Calendario Eventi    Calendario Ws/Corsi Shoot Food   ISP   www.esta-usa-visto.it/              

Iscriviti solo ai servizi news ed eventi per rimanere
aggiornato sulle varie iniziative del settore fotografia


Inserisci la tua mail  
Indica la provincia     
Apri il tuo spazio free
User   
Password 

Dimenticato la password?
           

News » Mostre » Scheda News

Milan Closets di Pietro Baroni a cura di Laura Davì Opening 14 maggio 2013
Autore: laura davì - Pubblicato il 08/05/13 - Categoria Mostre
Questa news non ha ancora ricevuto feedback.
Questa pagina è stata visitata 2288 volte

Share |

milan|closets     di Pietro Baroni a cura di Laura Davì

25 ritratti di milanesi in posa davanti al loro armadio. Soft voyerismo o rilevazione fotografico-statistica? Il 14 maggio, allo Spazio Espositivo PwC Milano di via Monte Rosa 91 sarà inaugurata la mostra Milan Closets di Pietro Baroni. Una selezione di ritratti dell'intero progetto, iniziato un anno fa, che oggi comprende un centinaio di immagini.


Il risultato è un vero e proprio studio sociale dei guardaroba e con essi delle manie, dei segreti e delle passioni meneghine. Lontano dallo stereotipo di grigiore modaiolo e glam, spalancate le ante si svelano feticci, ricordi o imbarazzanti gingilli. Si dimostra così quanto sia lontano l'immaginario diffuso di una città livida e priva di estro, dipendente dalle passerelle più che dalla vita reale.

I milanesi di tutte le età e professioni, status sociale e intellettuale si sono così rivelati modelli duttili, a volte timidi a volte sfacciati. Tra coppie di tatuatori e un professore di neuroscienze, una cosplayer vestita da Lamù e la famigliola amante dei viaggi. Nei ritratti, spiccano l'anima rosa Schiapparelli della studentessa Chiara, il borsone-armadio del globetrotter Gianfranco, l'immagine di Kennedy nella stanza dell'ironica e-book editor Marina, la preziosa kippah del giornalista Massimiliano o lo sguardo provocante di Medea, modella di nudi artistici, biker per passione. Un campionario umano da gruccia nel quale tutto è concesso. Soprattutto gli scheletri.

Come nelle parole di Enrico Finzi, ricercatore sociale, autore e presidente di AstraRicerche:

«L’idea di Pietro Baroni è davvero felice: raccontare tante persone attraverso i loro armadi, per lo più di vestiti (ma non solo). Si badi: il focus non è sullo stile abbigliamentario. No, qui il protagonista è proprio il guardaroba: a volte la stanza, più spesso il mobile, raramente un mucchietto di capi e di altri oggetti domestici e ‘privati’. La scelta di questo singolare punto di vista s’è dimostrata inconsueta, divertente, significativa: la raccolta e l’esposizione delle proprie cose è un racconto di sé che, diverso da soggetto a soggetto, rende conto della molteplicità degli umani e la esalta. Colpisce non solo la pluralità di capacità di spesa, valori, gusti, passioni delle persone ritratte. Baroni ci ricorda che non esiste un “io in sé”, vero, oggettivo. No, ciascuno di noi è rappresentazione, messa in scena: ogni foto è un pezzo di teatro, nel quale il personaggio calza una maschera e recita la parte che ha definito per se stesso».

 Pietro Baroni (1977) è nato e lavora a Milano.

Fotografo e artista, si muove tra Africa, India e Islanda. Il suo lavoro si concentra prevalentemente su temi contemporanei sociali e filosofici. Ama lavorare con le persone e affrontare il concetto di identità, sempre sfaccettato e ricco di sfumature, che le pervade; di come i volti, i corpi e gli individui si inseriscono nei contesti sociali attraverso realtà, maschere e finzioni.

Nel gennaio 2013 ha esposto a Palazzo delle Stelline il progetto “Eternity” e presso Think Cattleya c’è ora in mostra “Sarpi Mestieri” (all’interno della grande collettiva Arte in Sarpi).

Da due anni partecipa a Prima Visione, la collettiva fotografica curata dal GRIN presso la Galleria Belvedere a Milano.

 

Laura Davì, nata in Svizzera, giornalista professionista e photoeditor, insegna photoediting e costruzione del portfolio al master di fotogiornalismo di Obiettivo Reporter. Membro del GRIN (Gruppo Redattori Iconografici Nazionale) da sempre, ha lavorato in riviste storiche come Carnet, Qui Touring, Dove, Gulliver, Colors e Psychologies. Oltre a fare da curatrice per mostre e fotografi, tiene letture portfolio nelle più importanti manifestazioni di fotografia e organizza laboratori di fotografia per bambini.

Milan Closets sarà presente anche al Pesaro Foto Festival (25-26 maggio) c/o lo Spazio Canon.

Informazioni: Milan closets

14 | 22 maggio 2013

Spazio Espositivo PwC Milano

via Monte Rosa 91 - 20149 Milano

inaugurazione: 14 maggio 2013 ore 18.30

 

Per immagini in alta definizione e materiale stampa rivolgersi a Cristina Piotti: cripiotti@yahoo.it
Share |
CITIES INSIDE
rilanciamo volentieri una nuova iniziativa del nostro partner Isp; una call gratuita per progetti ch...
17 Graffi. Piazza Fontana 50°
Nel cinquantesimo anniversario di quella che fu una delle pagine più drammatiche della storia...
2° Corigliano Calabro Fotografia Book Award
Nell’ambito del Festival Corigliano Calabro Fotografia 2020, l’associazione Corigliano p...
100 PAROLE X 100 FOTOGRAFI
100 PAROLE X 100 FOTOGRAFI MAPPE DI COMUNICAZIONE CONTEMPORANEA QUATTRO VOLUMI - UNA GRANDE MOST...
Cities 6
Cities 6 è in uscita a fine marzo 2020! oltre a poter ordinare copie del magazine sono dis...
WS/Corsi in Evidenza Vedi tutti
18 Luglio 2020         a KIRGHIZISTAN   (Lecco)
workshop - viaggio fotografico con il fotografo Pensotti Stefano nel Pamir Reportage, paesaggio, str..[continua]

  Popular Tags  
galleria mare portfolio emozioni donna polifemo Nino Migliori video lavoro phlibero casa reggio emilia fiaf fiera poesia Foro Stenopeico
Vuoi relazionarti con altri utenti?
Vai nello spazio Community.
I numeri di Photographers.it
13898 Utenti Registrati + 20796 Iscritti alla Newsletter
6869 News Inserite - 1842 Articoli Inseriti
2811 Progetti fotografici e Mostre Virtuali pubblicate