Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   Shoot Food              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » Mostre » Scheda News

La Luce dell'anima
Autore: fototeca-gilardi - Pubblicato il 10/05/11 - Categoria Mostre
Questa news non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 3590 volte

Share |
Ritratti di Ghitta Carell mostra a cura di Zsazsi Chaillet in collaborazione con Roberto Mutti; in esposizione dal 20 maggio al 26 giugno al Museo Nazionale Ungherese di Budapest. Inaugurazione il 20 maggio alle ore 15:00. Una preziosa testimonianza del lavoro della fotografa ungherese di origini ebraiche, straordinaria ritrattista che operò per molti anni in Italia. Abilissima nella rappresentazione dell’intimo dei suoi illustri soggetti, della loro anima, la faceva emergere costruendola lei stessa, creatrice del loro “look”, della loro “immagine” pubblica. Durante la sessione di ritratto, non solo sceglieva personalmente tra i loro abiti il più adatto alla ripresa ma suggeriva gli atteggiamenti, le pose; inoltre, antesignana del “fotoritocco” ne mitigava le sembianze,  correggendo l’immagine troppo cruda che ne restituiva l’obiettivo: operando pittograficamente sulla lastra negativa con mano esperta.

In Fototeca Gilardi si trova una sezione  importantissima dedicata a Ghitta Carell: custodisce una piccola quantità di lastre, di stampe originali e di oggetti personali “fotografici”, donati dalla stessa fotografa a Gilardi. Egli a cavallo tra gli anni Sessanta/Settanta, venne a conoscenza della stupefacente tecnica e notevole entità del  suo lavoro e appresa da lei stessa l’intenzione di cessare l’attività per trasferirsi in Israele  la appoggiò, nel realizzare il progetto di ritornare alla terra dei “Padri”, con l’aiutarla a promuovere la vendita delle sue immagini; egli valorizzò con sincero e caloroso entusiasmo le sue opere, anche presso altri esperti e i loro committenti. Così, gran parte delle sue meravigliose lastre fotografiche pittografate, fu acquistata da 3M:  le stampe di tali lastre si trovano alla Fondazione 3M. Zsazsi Chaillet ha concepito la mostra componendola di più livelli di lettura: una sezione raccoglie una scelta di stampe delle lastre che illustra una panoramica del suo lavoro in Italia, un’altra dedicata ai  ricordi personali e alla vita privata della fotografa, e una terza che documenta attraverso cinegiornali d’epoca e altro, come era percepito il suo lavoro fotografico nella società italiana del tempo.
Share |
DREAMLANDS
In partenza la nuova iniziativa di  Isp, che in collaborazione con Photographers.it  propo...
Journey to the Lowlands vince l’URBAN Book Award 2020
La fotografa modenese Valeria Sacchetti con il progetto Journey to the Lowlands è la vincitri...
Iscrizioni aperte a URBAN Photo Awards 2021!
Bruce Gilden presidente della giuria In palio un montepremi del valore di 23.000 € e mostre al Trie...
vincitore CCF book award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020 18a edizione   previsto ...
TRAVEL TALES AWARD
In un momento storico in cui  i Fotografi hanno dovuto forzatamente chiudere le valigie in cant...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
Non ci sono Eventi per questa categoria.

  Popular Tags  
fotoreporter national geographic fotografie onnik fotoleggendo catania fotogiornalismo magazine Hasselblad location novoflex GRIN esposizioni ricerca MIA fair Fotoreportage
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13904 Utenti Registrati + 29292 Iscritti alla Newsletter
6884 News Inserite - 1847 Articoli Inseriti
2814 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate