Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi ISP   TTA              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » What's on » Scheda News

I due italiani rapiti in Orissa: monito a turisti e fotografi
Autore: Raffaella Milandri - Pubblicato il 23/03/12 - Categoria What's on
Gradimento: Molto Interessante
Questa pagina è stata visitata 5008 volte

Share |
“Si può viaggiare e fotografare ovunque, ma sempre con precauzione e rispetto. Soprattutto dove c’è già sofferenza.” dice Raffaella Milandri, fotografa e viaggiatrice solitaria. Che proprio in Orissa ha condotto un anno e mezzo fa una ricerca pericolosa, sui disastrosi effetti di una miniera di bauxite su natura e villaggi indigeni. "Fonti fidate, amici dell'Orissa mi dicono che i due italiani rapiti erano stati avvisati dalla polizia più volte, in particolare Paolo Bosusco che faceva la spola abbastanza spesso tra Italia e Orissa. La situazione rischia di compromettere definitivamente l'accesso in zone dell'Orissa che sono paradisi naturali abitati da popoli indigeni (Dongria Khond, Bonda e altre tribù). E questo sarebbe anche un bene se servisse a preservare le loro culture. Ma, in realtà, aiuta a chiudere le porte su una realtà che deve essere monitorata e supportata. Negli ultimi mesi, anche su quotidiani indiani, è salito alla ribalta lo "scandalo" delle Isole Andamane, dove alcune donne Jarawa hanno ballato nude per dei turisti, su incitazione anche di poliziotti locali (filmati su youtube). In realtà, il discorso è molto più complesso. "I popoli indigeni, in tutte le parti del mondo, vanno senz'altro protetti da un tipo di turismo "insensato" e stupido, che non rispetta culture e uomini. Però un episodio come quello dell'Orissa rischia di isolare completamente queste realtà tribali. Chi non viaggia con estrema coscienza e rispetto deve restare a casa." dice Raffaella Milandri, che ha appena pubblicato un libro "Io e i pigmei" della Polaris, dove racconta proprio il suo ultimo viaggio con lo scopo di aiutare questo popolo antico. "I popoli indigeni vanno aiutati e rispettati, non sono fenomeni da baraccone. Sono gli ultimi angeli."
Share |
CITIES BOOKS
Big News da ISP - Italian Street Photography, nostro sito partner: Il mondo di CITIES si arricchisce...
TRAVEL TALES III
Siamo quasi alla fine dell’edizione TTA -  TRAVEL TALES AWARD 2023, MA in realtà q...
Photo Travelers Convention: l’evento che aspettavi!!
Tutto è pronto nella nuovissima e supertecnologica sede di P.AR.CO , a Milano, per la Convent...
Romanzo italiano
Si svolgerà dal 12 al 29 ottobre 2023 presso lo Spazio FIELD di Palazzo Brancaccio a Roma, la...
Biennale della Fotografia Femminile
Inaugura l’8 marzo a Mantova la terza edizione della Biennale della Fotografia Femminile, che ...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
14 Marzo 2024         a MILANO   (Milano)
Il primo Convegno dedicato all’uso dei software AI nei settori dell’immagine e della comunicazione. ..[continua]

  Popular Tags  
raw Obiettivo colore design scuola di fotografia pubblicazione luci formazione LEXAR fotolibro pubblicità Polaroid calendario Parigi incontro viaggi
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13998 Utenti Registrati + 57625 Iscritti alla Newsletter
7068 News Inserite - 1900 Articoli Inseriti
2815 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate