Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » Pubblicazioni » Scheda News

progetto scarfes
Autore: colorride - Pubblicato il 10/07/19 - Categoria Pubblicazioni
Questa news non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina č stata visitata 6077 volte

Share |

Aiutami con 15€ a finanziare la stampa di una fanzine con il mio reportage sull'autolesionismo nella sottocultura 'tcharmil' in Marocco. 

Se non puoi farlo condividi questo link con un video di presentazione del progetto:

igg.me/at/scarfes

Il lavoro è interamente svolto nella città di Fes, nella vecchia medina, dal 2014 al 2017. Ho vissuto assieme ad un gruppo di ragazzi, ospite in una famiglia, la loro la quotidianità fatta di piccole mance dai turisti smarriti nei vicoli della medina o dal guadagno nella vendita di hashish. Nonostante il loro rispetto per il Ramadan, questi ragazzi soffrono enormemente della chiusura della frontiera con la Spagna, il loro unico desiderio è quello di fuggire. L’Islam non regge il confronto con l’Europa, la ricchezza e le belle donne; e le cicatrici sulla loro pelle lo spiegano forte e chiaro. 

L’autolesionismo nella nostra società, molto più diffuso tra gli adolescenti di quanto si pensi, è vissuto come una vergogna da nascondere. Nella cultura tcharmil, invece, è un simbolo da ostentare con orgoglio, un urlo che scatena l’orrore sociale. In Marocco questa forma di autolesionismo è più vecchia di questa sottocultura contemporanea ma le gang giovanili lo hanno adottato come simbolo, come emblema della loro ribellione e voglia di fuggire. In fin dei conti la pelle è il nostro limite e aprirne uno squarcio, in questo caso, assume anche il significato di alleviare una sofferenza interiore molto più grande del dolore fisico. Un atto estremo di autolesionismo molto più simile a quello che commettono i detenuti che non gli adolescenti occidentali. Non a caso il carcere rappresenta una delle peggiori condizioni di privazione della libertà, probabilmente come i giovani tcharmil vivono la loro realtà in Marocco all’interno dei canoni islamici.

Grazie a chi vorra contribuire, avete tempo fino al 29 luglio!

Share |
Milano Sunday Photo
Milano Sunday Photo è il primo “Mercatino” milanese dedicato alla fotografia e in...
Fotografia Europea Open Call
E'  aperta l'Open Call di Fotografia Europea Fotografi, curatori e collettivi&nbs...
BCM22 PHOTOGRAPHY BOOKS REVIEWS
Sabato 19 e domenica 20 novembre 2022 l'Istituto Italiano di Fotografia, in occasione di Bookcit...
CITIES 11
Siamo lieti di annunciare che abbiamo iniziato la produzione di Cities11 ! Con l’occasione ...
mostra Travel Tales 2022
Starring,  con Photographers.it, Viaggio Fotografico,  Il FOTOGRAFO,  la OTTO Gallery...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
26 Dicembre 2022         a Senegal   (Lecco)
Viaggio in sette mondi: da Dakar al delta del Saloum VIAGGIO FOTOGRAFICO IN SENEGAL Dal 26 Dicembr..[continua]
13 Gennaio 2023         a Thailandia   (Roma)
Thai ..[continua]
27 Maggio 2023         a New York   (Roma)

  Popular Tags  
hedler london wi-fi Photographers Days presentazione moda marco carulli terra storia workshop puglia tradizione Hahnemuhle fotolibro phlibero scuola
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
20/09/21
I numeri di Photographers.it
13969 Utenti Registrati + 37168 Iscritti alla Newsletter
6987 News Inserite - 1875 Articoli Inseriti
2815 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate