le tracce
di percorsi precisi verso una mèta che non so.
Gli avallamenti e le gobbe come piccole dune bianche
rimandano a pensieri lontani a visioni aeree senza il ronzio dei motori.

Figure scure in movimenti uguali, costanti,
come in un film ripetuto innumerevoli volte.

Poche parole, qualche grido, l’ombra silenziosa della funivia
sopra quei ritmi cadenzati, come quella di un predatore gigante,
al di sopra di un plastico in miniatura.

E poi piste larghe, piloni e cavi, e quei segni quasi ovunque,
lì ad aspettare nuova neve a cancellarli,
o il sole di maggio a portarli via per sempre.

Vivranno per sempre nella superficie altrettanto bianca e magica
di un foglio di carta sensibile alla luce.

Stefano Zardini

In mostra a Cortina (Bl) dal 20 dicembre 2008 al 14 febbraio 2009.
IKONOS ART GALLERY Via del Mercato 1
Tel. +39 0436 2930 +39 0436 3565 e-mail : essezeta@sunrise.it
Orario d’apertura : 11:00 – 13:00 17:00 – 20:00 Ingresso libero
Questo progetto non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 19516 volte

Share |

Commenti:
03/02/09 11:48
Grande professionalità, gusto estetico e profonda sensibilità per la natura e... per l'uomo. Complimenti!!!
1 pagina: 1
Share |
Praga photo 2021
  Siamo lieti di annunciare la nostra partecipazione alla XIII° edizione di Prague Photo...
Fragilità
Fragilità Esposizione Collettiva di Arte Contemporanea Galleria GARD - Roma ARTISTI: Rossana ...
Paolo Pellegrin sceglierà il Portfolio vincitore di URBAN Photo Awards 2021
Siamo entusiasti di annunciare la presenza di un altro grandissimo fotografo dell’agenzia Magnum Pho...
SCOLPITE
Inaugura oggi la mostra SCOLPITE, a cura dell'Associazione Donne Fotografe. "Con questa ...
ImageNation Milan
ImageNation Milan - The New Aesthetics arriva a Milano  con una mostra internazionale presso la...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
formazione Capture One 6.2 raffaella milandri fotografia contemporanea stylist grandangolo School corsi fotolia concorsi libro fotografico Hasselblad digitale prodotto Claudia Rocchini esposizioni
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13948 Utenti Registrati + 31642 Iscritti alla Newsletter
6932 News Inserite - 1851 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate