Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » What's on » Scheda News

Tim Hetherington e Chris Hondros sono rimasti uccisi in Libia
Autore: Redazione - Pubblicato il 21/04/11 - Categoria What's on
Questa news non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 4316 volte

Share |

Non ce l'ha fatta Chris Hondros, il fotografo americano ferito da un colpo di mortaio in Libia, nel corso dello stesso scontro a fuoco che è costato la vita al collega britannico Tim Hetherington. Feriti anche i reporter Guy Martin e Michael Brown. Si trovavano in gruppo sulla Via Tripoli, principale arteria di Misurata ed epicentro dei combattimenti fra governativi e insorti.
La loro perdita - di cui ha dato notizia un quinto fotografo, Andre Liohn, anche lui rimasto ferito, ma in un altro frangente - va ad aggiungersi a quelle precedenti, in marzo, di Ali Hassan Al Jaber, cameraman di Al-Jazeera, e di Mohamed “Mo” Al-Nabous, giornalista e blogger libico.

Chris Hondros, che lavorava per Getty Images, firmava servizi dai teatri di guerra del mondo a partire dalla fine degli anni '90. Fra questi, quello realizzato in Liberia gli era valso una candidatura al Pulitzer nel 2004. Due anni dopo aveva invece ricevuto la Robert Capa Gold Medal.
Tim Hetherington, altrettanto impegnato sul fronte di più di un conflitto, era inviato di Vanity Fair ed aveva vinto il World Press Photo of the Year nel 2007. Era inoltre coautore di un documentario sulla vita di un plotone di soldati Usa in Afghanistan, Restrepo, premiato al Sun Dance Festival 2010 e candidato agli Oscar 2011. Nel suo ultimo tweet scriveva: "Nella città assediata di Misurata. Bombardamenti indiscriminati delle forze di Gheddafi. Nessun segno della Nato".

Che la situazione sia insostenibile lo conferma la richiesta di aiuto lanciata dal Consiglio transitorio libico di Bengasi. Gran Bretagna, Francia e Italia hanno risposto con la decisione di inviare istruttori e ufficiali di collegamento per addestrare gli insorti di Bengasi. Parigi ha inoltre annunciato un aumento dei raid aerei mentre gli Usa invieranno ai ribelli aiuti militari per 25 milioni di dollari.
E intanto il conteggio di giornalisti e fotoreporter uccisi nel mondo, tenuto da Reporters Sans Frontières, sale...





Arianna De Micheli



foto: fonte Reporters sans Frontières







Share |
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020, fissato in via definitiva da...
Finalisti Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione  tuttora in prog...
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
guerra Parigi solidarietà installazione sardegna tempo solitudine matera marco carulli maggio performance School Nital giovani terremoto bianco
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13894 Utenti Registrati + 25052 Iscritti alla Newsletter
6887 News Inserite - 1841 Articoli Inseriti
2810 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate